Public documents

National information and online forms concerning Regulation No. 2016/1191

In July 2016, the European Union adopted a Regulation simplifying the circulation of certain public documents between EU countries. The Regulation aims at reducing red tape and costs for citizens when they need to present a public document issued by the authorities of an EU country to the authorities of another EU country. Under the Regulation, public documents (for example, a birth certificate or a marriage notarial document) issued in an EU country must be accepted as authentic in another EU country without the need for such documents to bear an authentication stamp (the apostille). The public documents covered by the Regulation are, in particular, civil status (for example, birth, death, marriage, registered partnership, adoption), but also residence and the absence of a criminal record.

The Regulation also abolishes the obligation to, in all cases, provide certified copies and certified translations of public documents issued in another EU country. The Regulation introduces optional multilingual, standard forms that can be attached to the public documents to avoid translation requirements. The Regulation does not govern the recognition in a EU country of the content or effects of a public document issued in another EU country. The recognition of such content or effects depends on the law of the receiving country. The Regulation is applicable from 16 February 2019.

Last update: 27/02/2019

This page is maintained by the European Commission. The information on this page does not necessarily reflect the official position of the European Commission. The Commission accepts no responsibility or liability whatsoever with regard to any information or data contained or referred to in this document. Please refer to the legal notice with regard to copyright rules for European pages.

Documenti pubblici - Belgio

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

L'impiego delle lingue da parte dei servizi locali è disciplinato dalla legislazione belga in materia di lingue nelle questioni amministrative (legge del 2 agosto 1963 sull'uso delle lingue per le questioni amministrative e regio decreto del 18 luglio 1966 che coordina le leggi sull'uso delle lingue nelle questioni amministrative).

La normativa stabilisce le lingue che i cittadini possono utilizzare per la presentazione di documenti presso un'autorità.

Il Belgio ha quattro regioni linguistiche: la regione di lingua neerlandese, la regione di lingua francese, la regione di lingua tedesca e la regione di Bruxelles capitale (articolo 2 della legge sull'uso delle lingue nelle questioni amministrative). In ciascuna regione linguistica, le autorità locali accettano i documenti presentati soltanto nella lingua della regione.

  • Regione neerlandofona:

i comuni delle province di Anversa, Limburg, Fiandre orientali, Fiandre occidentali e Brabante Fiammingo.

dove i documenti dovrebbero essere presentati in neerlandese.

Fanno eccezione i comuni di Sint-Genesius-Rode, Wezembeek-Oppem, Drogenbos, Kraainem, Linkebeek, Wemmel, Bever, Herstappe, Spiere-Helkijn, Voeren, Mesen e Ronse,

dove i documenti dovrebbero essere presentati in neerlandese, ma possono essere presentati anche in francese.

  • Regione francofona:

i comuni delle province di Hainaut, Lussemburgo, Namur, Liegi (ad eccezione dell'area germanofona) e Brabante Vallone,

dove i documenti dovrebbero essere presentati in francese.

Fanno eccezione i comuni di Soignies, Enghien, Mouscron e Comines-Warneton,

dove i documenti dovrebbero essere presentati in francese, ma possono essere presentati anche in neerlandese.

Fanno eccezione i comuni di Malmedy e Waimes,

dove i documenti dovrebbero essere presentati in francese, ma possono essere presentati anche in tedesco.

  • Regione germanofona:

i comuni di Amel, Büllingen, Burg-Reuland, Bütgenbach, Eupen, Kelmis, Lontzen, Raeren e Sankt Vith,

dove i documenti dovrebbero essere presentati in tedesco, ma possono essere presentati anche in francese.

  • Regione di Bruxelles capitale:

i comuni di Anderlecht, Auderghem, Berchem-Sainte-Agathe, Brussels, Etterbeek, Evere, Forest, Ganshoren, Ixelles, Jette, Koekelberg, Molenbeek-Saint-Jean, Saint-Gilles, Saint-Josse-ten-Noode, Schaerbeek, Uccle, Watermael-Boitsfort, Woluwé-Saint-Lambert e Woluwé-Saint-Pierre,

dove i documenti possono essere trasmessi in neerlandese o francese.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

1) Certificati di stato civile (rilasciati dai comuni belgi nonché dalle missioni diplomatiche e le rappresentanze consolari)

  • certificato di nascita
  • certificato di matrimonio
  • certificato di adozione
  • certificato di riconoscimento
  • certificato di morte
  • certificato di modifica del cognome
  • certificato di modifica del nome
  • certificato di cittadinanza belga
  • certificato relativo a un bambino morto
  • certificato di riconoscimento precedente alla nascita
  • certificato di dichiarazione di scelta del cognome
  • certificato di modifica relativo alla registrazione del sesso
  • certificato di revoca o revisione di adozione, di nuova modifica di registrazione del sesso o di annullamento

2) Decisioni giudiziarie

  • sentenza che sostituisce il certificato di nascita
  • sentenza di riconoscimento di paternità o maternità (ricerca di maternità, paternità ecc.)
  • sentenza di disconoscimento di paternità o maternità (maternità, presunzione di paternità o di comaternità, riconoscimento da parte della madre, del padre ecc.)
  • sentenza d’adozione.

3) Estratti del casellario giudiziale centrale

  • Laddove l'estratto non riporti condanne e presenti pertanto una fedina penale pulita:
    • estratto del casellario giudiziale centrale, rilasciato ai sensi dell'articolo 595 del codice di procedura penale;
    • estratto del casellario giudiziale centrale, rilasciato ai sensi dell'articolo 596, primo comma, del codice di procedura penale;
    • estratto del casellario giudiziale centrale, rilasciato ai sensi dell'articolo 596, secondo comma, del codice di procedura penale.
  • In Belgio gli estratti a uso delle persone fisiche sono solitamente rilasciati dalle autorità comunali, collegate al casellario giudiziale centrale dal 1° gennaio 2018. Il casellario giudiziale centrale rilascia direttamente i certificati solo in circostanze specifiche (ad esempio per i residenti stranieri, i diplomatici o le persone giuridiche).

4) Certificati rilasciati dalle rappresentanze consolari

  • certificato di nulla osta al matrimonio
  • certificato di stato civile (divorzio, separazione legale e annullamento del matrimonio, unione registrata, scioglimento dell'unione registrata)
  • certificato di domicilio (domicilio e/o residenza, con o senza storico di residenza) ;
  • certificato di cittadinanza;
  • estratti dei registri;
  • certificato di stato di famiglia;
  • certificato di congruità anagrafica.

5) Certificati rilasciati dai comuni/dall'SPF Intérieur (Servizio pubblico federale degli interni)

  • certificato di residenza;
  • certificato di residenza con storico;
  • certificato di esistenza in vita;
  • certificato di cittadinanza belga;
  • certificato di convivenza;
  • certificato di residenza (in prospettiva di un matrimonio);
  • certificato di un elettore belga;
  • estratto dei registri.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

1) Copie dei certificati di stato civile

Redatte dai comuni e dalle rappresentanze consolari

- certificato di nascita;

- certificato di matrimonio;

- certificato di morte.

2) Estratto del casellario giudiziale centrale

- assenza di precedenti penali.

3) Certificati rilasciati dalle rappresentanze consolari

- certificazione della capacità matrimoniale;

- stato civile.

4) Certificati rilasciati dai comuni/dal Servizio pubblico federale degli interni

- certificato attestante la residenza principale di una persona -> Allegato X;

- certificato attestante la residenza principale di una persona con storico di residenza -> Allegato X;

- certificato di esistenza di vita -> Allegato II;

- certificato di convivenza legale -> Allegato VII;

- certificato di residenza prematrimoniale -> Allegato X.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

In Belgio al momento non esiste un albo di traduttori giurati.

Il 1° dicembre 2016 è entrata in vigore la legge del 10 aprile 2014, che modifica diverse disposizioni al fine di istituire un registro nazionale dei giuristi e un registro nazionale dei traduttori, degli interpreti e dei traduttori-interpreti giurati.

Tale legge mira a creare un registro nazionale dei traduttori, degli interpreti e dei traduttori-interpreti giurati. Tuttavia, il registro nazionale non è ancora operativo ed è in corso di elaborazione una nuova legge per una sua ulteriore evoluzione. Una volta che la legge verrà approvata e il registro nazionale sarà operativo, il Belgio invierà alla Commissione il link al sito web del registro nazionale. Grazie a questo sito, chiunque potrà trovare agevolmente un traduttore giurato per la lingua di cui ha bisogno nella propria regione, anche se non tutte le informazioni sui traduttori giurati saranno pubbliche.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

1) Certificati di stato civile:

-        comuni;

-        copie estratte direttamente dalla Banque de données des actes de l'état civil, BAEC (banca dati dei certificati di stato civile);

-        ambasciate e consolati belgi;

-        l'SPF Affaires étrangères – Direction Droit des personnes (servizio pubblico federale Affari esteri – Direzione dei diritti personali).

2) Certificati rilasciati dai comuni/dal Servizio pubblico federale degli interni (utilizzando "Mon dossier")

-        Direction générale Institutions et Population - Registre national – (Direzione generale Istituzioni e popolazione – Registro nazionale).

3) Estratto del casellario giudiziale centrale

Le "copie" degli estratti del casellario giudiziale centrale non possono essere certificate come copie autentiche. Soltanto l'estratto originale rilasciato è considerato autentico.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Informazioni relative a estratti e a certificati (escluse le copie certificate)

1) Certificati di stato civile:

-        il logo del comune O il logo della BAEC O il logo del sito consolare e il logo del Belgio.

-        il timbro elettronico della BAEC + il link/codice a barre da utilizzare per verificare l'effettivo rilascio della copia o dell'estratto da parte della BAEC.

2) Certificati del servizio pubblico federale degli interni (utilizzando "Mon dossier")

Su ogni documento devono figurare il sigillo (timbro elettronico) del Regno del Belgio e la dicitura "SPF Intérieur – Registre national".

I file sono in formato PDF e recano la firma del registro nazionale e tutti i loghi ufficiali.

Il timbro elettronico è raffigurato dalle lettere "IBZ" sull'intestazione.

3) Estratti del casellario giudiziale centrale

-        Estratti rilasciati dalle autorità comunali

Gli estratti devono essere datati e firmati dalle autorità comunali (articolo 10, regio decreto del 21 novembre 2016).

Attualmente, gli estratti devono sempre riportare un timbro autentico, la data e la firma del sindaco o di un suo vice.

In quanto estratti del casellario giudiziale centrale, recano sempre la firma visibile (scansionata) del direttore del casellario giudiziale centrale.

Alcuni comuni rilasciano già estratti in formato elettronico.

-        Estratti rilasciati dal casellario giudiziale centrale

Il documento conterrà il timbro a secco del casellario giudiziale centrale e la firma (registrata) del funzionario che ha emesso l'estratto.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

Nient'altro oltre a quanto riportato sopra.

Ultimo aggiornamento: 25/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Repubblica ceca

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Ceco, slovacco

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

  • certificato di nascita;
  • certificato di matrimonio;
  • certificato di morte;
  • certificato di unione registrata;
  • certificato di capacità di contrarre matrimonio;
  • certificato di capacità di sottoscrivere un'unione registrata;
  • estratto verbatim dall'anagrafe;
  • conferma dei dati inseriti nell'anagrafe;
  • conferma dei dati riportati nel registro dei documenti o nel duplicato dell'anagrafe tenuto fino al 31 dicembre 1958;
  • decisione che consente una modifica del nome o del cognome;
  • conferma di matrimonio;
  • estratto di casellario giudiziale per persone fisiche;
  • certificato notarile che conferma l'esistenza in vita di qualcuno;
  • fornitura di dati dal registro anagrafico a una persona fisica;
  • certificato contenente una dichiarazione affermativa dei genitori sulla paternità di un figlio (nato o non nato);
  • conferma del matrimonio (rilasciata da un'ambasciata ceca o da un consolato ceco);
  • decisioni di organi giurisdizionali relative ai fatti di cui all'articolo 2, paragrafo 1, del regolamento, ad esempio:

sentenza che stabilisce la data di nascita di un minore;

sentenza che dichiara una persona deceduta;

sentenza che determina la data di decesso valida di una persona;

sentenza che concede a un minore il permesso di contrarre matrimonio;

sentenza che riconosce a un minore la capacità di agire;

sentenza di divorzio;

sentenza di dichiarazione della paternità;

sentenza di dichiarazione della maternità;

sentenza sull'adozione di un minore o sentenza sull'adozione di un adulto.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

  • Certificato di nascita (nascita)
  • Certificato di morte (decesso)
  • Certificato di matrimonio (matrimonio)
  • Certificato di capacità di contrarre matrimonio (capacità di contrarre matrimonio)
  • Certificato di unione registrata (unione registrata)
  • Certificato di capacità di sottoscrivere un'unione registrata (capacità di sottoscrivere un'unione registrata)
  • Estratto del casellario giudiziale per le persone fisiche (assenza di un casellario giudiziale presso lo Stato membro di cittadinanza della persona interessata)
  • Fornitura di dati dal registro anagrafico a una persona fisica (domicilio e/o residenza)

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

  • Interpreti ai sensi della legge n. 36/1967 sui periti e sugli interpreti - elenco degli interpreti disponibile sul sito web del ministero della Giustizia:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://datalot.justice.cz/justice/repznatl.nsf/$$SearchForm?OpenForm&Seq=1#_RefreshKW_select_5

  • Ambasciate e consolati cechi – verifica dell'accuratezza delle traduzioni ai sensi dell'articolo 18, terzo comma, lettera e), della legge n. 150/2017 sul servizio esterno

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

La certificazione che un documento è una copia conforme di un documento originale (conferma dell'autenticità) viene eseguita dai seguenti soggetti:

  • autorità regionali;
  • uffici municipali di comuni con potere esteso;
  • autorità municipali, uffici distrettuali o uffici di distretti municipali di centri industriali strutturati territorialmente e uffici dei distretti della città di Praga; il relativo elenco è stabilito dalla legislazione di esecuzione (l'elenco delle autorità municipali che effettuano la conferma di autenticità e la legalizzazione è riportato nell'allegato n. 1 del decreto attuativo n. 36/2006 sulla certificazione di un documento in quanto copia conforme di un documento originale e sulla certificazione dell'autenticità di una firma, come modificato);
  • autorità distrettuali militari;
  • titolare di licenza postale (posta ceca);
  • camera di commercio ceca;
  • notai;
  • ambasciate ceche (consolati).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Traduzioni certificate

1. Traduzione certificata da un interprete

Gli interpreti devono indicare sulla prima pagina di una traduzione scritta la lingua dalla quale è stata effettuata la traduzione e sulla pagina finale devono apporre la conferma della loro competenza in veste di interpreti accompagnata dal loro timbro di interpreti. Il documento tradotto o una sua copia autentica deve essere pinzato alla traduzione scritta in maniera sicura. La conferma della competenza in veste di interprete può essere scritta a mano o scritta a macchina o apposta mediante un timbro.

La conferma della competenza in veste di interprete deve contenere quanto segue:

  • informazioni relative alla nomina della persona in qualità di interprete (informazioni relative alla decisione dell'organo giurisdizionale che nomina l'interprete – luogo e data di emissione, numero di riferimento, informazioni relative alla lingua per la quale è stato nominato l'interprete);
  • conferma che la traduzione trasferisce accuratamente il testo del documento allegato;
  • informazioni riguardanti correzioni alla traduzione;
  • numero sequenziale con il quale la traduzione è stata iscritta nel registro dell'interprete;
  • luogo e data di rilascio della conferma della competenza in veste di interprete;
  • nome, cognome, firma dell'interprete, timbro.

L'indirizzo dell'interprete e altre informazioni di contatto, quali numero di telefono, indirizzo e-mail, ID della casella dati e numero di registrazione presso l'Albo degli interpreti e dei traduttori della Repubblica ceca nominati da organi giurisdizionali, possono essere aggiunti alle informazioni obbligatorie di cui sopra. È altresì auspicabile indicare il numero di pagine effettive della traduzione.

La conferma della competenza in veste di interprete è sempre redatta nella lingua di destinazione.

2. Certificazione dell'accuratezza della traduzione di un documento pubblico da parte di un'ambasciata ceca o di un consolato ceco

Un certificato di autenticazione che certifica l'accuratezza di una traduzione deve contenere quanto segue:

  • nome dell'ambasciata o del consolato;
  • numero sequenziale con il quale la certificazione è iscritta nel registro delle certificazioni;
  • lingua del documento tradotto;
  • lingua verso la quale il documento è stato tradotto;
  • informazioni sul fatto che la traduzione sia stata commissionata dall'ambasciata o presentata dal richiedente;
  • informazioni sul fatto che la traduzione sia completa o parziale;
  • il nome o i nomi, il cognome e la firma della persona che certifica l'accuratezza del documento;
  • timbro ufficiale; e
  • luogo e data di certificazione dell'accuratezza della traduzione.

Copie autentiche

L'autenticazione che conferma che un documento è una copia conforme di un documento originale (conferma dell'autenticità) deve presentare, sul documento originale o su un foglio allegato in maniera sicura al documento originale, il certificato di autenticazione e il timbro ufficiale. Il certificato di autenticazione deve contenere quanto meno i seguenti elementi:

  • nome dell'autorità;
  • numero sequenziale con il quale la conferma dell'autenticità è iscritta nel registro delle certificazioni;
  • informazioni che attestano che il documento oggetto dell'autenticazione è identico al documento a partire dal quale è stato creato e che indicano se tale documento è un originale, il documento già certificato e autenticato, un documento risultante da una conversione autorizzata di un documento, un duplicato creato da file o una copia di una decisione scritta o di un dispositivo di una decisione emessa conformemente a legislazione speciale;
  • il numero di pagine delle quali consta il documento;
  • informazioni sulla possibilità che il documento oggetto dell'autenticazione sia un duplicato completo o parziale oppure una copia completa o parziale;
  • informazioni sulla possibilità che il documento dal quale è stato creato il documento oggetto dell'autenticazione contenga una caratteristica di sicurezza visibile che costituisce parte integrante del contenuto legalmente significativo di tale documento (ad esempio ologramma);
  • la data in cui è stata rilasciata la conferma di autenticità;
  • il nome o i nomi, il cognome e la firma della persona che rilascia la conferma di autenticità (ad esempio funzionario, sindaco o vicesindaco, dipendente assunto presso un'autorità distrettuale militare, dipendente del titolare di licenza postale o Camera di commercio ceca).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

La conferma dell'autenticità è riportata sul documento che viene autenticato sotto forma di un certificato di autenticazione su ciascun foglio; in alternativa, i fogli del documento oggetto dell'autenticazione vengono pinzati in maniera sicura a formare un fascicolo sul quale viene apposto un sigillo. Il sigillo è stampato con un timbro ufficiale su entrambi i lati in modo tale che una parte del timbro ufficiale venga stampata sul documento oggetto dell'autenticazione.

Qualora non vi sia spazio sufficiente sul documento da autenticare per apporre il certificato di autenticazione, quest'ultimo figura su un foglio di carta singolo allegato in maniera sicura al documento oggetto dell'autenticazione e nel punto nel quale tale certificato viene allegato viene apposto un sigillo (cfr. sopra).

Se il documento oggetto dell'autenticazione è costituito da uno o più fogli e ciascun foglio è scritto soltanto su una facciata, le facciate vuote vengono barrate dall'angolo superiore sinistro all'angolo inferiore destro e il certificato di autenticazione viene riportato sulla facciata oggetto dell'autenticazione.

Se nel testo del documento oggetto dell'autenticazione o tra il certificato di autenticazione e il testo presente sul documento oggetto dell'autenticazione è presente uno spazio vuoto, la persona che effettua l'autenticazione deve barrare l'area vuota dall'angolo in alto a sinistra a quello in basso a destra.

Il modello del certificato di autenticazione è stabilito nell'allegato 2 del decreto attuativo n. 36/2006 sulla certificazione di un documento in quanto copia conforme di un documento originale e sulla certificazione dell'autenticità di una firma, come modificato.

Il certificato di autenticazione è riportato su un documento oggetto di autenticazione nei seguenti modi:

  • con un timbro contenente le informazioni di cui sopra compilate a mano; oppure
  • ricorrendo a una stampa creata utilizzando tecnologia informatica contenente i dati di cui sopra; la stampa avviene su un'etichetta autoadesiva apposta quindi sul documento o su un foglio di carta separato. L'etichetta è apposta sul documento oggetto dell'autenticazione e sulla stessa viene apposto un timbro ufficiale facendo in modo che parte del timbro ufficiale venga stampata sull'etichetta. La stampa del certificato di autenticazione su un foglio di carta separato deve essere allegata in maniera sicura al documento oggetto dell'autenticazione.
Ultimo aggiornamento: 28/08/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Danimarca

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Come regola generale, le autorità danesi sono tenute ad accettare documenti pubblici in danese e possono quindi richiedere la traduzione di questi documenti qualora non siano redatti in lingua danese.

Tuttavia, ai sensi della convenzione sulle lingue nordiche, taluni documenti possono essere accettati in finlandese, islandese, norvegese e svedese. Ciò si applica in particolare ai certificati di cambio di nome, al permesso di utilizzare un nome, all'approvazione di un nome, a certificati di matrimonio, a certificati di unione civile, certificati di stato civile, decreti di divorzio, ordinanze di separazione e sentenze in materia di divorzio, separazione o annullamento di un matrimonio e sentenze che constatano la cessata esistenza di un matrimonio o di un'unione civile registrata. Inoltre, i documenti relativi al trattamento di casi riguardanti il nome di una persona possono essere accettati in tedesco o in inglese.

Anche i documenti che confermano l'assenza di precedenti penali possono essere accettati in inglese.

In casi specifici, tuttavia, un'autorità può autorizzare documenti in altre lingue, pur non essendo obbligata a riconoscere lingue diverse da quelle di cui sopra.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Le autorità danesi hanno individuato i seguenti come documenti rientranti nel campo di applicazione del regolamento:

  • assenza di precedenti penali;
  • prova di residenza;
  • personattest (registrazione individuale) di una persona nel registro anagrafico centrale;
  • fødsels- og dåbsattest (certificato di nascita e battesimo);
  • certificato di matrimonio;
  • certificato di nulla osta al matrimonio;
  • dåbsattest (certificato di battesimo);
  • fødselsattest (certificato di nascita) (non più rilasciato ma ancora valido);
  • fødsels- og navneattest (certificato di nascita e del nome) (non più rilasciato ma ancora valido);
  • navneattest (certificato del nome) (non più rilasciato ma ancora valido);
  • certificato di morte e di funerale (rilasciato soltanto in alcuni casi nei quali è richiesto un certificato per un cittadino deceduto prima del 1° aprile 1968, data di creazione del registro anagrafico centrale);
  • certificato di cambio di nome;
  • permesso di utilizzare un nome;
  • approvazione di un nome;
  • certificato di unione civile;
  • certificati di stato civile;
  • decreto di divorzio;
  • ordinanza di separazione;
  • sentenza
    • che dichiara il divorzio;
    • che dichiara la separazione;
    • che statuisce l'annullamento di un matrimonio;
    • che ha per effetto la constatazione della cessata esistenza di un matrimonio;
    • che ha per effetto la constatazione della cessata esistenza di un'unione civile registrata.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Il seguente è un elenco dei documenti danesi ai quali può essere allegato un modulo standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione:

  • assenza di precedenti penali;
  • prova di residenza;
  • registrazione individuale di una persona nel registro anagrafico centrale;
  • certificato di nascita e battesimo;
  • certificato di matrimonio;
  • certificato di nulla osta al matrimonio;
  • certificato di battesimo;
  • certificato di unione civile;
  • certificato di stato civile.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

In Danimarca non esiste un elenco o una banca dati di traduttori/interpreti accessibile al pubblico.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

In taluni casi l'autorità che ha rilasciato il certificato o il documento può emetterne una copia di conferma. Inoltre, un'autorità che ha assunto il controllo dell'autorità emittente può, in determinati casi, emettere anch'essa una copia di conferma.

Un notaio presso gli organi giurisdizionali danesi è altresì autorizzato a emettere una copia di conferma di un certificato o di un documento.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Una copia di conferma indicherà di norma l'autorità che ha confermato la copia, mediante apposizione di un timbro di un comune o della certificazione notarile.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

In taluni casi una copia di conferma recherà la dicitura "COPIA" timbrata sulla stessa.

Ultimo aggiornamento: 12/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Germania

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Tedesco

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Ambito di applicazione

Documento pubblico

Nascita

  • Geburtsurkunde (certificato di nascita)
  • Beglaubigter Ausdruck aus dem Geburtenregister (estratto certificato del registro delle nascite)

Esistenza in vita

  • Einfache Meldebescheinigung (certificato in forma abbreviata di registrazione della residenza)
  • Erweiterte Meldebescheinigung (certificato in forma estesa di registrazione della residenza)

Decesso

  • Sterbeurkunde (certificato di morte)
  • Beglaubigter Ausdruck aus dem Geburtenregister (estratto certificato del registro dei decessi)

Nome

  • Geburtsurkunde (certificato di nascita)
  • Eheurkunde (certificato di matrimonio)
  • Lebenspartnerschaftsurkunde (certificato di unione registrata)

Matrimonio

Capacità matrimoniale

Stato civile

  • Eheurkunde (certificato di matrimonio)
  • Beglaubigter Ausdruck aus dem Geburtenregister (estratto certificato del registro dei matrimoni)
  • Ehefähigkeitszeugnis (certificato di capacità matrimoniale)
  • Einfache Meldebescheinigung (certificato in forma abbreviata di registrazione della residenza)
  • Erweiterte Meldebescheinigung (certificato in forma estesa di registrazione della residenza)

Divorzio

Annullamento del matrimonio

  • Eheurkunde (certificato di matrimonio)
  • Beglaubigter Ausdruck aus dem Geburtenregister (estratto certificato del registro dei matrimoni)

Unione registrata

Capacità di sottoscrivere un'unione registrata

  • Lebenspartnerschaftsurkunde (certificato di unione civile)
  • Beglaubigter Ausdruck aus dem Geburtenregister (estratto certificato dal registro delle unioni civili)
  • Bescheinigung zur Begründung einer Lebenspartnerschaft (certificato di capacità di sottoscrivere un'unione civile)

Scioglimento di un'unione registrata

  • Lebenspartnerschaftsurkunde (certificato di unione civile)
  • Beglaubigter Ausdruck aus dem Geburtenregister (estratto certificato dal registro delle unioni civili)

Genitorialità

  • Beglaubigter Ausdruck aus dem Geburtenregister (estratto certificato dal registro delle nascite)

Domicilio

Residenza

  • Einfache Meldebescheinigung (certificato in forma abbreviata di registrazione della residenza)

Cittadinanza

  • Einbürgerungsurkunde (certificato di naturalizzazione)
  • Urkunde über den Erwerb der deutschen Staatsangehörigkeit durch Erklärung (certificato di acquisizione della cittadinanza tedesca per dichiarazione)
  • Entlassungsurkunde (certificato di perdita della cittadinanza)
  • Verzichtsurkunde (certificato di rinuncia alla cittadinanza)
  • Genehmigung zur Beibehaltung der deutschen Staatsangehörigkeit (autorizzazione a conservare la cittadinanza tedesca)
  • Staatsangehörigkeitsausweis (certificato di cittadinanza)
  • Ausweis über die Rechtstellung als Deutscher (certificato di stato giuridico di cittadino tedesco)

Adozione

  • Gerichtlicher Beschluss (ordinanza del tribunale)

Assenza di precedenti penali

  • Führungszeugnis (certificato di buona condotta)

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Documento pubblico

Ausilio per la traduzione

Geburtsurkunde (certificato di nascita)

Allegato I — Nascita

Einfache Meldebescheinigung (certificato in forma abbreviata di registrazione della residenza)

Allegato II — Esistenza in vita

Sterbeurkunde (certificato di morte)

Allegato III — Decesso

Eheurkunde (certificato di matrimonio)

Allegato IV — Matrimonio

Ehefähigkeitszeugnis (certificato di capacità matrimoniale)

Allegato V — Capacità matrimoniale

Erweiterte Meldebescheinigung (certificato in forma estesa di registrazione della residenza)

Allegato VI — Stato civile

Lebenspartnerschaftsurkunde (certificato di unione civile)

Allegato VII — Unione registrata

Bescheinigung zur Begründung einer Lebenspartnerschaft (certificato di capacità di sottoscrivere un'unione civile)

Allegato VIII — Capacità di sottoscrivere un'unione registrata

Erweiterte Meldebescheinigung (certificato in forma estesa di registrazione della residenza)

Allegato IX — Stato di unione registrata

Einfache Meldebescheinigung (certificato in forma abbreviata di registrazione della residenza)

Allegato X — Domicilio e/o residenza

Assenza di precedenti penali

Allegato XI — Assenza di precedenti penali

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Esiste una banca dati nazionale di interpreti e traduttori, conservata dallo Stato federale di Hessen. È accessibile gratuitamente online all'indirizzo Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.justiz-dolmetscher.de/ e dispone di una funzione di ricerca avanzata (ad esempio, è possibile cercare per Stato federale, tribunale o lingua). Nella banca dati figurano soltanto gli interpreti e i traduttori giurati e pubblicamente nominati. È possibile trovare anche le autorità responsabili allo stesso indirizzo.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

In Germania tutte le autorità o gli organismi che rilasciano documenti pubblici (ad esempio, gli uffici del registro dello stato civile, le autorità di registrazione della residenza o i tribunali) e i notai hanno la facoltà di rilasciare copie certificate.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Le copie autentiche recano una dichiarazione che conferma che si tratta di copie conformi all'originale (ad esempio, un atto giudiziario o notarile), il sigillo o il timbro dell'autorità/ufficio di rilascio e la firma della persona che certifica la copia (articolo 42, comma 1, della Beurkundungsgesetz (legge sulla registrazione ufficiale dei documenti)). Le traduzioni certificate recano il timbro/sigillo e la firma del traduttore.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

Le copie autentiche recano una dichiarazione che conferma che si tratta di copie conformi all'originale (ad esempio, un atto giudiziario o notarile), il sigillo o il timbro dell'autorità/ufficio di rilascio e la firma della persona che certifica la copia (articolo 42, comma 1, della Beurkundungsgesetz (legge sulla registrazione ufficiale dei documenti)). Le traduzioni certificate recano il timbro/sigillo e la firma del traduttore.

Ultimo aggiornamento: 23/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Croazia

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

La Repubblica di Croazia accetterà documenti pubblici soltanto in croato, ossia non accetterà documenti pubblici in altre lingue ufficiali degli Stati membri dell'UE.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

L'elenco di documenti pubblici rientranti nell'ambito di applicazione del presente regolamento è:

- rodni list (certificato di nascita) (allegato I);

- smrtni list (certificato di morte) (allegato III);

- vjenčani list (certificato di matrimonio) (allegato IV);

- potvrda o slobodnom bračnom stanju (certificato di stato celibe/nubile) (allegato VI);

- potvrda o životnom partnerstvu (certificato di unione civile) (allegato VII);

- uvjerenje o prebivalištu i/ili boravištu (certificato di domicilio e/o residenza) (allegato X);

- potvrda o nepostojanju kaznene evidencije (certificato di assenza di precedenti penali) (allegato XI).

Nota: i documenti pubblici di cui agli allegati I-VII sono rilasciati dal Ministarstvo uprave (ministero della Pubblica amministrazione), quelli di cui all'allegato X sono rilasciati dal Ministarstvo unutarnjih poslova (ministero degli Interni) e quelli di cui all'allegato XI sono rilasciati dal Ministarstvo pravosuđa (ministero della Giustizia).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

L'elenco di documenti pubblici ai quali è possibile allegare moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione è:

- certificato di nascita (allegato I);

- certificato di morte (allegato III);

- certificato di matrimonio (allegato IV);

- certificato di stato civile celibe/nubile (allegato VI);

- certificato di unione civile (allegato VII);

- certificato di domicilio e/o residenza (allegato X);

- certificato di assenza di precedenti penali (allegato XI).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Ai sensi del diritto croato, gli interpreti giudiziari sono qualificati per effettuare traduzioni certificate.

Collegamento all'elenco aggiornato degli interpreti giudiziari pubblicato sul sito web del ministero della Giustizia (in croato):

Il link si apre in una nuova finestrahttps://pravosudje.gov.hr/UserDocsImages/dokumenti/Pravo%20na%20pristup%20informacijama/Registri%20i%20baze%20podataka/Popis%20stalnih%20sudskih%20tumaca.pdf

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

Ai sensi del diritto croato, copie autentiche di documenti pubblici possono essere rilasciate dai javni bilježnici (notai); l'elenco di quelli qualificati, denominato Imenik javnih bilježnika (elenco dei notai), è gestito dall'Upravni odbor (consiglio di amministrazione) della Hrvatska javnobilježnička komora (Camera croata dei notai) e può essere consultato sul sito web della Camera: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.hjk.hr/Uredi

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Le traduzioni certificate e le copie autentiche possono essere identificate tramite un normale controllo visivo, poiché ogni traduzione o copia reca il timbro di un interprete giudiziario o di un notaio, che indica chiaramente che il documento in questione è una traduzione o una copia.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

La caratteristica specifica di una copia autentica è il timbro del notaio che l'ha prodotta.

Ultimo aggiornamento: 26/08/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Italia

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

si indicano le seguenti lingue:

- italiana (lingua ufficiale dello Stato);

- tedesca (D.P.R. 31/8/1972 n. 670 e D.P.R. 15/7/1988, n. 574) nella Regione, a statuto speciale, Trentino Alto Adige;

- francese (art. 38 L. Cost. 26/2/1948, n. 4) nella Regione, a statuto speciale, Valle d’Aosta;

- slovena (art. 8 L. 23/2/2001, n. 38) nella Regione, a statuto speciale, Friuli Venezia Giulia.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Nel novero dei documenti pubblici indicati nell’art.6, comma 1 lett.b, del Regolamento, rilevano, per la materia dei servizi demografici:

Ambito di applicazione

Documenti pubblici

Nascita

  • Certificato di nascita
  • Estratto dell’atto di nascita
  • Copia integrale atto di nascita

Esistenza in vita

  • Certificato di esistenza in vita

Decesso

  • Certificato di morte
  • Estratto atto di morte
  • Copia integrale atto di morte

Nome

  • Certificato di nascita
  • Estratto dell’atto di nascita
  • Copia integrale atto di nascita

Matrimonio, compresi la capacità di contrarre matrimonio e lo stato civile

  • Certificato di matrimonio
  • Estratto dell’atto di matrimonio
  • Copia integrale dell’atto di matrimonio
  • Certificato di capacità di contrarre matrimonio (o certificato di nulla osta alla celebrazione del matrimonio)
  • Certificato di stato civile
  • Estratto dell’atto di nascita

Divorzio, separazione personale o annullamento del matrimonio

  • Certificato di matrimonio
  • Estratto per riassunto dell’atto di matrimonio
  • Copia integrale dell’accordo di separazione/divorzio
  • Estratto dell’atto di nascita

Unione registrata, compresa la capacità di sottoscrivere un’unione registrata e lo stato di unione registrata

  • Certificato di unione civile
  • Estratto di costituzione di unione civile
  • Copia integrale di atto di costituzione di unione civile
  • Certificato di capacità di sottoscrivere un’unione civile
  • Estratto dell’atto di nascita

Scioglimento di un’unione registrata

  • Estratto di costituzione di unione civile
  • Estratto atto di nascita

Filiazione

  • Estratto dell’atto di nascita con paternità e maternità

Domicilio e/o Residenza

  • Certificato di residenza

Cittadinanza

  • Certificato di cittadinanza
  • Estratto dell’atto di nascita

Adozione

  • Estratto dell’atto di nascita

Assenza di precedenti penali

  • Certificato del casellario giudiziale

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Documenti pubblici

Modulo standard multilingue

Certificato di nascita

Allegato I — Nascita

Certificato di esistenza in vita

Allegato II —Esistenza in vita

Certificato di morte

Allegato III — Morte

Certificato di matrimonio

Allegato IV — Matrimonio

Certificato di capacità di contrarre matrimonio (o nulla osta alla celebrazione del matrimonio)

Allegato V — Capacità di contrarre matrimonio

Certificato di stato civile

Allegato VI — Stato civile

Certificato di unione civile

Allegato VII — Unione registrata

Certificato di capacità di sottoscrivere un’unione civile

Allegato VIII — Capacità di sottoscrivere un’unione civile

Certificato di stato di unione civile

Allegato IX — Certificato di stato di unione registrata

Certificato di residenza

Allegato X — Domicilio e/o residenza

Certificato del casellario giudiziale

Allegato XI — Assenza di precedenti penali

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Non esiste un elenco pubblico di traduttori e interpreti. Presso i Tribunali esistono invece albi dove il traduttore e l’interprete possono iscriversi in qualità di consulente.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

Ai sensi dell’art. 18, comma 2, primo periodo D.P.R. n. 445 del 28/12/2000, l'autenticazione delle copie può essere fatta:

- dal pubblico ufficiale dal quale è stato emesso o presso il quale è depositato l'originale, o al quale deve essere prodotto il documento;

- da un notaio;

- da un cancelliere;

- da un segretario comunale, o altro funzionario incaricato dal sindaco.

Per la materia dei servizi demografici, le funzioni di anagrafe e di stato civile sono svolte, in quanto di competenza statale, dai Sindaci dei Comuni quali Ufficiali di Governo, nonché dal personale dagli stessi delegato.

Si segnala che nella materia dei servizi demografici, gli Ufficiali di Governo rilasciano certificati anagrafici (art. 33 D.P.R. n. 223/1989) ed estratti degli atti di stato civile iscritti nei relativi registri (artt. 106-108, D.P.R. n. 396/2000).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Per le traduzioni certificate, i documenti devono essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana che deve essere certificata conforme al testo straniero dall'autorità diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale o da un interprete che attesti con giuramento la conformità al testo straniero. L'autorità diplomatica o consolare ovvero il traduttore o l'interprete inseriranno i propri dati identificativi e apporranno la propria firma o il timbro dell'ufficio a cui appartengono unitamente alla firma, inserendo altresì una dichiarazione di responsabilità quanto al lavoro svolto.

Per le copie autentiche, il documento deve essere munito di attestazione di conformità all’originale scritta alla fine della copia, a cura del pubblico ufficiale autorizzato, il quale deve altresi' indicare la data e il luogo del rilascio, il numero dei fogli impiegati, il proprio nome e cognome, la qualifica rivestita nonché apporre la propria firma per esteso ed il timbro dell'ufficio. Se la copia dell'atto o documento consta di più fogli il pubblico ufficiale appone la propria firma a margine di ciascun foglio intermedio.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

Nel richiamare quanto precisato alla precedente lettera e), si segnala che l’autenticazione di copie di documenti è l'attestazione di conformità, apposta da un pubblico Ufficiale autorizzato, che la copia è uguale all'originale.

L'operazione, con la quale si conferisce alla copia l'attestazione di conformità all'originale, è chiamata "autentica" (e si parla infatti anche di "copia autentica") se dall'attestazione conseguano particolari effetti giuridici, che la rendano equipollente all'originale.

Ultimo aggiornamento: 13/11/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Cipro

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Greco e inglese

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Le autorità cipriote menzionano a titolo indicativo i seguenti atti pubblici.

Nascita: certificato di nascita

Decesso: certificato di morte

Matrimonio: certificato di matrimonio

Capacità di contrarre matrimonio: certificato di celibato/nubilato

Unione civile: certificato di unione civile

Residenza: certificato di residenza permanente

Scioglimento dell'unione civile: attestato di registrazione di una dichiarazione comune relativa allo scioglimento di un'unione civile

Precedenti penali: certificato di casellario giudiziario che non riporta condanne

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Certificato di nascita

Certificato di morte

Certificato di matrimonio

Certificato di celibato/nubilato

Certificato di unione civile

Certificato di residenza permanente

Certificato di casellario giudiziario che non riporta condanne

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Il link si apre in una nuova finestraRegistro dei traduttori giurati facente capo al servizio stampa e d'informazione del ministero dell'interno

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

Servizi del registro della popolazione e dell'immigrazione

Certificato di nascita

Certificato di morte

Certificato di celibato/nubilato

Certificato di unione civile

Attestato di registrazione di una dichiarazione comune relativa allo scioglimento di un'unione civile

Amministrazioni distrettuali

Certificato di nascita

Certificato di morte

Certificato di residenza permanente

Comuni

Certificato di matrimonio

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Secondo le istruzioni del Consiglio dei traduttori giurati (l'organismo competente per le traduzioni giurate nella Repubblica di Cipro) tutti i documenti affidati a traduttori giurati per la traduzione devono essere autentici e conformi. Una fotocopia del documento affidato per la traduzione è allegata al testo tradotto dal traduttore giurato, alla fine del quale il traduttore appone la propria firma e il proprio timbro.

Il traduttore giurato non certifica l'autenticità del documento da tradurre mediante un timbro speciale, bensì effettua un semplice controllo prima della traduzione e se ritiene che il documento non sia autentico, non lo traduce.

Il traduttore giurato attesta esclusivamente l'autenticità del proprio testo tradotto allorquando è richiesta una copia autentica o certificata conforme della traduzione.

Per le traduzioni

Timbro elettronico rettangolare recante la menzione "traduzione corretta e conforme del documento accluso"

Timbro originale circolare del traduttore giurato rilasciato dal Consiglio dei traduttori giurati

Firma originale del traduttore giurato

Nome del traduttore giurato

Bollo (bollo da 2 € apposto sulla parte inferiore del timbro, vidimato con il timbro circolare)

Per le copie di traduzioni

Timbro elettronico rettangolare recante la menzione "copia autentica del documento tradotto"

Timbro originale circolare del traduttore giurato rilasciato dal Consiglio dei traduttori giurati

Nome e firma originale del traduttore giurato

Bollo (bollo da 2 € apposto sulla parte inferiore del timbro, vidimato con il timbro circolare)

Per i documenti certificati

I timbri del traduttore giurato (circolari) sono di colore blu e il timbro elettronico rettangolare è di colore nero.

Un bollo da 2 € è apposto sulla parte inferiore del timbro e vidimato con il timbro circolare.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

I timbri del traduttore giurato (circolari) sono di colore blu e il timbro elettronico rettangolare è di colore nero.

Un bollo da 2 € è apposto sulla parte inferiore del timbro e vidimato con il timbro circolare.

Ultimo aggiornamento: 24/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Lettonia

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Lettone.

Sono possibili eccezioni in alcuni casi rigorosamente definiti dalla legge: la legge sull'immigrazione (Imigrācijas likums), ad esempio, stabilisce che i documenti necessari per l'approvazione delle garanzie o il rinnovo del permesso di soggiorno (ad esempio, certificato del casellario giudiziale, copie dei documenti attestanti la parentela o l'affinità, o altri documenti richiesti dalla legislazione lettone) possono essere presentati in lettone, inglese, francese, tedesco o russo.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Nascita: certificato di nascita (dzimšanas apliecība) o estratto del registro delle nascite (izziņa no dzimšanas reģistra) rilasciato dal dipartimento di Stato civile (Dzimtsarakstu departaments) del ministero della Giustizia; certificato di nascita o estratto del registro delle nascite rilasciato dall'ufficio di Stato civile (Dzimtsarakstu nodaļa) di un'autorità locale; estratto anagrafico (izziņa no Iedzīvotāju reģistra) rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie (Pilsonības un migrācijas lietu pārvalde); certificato di nascita (originale o duplicato) o estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Vita: certificato rilasciato da un notaio (zvērināts notārs); certificato rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Decesso: certificato di morte (miršanas apliecība) o estratto del registro dei decessi (izziņa no miršanas reģistra) rilasciato dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; certificato di morte o estratto del registro dei decessi rilasciato dall'ufficio di Stato civile di un'autorità locale; estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; certificato di morte (originale o duplicato) o estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Nome: decreto di cambio di nome e/o cognome (lēmums par uzvārda maiņu un/vai vārda maiņu) rilasciata dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; certificato rilasciato dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Matrimonio, compresa la capacità di contrarre matrimonio: certificato di matrimonio (laulības apliecība) o estratto del registro dei matrimoni (izziņa no laulības reģistra) rilasciato dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; certificato di matrimonio o estratto del registro dei matrimoni rilasciato dall'ufficio di Stato civile di un'autorità locale; certificato di matrimonio rilasciato dal ministro di una delle confessioni religiose elencate nella Legge civile (Civillikums); estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; certificato di matrimonio (originale o duplicato) o estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

La Lettonia non rilascia un documento che certifica la capacità di contrarre matrimonio di una persona. La persona può invece richiedere informazioni sul proprio stato civile.

Divorzio o annullamento del matrimonio: documento notarile (notariāls akts) che certifichi il divorzio (laulības šķiršanas apliecība); decisione giudiziale (tiesas nolēmums); estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; certificato rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero; estratto del registro dei matrimoni che attesti il divorzio rilasciato dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; estratto del registro dei matrimoni che attesti il divorzio rilasciato dall'ufficio di Stato civile di un'autorità locale.

Filiazione: sentenza emessa dal magistrato competente; estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Adozione: decisione giudiziale; estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie.

Domicilio e/o residenza: estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero; estratto anagrafico rilasciato da un'autorità locale.

Nazionalità: estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Assenza di precedenti penali: estratto del registro delle condanne penali (izziņa no sodu reģistra) rilasciato dal centro informazioni (Informācijas centrs) del ministero degli Interni; certificato rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Nascita: certificato di nascita o estratto del registro delle nascite rilasciato dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; certificato di nascita o estratto del registro delle nascite rilasciato dall'ufficio di Stato civile di un'autorità locale; estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; certificato di nascita (originale o duplicato) o estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Vita: certificato rilasciato da un notaio; certificato rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Decesso: certificato di morte o estratto del registro dei decessi rilasciato dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; certificato di morte o estratto del registro dei decessi rilasciato dall'ufficio di Stato civile di un'autorità locale; estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; certificato di morte (originale o duplicato) o estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Matrimonio: certificato di matrimonio o estratto del registro dei matrimonio rilasciato dal dipartimento di Stato civile del ministero della Giustizia; certificato di matrimonio o estratto del registro dei matrimoni rilasciato dall'ufficio di Stato civile di un'autorità locale; certificato di matrimonio rilasciato dal ministro di una delle confessioni religiose elencate nella Legge civile; estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; certificato di matrimonio (originale o duplicato) o estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Stato civile: estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie; estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Domicilio e/o residenza: estratto anagrafico rilasciato dall'Ufficio per la cittadinanza e le politiche migratorie. estratto anagrafico rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero. estratto anagrafico rilasciato da un'autorità locale.

Assenza di precedenti penali: estratto del registro delle condanne penali rilasciato dal centro informazioni del ministero degli Interni; certificato rilasciato da una missione diplomatica o consolare lettone all'estero.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Tale elenco non esiste, in quanto in Lettonia una traduzione può essere asseverata da qualsiasi persona fisica che si assume la responsabilità, in conformità alla procedura stabilita dalla legge, per i danni causati da errori di traduzione del documento.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

Le copie dei documenti possono essere autenticate da un notaio. Ad eccezione del caso in cui la legislazione preveda che una copia sia autenticata da un notaio, la sua fedeltà può essere certificata anche dall'organismo interessato (Il link si apre in una nuova finestraLegge sul valore legale dei documenti - Dokumentu juridiskā spēka likuma, articolo 6).

La fedeltà della copia di un documento può essere altresì certificata dalla persona fisica che ne è l'autrice. Una persona fisica può certificare anche la fedeltà della copia di un documento che ha ricevuto da un'altra persona fisica o da un organismo, tranne nel caso in cui la legislazione richieda il consenso dell'autore.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Il traduttore certifica la fedeltà della traduzione sull'ultima pagina della traduzione, dopo il testo, in lettone. Il traduttore inserirà le parole TULKOJUMS PAREIZS ("traduzione fedele") in lettere maiuscole, il suo nome, il suo cognome e il suo numero di identità personale, la sua firma, il luogo e la data di certificazione (cfr. Il link si apre in una nuova finestraregolamento del Consiglio dei ministri n. 291 relativo alle procedure di certificazione delle traduzioni di documenti nella lingua ufficiale - Ministru kabineta noteikumus Nr.291 Kārtība, kādā apliecināmi dokumentu tulkojumi valsts valodā).

Disposizioni analoghe si applicano alle copie autentiche (cfr. punto seguente).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

La parola KOPIJA ("copia") in lettere maiuscole deve essere inserita nell'angolo in alto a destra della prima pagina. Il certificato consiste nelle parole KOPIJA PAREIZA ("copia fedele") in lettere maiuscole; il titolo per esteso del funzionario che certifica la fedeltà della copia (compreso il nome completo dell'organismo e, se necessario, altre informazioni che consentano l'identificazione inequivocabile della persona), la sua firma, il suo nome leggibile e la data della certificazione.

Ultimo aggiornamento: 17/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Lituania

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

La lingua ufficiale della Repubblica di Lituania è il lituano.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b):

a) certificato di nascita (rilasciato tra il 1° gennaio 1992 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di una nascita (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

b) dichiarazione autenticata da notaio attestante che una persona fisica è in vita e si trova in una località specifica

certificazione attestante che una persona è in vita e si trova in una località specifica (emessa dal Consiglio del fondo statale di assicurazione sociale)

c) certificato di morte (rilasciato tra il 1° gennaio 1992 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di un decesso (emesso dal 1° gennaio 2017)

d) certificato di modifica del nome, del cognome o della cittadinanza (rilasciato tra il 4 dicembre 2005 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di una modifica o di un'integrazione di una registrazione dello stato civile (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

e) matrimonio:

certificato di matrimonio (rilasciato tra il 1° gennaio 1992 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di un matrimonio (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

Capacità di contrarre matrimonio:

certificato che attesta l'assenza di impedimenti al matrimonio

Certificato consolare di stato di famiglia

Certificato di stato di famiglia

f) certificato di divorzio (rilasciato tra il 1° gennaio 1992 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di un divorzio (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

sentenza di un organo giurisdizionale relativa a un divorzio o un annullamento

non viene emesso nessun documento a conferma di una separazione

g) –

h) –

i) certificato di nascita (rilasciato tra il 1° gennaio 1992 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di una nascita (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

domanda congiunta autenticata da notaio presentata dal padre e dalla madre di un minore che ne riconosce la paternità

sentenza di un organo giurisdizionale che stabilisce la maternità/paternità;

sentenza di un organo giurisdizionale su un'impugnazione della paternità/maternità;

j) certificato di nascita (rilasciato tra il 1° gennaio 1992 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di una nascita (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

sentenza di un organo giurisdizionale in merito a un'adozione

k) certificato attestante il luogo di residenza dichiarato

certificato contenente i dettagli personali scritti nel registro anagrafico

l) passaporto / carta d'identità personale

certificato di nascita (rilasciato tra il 1° gennaio 1992 e il 1° gennaio 2017)

estratto che conferma la registrazione di una nascita (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

Ordinanze o sentenze relative all'acquisizione, alla perdita o al recupero della cittadinanza

m) certificato contenente informazioni su una persona fisica ricavate dal registro degli indagati, degli imputati e dei condannati

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c)

a) estratto che conferma la registrazione di una nascita (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

b) -

c) estratto che conferma la registrazione di un decesso (emesso dal 1° gennaio 2017);

d) -

e) estratto che conferma la registrazione di un matrimonio (rilasciato dal 1° gennaio 2017)

certificato che attesta l'assenza di impedimenti al matrimonio

k) certificato attestante il luogo di residenza dichiarato

certificato contenente i dettagli personali scritti nel registro anagrafico

m) certificato contenente informazioni su una persona fisica ricavate dal registro degli indagati, degli imputati e dei condannati

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Non esiste un elenco di traduttori certificati.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

- notai;

- enti statali e municipali (per copie di documenti rilasciati dagli stessi).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Non esistono traduzioni certificate né requisiti specifici per le traduzioni o per copie autentiche delle stesse. Nella pratica, di norma, i documenti vengono tradotti da agenzie di traduzione o traduttori e viene quindi indicato sul documento che è stato tradotto da un'agenzia di traduzione o da un traduttore. In singoli casi, la traduzione può essere certificata tramite apposizione della firma del traduttore oppure la sua accuratezza può essere certificata da un notaio.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

Nel caso in cui un documento sia autenticato da un ente statale o municipale:

la copia del documento rilasciato da tale ente recherà un marchio di certificazione in calce, costituito dalla formulazione "copia conforme"/"estratto conforme", accompagnata dalla data e dalla posizione, dalla firma, dal nome o dall'iniziale e dal cognome del responsabile o di un'altra persona autorizzata dell'ente incaricata di certificare l'autenticità della copia o dell'estratto.

Nel caso in cui l'autenticità di una copia cartacea di un documento elettronico venga certificata mediante strumenti informatici, il marchio di certificazione della persona giuridica autorizzata a certificarlo è costituito dalla formulazione "copia conforme", accompagnata dal nome della persona giuridica autorizzata a certificarlo e dalla data. Il marchio di certificazione può essere apposto anche utilizzando un timbro.

Il modello di certificato notarile deve essere completato inserendo: data dell'atto notarile, nome dell'ufficio del notaio che esegue l'atto notarile, nome e cognome del notaio, numero di registro dell'atto notarile, onorario del notaio per l'atto notarile (qualora il notaio rinunci al proprio onorario occorre apporre la dicitura "rinuncia all'onorario"), diritti per la verifica presso i registri statali, importo addebitato dai registri statali, diritti per altri eventuali servizi prestati su richiesta del cliente, nonché la firma del notaio.

Registrazione a conferma dell'autenticità di una copia/un estratto:

"___ _____________ 20_____

Il/La sottoscritto/a, _______________________________________________________________________, certifica che il presente documento è una copia conforme del documento presentato.

Registro notarile n.: ________________________

Onorario del notaio: __________________________

Diritto/i per altri servizi prestati su richiesta del cliente: _________________

Firma del notaio"

Ultimo aggiornamento: 23/08/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Ungheria

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Ungherese.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

a) nascita:

certificato di nascita;

b) esistenza in vita:

certificato di esistenza in vita;

c) decesso:

certificato di morte, ordinanza di un organo giurisdizionale che dichiara la morte presunta, ordinanza di un organo giurisdizionale che registra il decesso;

d) nome:

certificato di modifica del nome;

e) matrimonio, compresi la capacità di contrarre matrimonio e lo stato civile:

certificato di matrimonio, certificato di stato civile;

f) divorzio, separazione personale o annullamento del matrimonio:

sentenza di un organo giurisdizionale in merito a un divorzio, sentenza di un organo giurisdizionale in merito all'annullamento di un matrimonio, sentenza di un organo giurisdizionale in merito alla validità di un matrimonio, sentenza di un organo giurisdizionale che stabilisce l'esistenza o la non esistenza di un matrimonio;

g) unione registrata, compresa la capacità di sottoscrivere un'unione registrata e lo stato di unione registrata:

certificato di unione registrata, certificato di stato civile;

h) scioglimento di un'unione registrata, separazione personale o annullamento di un'unione registrata:

ordinanza che stabilisce lo scioglimento di un'unione registrata da parte di un notaio;

i) filiazione:

certificato di nascita, sentenza di un organo giurisdizionale che stabilisce la paternità, ordinanza o sentenza di un organo giurisdizionale che respinge la presunzione di paternità, sentenza di un organo giurisdizionale che stabilisce la maternità;

j) adozione:

ordinanza di adozione dell'autorità competente in materia di tutela, sentenza di un organo giurisdizionale che annulla un'adozione;

k) domicilio e/o residenza:

titolo di residenza ufficiale;

l) cittadinanza:

certificato di cittadinanza;

m) assenza di precedenti penali:

estratto dal casellario giudiziale.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

1) certificato di nascita, certificato di morte, certificato di matrimonio e certificato di unione registrata emessi dopo il 1° luglio 2014, a condizione che i contenuti del certificato non siano stati modificati prima dell'emissione del modulo standard;

2) certificato di esistenza in vita;

3) certificato di stato civile;

4) titolo di residenza ufficiale.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

In Ungheria una traduzione certificata è costituita da qualsiasi traduzione prodotta dall'organizzazione autorizzata a produrre traduzioni certificate.

Di norma soltanto l'Országos Fordító és Fordításhitelesítő Iroda Zrt. o OFFI Zrt. (Ufficio nazionale ungherese per la traduzione e la certificazione di traduzioni) può produrre traduzioni certificate a norma di legge in Ungheria.

I notai muniti di licenza per la redazione di documenti in una lingua straniera possono produrre traduzioni certificate in tale lingua di documenti pubblici e dei relativi allegati in materie che rientrano nella competenza di tali notai oppure certificare l'esattezza delle traduzioni di tali documenti. È possibile effettuare una ricerca dei notai muniti di licenza in relazione a una specifica lingua consultando il seguente sito web: Il link si apre in una nuova finestrahttps://start.mokk.hu/kozjegyzokereso.html?lang=eng&theme=dark#x.

Un funzionario consolare di prima categoria dell'Ungheria autorizzato dal ministro degli Affari esteri a svolgere determinati compiti notarili può redigere un certificato consolare per certificare una traduzione, compresa una traduzione prodotta dal funzionario stesso. L'elenco in vigore dei funzionari consolari autorizzati a rilasciare certificati è disponibile al seguente indirizzo: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.kormany.hu/hu/kulgazdasagi-es-kulugyminiszterium/kulkepviseletek.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

In linea di principio, ciascun ente è autorizzato a emettere copie autentiche conformemente al proprio regolamento interno e all'interno della propria area di competenza.

I notai possono emettere un certificato attestante che una copia è identica a un documento loro presentato.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Traduzioni certificate prodotte dall'Ufficio nazionale ungherese per la traduzione e la certificazione di traduzioni (OFFI Zrt.):

A. elementi utilizzati dal 2 luglio 2018:

1. l'Ufficio prepara le sue traduzioni certificate su carta di sicurezza da 210 x 297 mm, circondata da un bordo con motivo guilloché e contenente elementi che possono essere visti soltanto ingrandendo di diverse volte la dimensione originale;

2. il testo è contenuto all'interno di un bordo color bordeaux, sul quale è stampato lo stemma dell'Ungheria, nonché il nome e il logo dell'azienda. Il codice univoco che identifica il documento è incluso nella prima riga all'interno del bordo color bordeaux e nella riga sopra la clausola di attestazione;

3. la traduzione certificata stampata su un foglio separato è allegata utilizzando una graffettatrice al documento autentico tradotto o a una copia autentica dello stesso e la graffetta è sigillata con una etichetta di sicurezza quadrata da 30 × 25 mm recante il logo dell'Ufficio, una striscia olografica e un numero di serie univoco. Tale etichetta costituisce una parte essenziale della certificazione;

4. per una traduzione da una lingua straniera in ungherese, la traduzione è accompagnata dalla seguente clausola di attestazione in ungherese:

"L'Ufficio nazionale ungherese per la traduzione e la certificazione di traduzioni attesta che la presente traduzione certificata corrisponde esattamente al testo del documento allegato.

L'Ufficio nazionale ungherese per la traduzione e la certificazione di traduzioni non si assume alcuna responsabilità per l'autenticità e il contenuto del documento che costituisce la base della traduzione".

Tale clausola è seguita dal luogo e della data di emissione, dalla firma autentica con inchiostro blu, il timbro del nome e il testo "per conto dell'amministratore delegato".

Nel caso di una traduzione verso una lingua straniera, la clausola di attestazione di cui sopra è inclusa nella traduzione nella lingua corrispondente;

B. elementi utilizzati prima del 2 luglio 2018:

gli elementi e le clausole di attestazione sono i medesimi di quelli descritti al punto A, con le differenze specificate in appresso:

1. sul retro della carta di sicurezza sono visibili un codice a barre e un identificatore univoco stampati nell'angolo in alto a destra;

2. la traduzione certificata stampata su un foglio separato è rilegata insieme al documento autentico tradotto o a una copia autentica dello stesso mediante una stringa rossa, bianca e verde, le cui estremità sono fissate al documento dall'etichetta certificata dell'Ufficio, sulla quale viene apposto il timbro ufficiale di quest'ultimo in modo tale da rendere impossibile separare i documenti senza danneggiare l'etichetta;

3. per una traduzione da una lingua straniera in ungherese, la clausola di attestazione in ungherese apposta sulla traduzione è seguita dal luogo e dalla data di emissione, dalla firma autentica in inchiostro blu e dal testo "per conto dell'amministratore delegato".

3. Caratteristiche delle traduzioni elettroniche certificate dall'Ufficio nazionale ungherese per la traduzione e la certificazione di traduzioni (OFFI)

L'aspetto della traduzione e il testo del timbro di attestazione sono i medesimi di quelli della versione cartacea.

Una traduzione certificata in formato elettronico è contenuta in una cartella (in formato .es3 o .dosszie) prodotta dall'Ufficio, che contiene anche il file originale inviato per la traduzione. Oltre alla traduzione certificata in formato elettronico firmata elettronicamente con il timbro elettronico dell'Ufficio (in formato .pdf), anche il file originale inviato per la traduzione contenuto nella cartella conserva la sua autenticità.

Il file originale e il file contenente la traduzione sono collocati nella cartella in maniera tale da fare in modo che la separazione dei file distrugga la certificazione, in questo modo i file correlati tra loro sono "allegati" in maniera sicura l'uno all'altro.

La certificazione elettronica garantisce che la traduzione è stata prodotta dall'Ufficio, che il contenuto dei file non è stato modificato rispetto al momento della certificazione e che il testo della traduzione finale presenta il medesimo contenuto del testo inviato per la traduzione.

Traduzioni certificate prodotte da un notaio

Le traduzioni certificate prodotte da notai sono identificate utilizzando il numero di protocollo notarile. La traduzione deve essere scritta sul documento originale o allegata allo stesso. I notai certificano una traduzione di un documento originale aggiungendo una clausola di attestazione in calce alla traduzione.


Traduzioni certificate prodotte da funzionari consolari di prima categoria

La traduzione deve essere scritta sul documento originale o allegata allo stesso; inoltre alla traduzione viene aggiunta una clausola di attestazione. Infine, occorre aggiungere in calce alla traduzione una clausola che certifichi che la traduzione corrisponde esattamente al documento originale.

Nel caso in cui il funzionario consolare di prima categoria alleghi la traduzione al documento originale, ciò deve avvenire utilizzando una stringa rossa, bianca e verde fissata con un'etichetta autoadesiva bianca e circolare, sulla quale viene apposto su due lati il timbro numerato della rappresentanza diplomatica.

Il testo della clausola di attestazione afferma quanto segue:

Con la presente certifico che la traduzione presentatami/da me redatta corrisponde esattamente al documento allegato in lingua……………………………………………………………………………..-----------------------------------

Il cliente ha pagato la commissione consolare di ....................................................
Numero di protocollo: …………………………………………………………………………..

Fatto il: ……………………….………………………………………………………….

timbro

firma

La clausola può altresì assumere un'altra forma, a condizione che non sia possibile separarla dal documento originale o dalla traduzione e contenga i seguenti elementi obbligatori:

a) un'indicazione della lingua straniera dalla quale il documento è stato tradotto;

b) la sottolineatura dell'opzione appropriata nella formulazione "la traduzione presentatami/da me redatta", a seconda del fatto che il funzionario consolare certifichi l'esattezza di una traduzione che gli è stata presentata o che ha preparato in prima persona;

c) l'importo della commissione consolare corrisposta;

d) il numero di protocollo;

e) la data;

f) il timbro numerato della rappresentanza diplomatica;

g) la firma del funzionario consolare di prima categoria;

h) l'indicazione della sua qualità in veste di funzionario consolare di prima categoria.

Nella data, l'anno e il giorno devono essere scritti anche in lettere tra parentesi.

Di norma la clausola assume la forma di un timbro posto sul documento o su un foglio separato che non può essere separato dal documento originale o dalla traduzione.

Se necessario, l'attestazione consolare può essere redatta anche in una lingua straniera nel rispetto dei parametri di cui sopra, qualora ciò sia accettato dalle autorità del paese ricevente.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

Copie autentiche prodotte da un notaio

Un notaio può certificare la copia di un documento se il documento dal quale tale copia è stata effettuata è chiaramente leggibile. Il notaio confronta la copia con il documento originale e certifica che la copia corrisponde all'originale apponendo sulla copia una clausola di attestazione.

La clausola di attestazione deve indicare:

a) che la copia è stata creata partendo dal documento originale o da un duplicato o una copia ufficiale dello stesso;

b) se sul documento presentato era presente una marca da bollo;

c) se la copia rappresenta soltanto parte dell'originale;

d) se sono presenti sul documento originale eventuali modifiche, danni o altre circostanze che diano motivo di preoccupazione.

Tali norme devono essere applicate mutatis mutandis alla certificazione di una copia o di un estratto in formato elettronico prodotta/o sotto la supervisione del notaio a partire da un documento o da una banca dati elettronica, nonché alla certificazione di una copia o di un estratto in formato cartaceo prodotta/o a partire da un documento elettronico. Il notaio firma la copia o l'estratto in formato elettronico apponendo una firma elettronica qualificata. Non è necessario aggiungere una clausola di attestazione a un duplicato autentico o a una copia autentica in formato elettronico qualora tale documento sia prodotto a partire da un documento cartaceo non danneggiato o da un documento notarile elettronico e contenga l'intero documento, la firma elettronica qualificata del notaio e una marcatura temporale.

Copie autentiche prodotte da un organo giurisdizionale

Una copia prodotta da un organo giurisdizionale a partire da un documento presentato allo stesso o una copia prodotta altrove e presentata all'organo giurisdizionale per l'autenticazione deve contenere quanto segue:

a) la dicitura "copia conforme:";

b) la firma della persona che ha preparato la copia;

c) il timbro dell'organo giurisdizionale;

d) l'ora e la data di creazione della copia.

Qualora il fascicolo della causa sia disponibile sotto forma di documento elettronico, le norme di cui sopra si applicano alla creazione di una copia cartacea basata sulla stampa del documento elettronico. Qualora venga richiesta una copia cartacea della decisione di un organo giurisdizionale creata come documento elettronico, tale copia deve riportare la marcatura temporale e la firma elettronica presenti sul documento elettronico, nonché indicare la persona la cui firma elettronica appare sul documento elettronico.

Ultimo aggiornamento: 02/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Austria

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Tedesco

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Sentenze, decisioni, dichiarazioni e ordinanze del tribunale e dagli uffici del pubblico ministero.

A norma dell'articolo 2, paragrafo 1, anche i seguenti documenti pubblici:

a) Geburtsurkunde (certificato di nascita), estratto dal Teilauszug Geburt (registro delle nascite);

c) Sterbeurkunde (certificato di morte), estratto dal Teilauszug Tod (registro dei decessi);

d) Namensänderungsbescheid (decisione attestante il cambiamento di nome);

e) Heiratsurkunde (certificato di matrimonio), Ehefähigkeitszeugnis (certificato di capacità matrimoniale), estratto del Teilauszug über das Bestehen einer Ehe (registro attestante l'esistenza di un vincolo matrimoniale) o del eilauszug über das Bestehen einer eingetragenen Partnerschaft (registro attestante l'esistenza di un'unione registrata);

f) Scheidungsbeschluss (decreto di divorzio), Aufhebungsbeschluss der Ehe (decreto di annullamento del matrimonio) o gerichtliche Nichtigerklärung (dichiarazione giudiziaria di nullità del matrimonio);

g) Partnerschaftsurkunde (certificato di unione registrata), Bestätigung der Fähigkeit eine Eingetragene Partnerschaft begründen zu können (conferma della capacità di sottoscrivere un'unione registrata), estratto del Teilauszug über das Bestehen einer Ehe (registro attestante l'esistenza di un matrimonio) o del Teilauszug über das Bestehen einer eingetragenen Partnerschaft (registro attestante l'esistenza di un'unione registrata).

h) Aufhebungsbeschluss der Eingetragenen Partnerschaft (decreto di annullamento di un'unione registrata) o gerichtliche Nichtigerklärung (dichiarazione giudiziaria di nullità di un'unione registrata);

k) Meldebestätigung (certificato di residenza);

l) Staatsbürgerschaftsnachweis (certificato di cittadinanza);

m) Strafregisterbescheinigung (estratto del casellario giudiziale).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Nell'ambito dell'amministrazione pubblica è possibile allegare ai documenti pubblici i moduli di ausilio alla traduzione (articolo 7, paragrafo 1):

a) Geburtsurkunde (certificato di nascita), estratto dal Teilauszug Geburt (registro delle nascite);

c) Sterbeurkunde (certificato di morte), estratto dal Teilauszug Tod (registro dei decessi);

e) Heiratsurkunde (certificato di matrimonio), Ehefähigkeitszeugnis (certificato di capacità matrimoniale), estratto del Teilauszug über das Bestehen einer Ehe (registro attestante l'esistenza di un vincolo matrimoniale) o del eilauszug über das Bestehen einer eingetragenen Partnerschaft (registro attestante l'esistenza di un'unione registrata);

g) Partnerschaftsurkunde (certificato di unione registrata), Bestätigung der Fähigkeit eine Eingetragene Partnerschaft begründen zu können (conferma della capacità di sottoscrivere un'unione registrata), estratto del Teilauszug über das Bestehen einer Ehe (registro attestante l'esistenza di un matrimonio) o del Teilauszug über das Bestehen einer eingetragenen Partnerschaft (registro attestante l'esistenza di un'unione registrata).

Nessuno dei moduli multilingue è invece applicabile in ambito giudiziario.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

In Austria le traduzioni certificate possono essere realizzate da professionisti iscritti all'albo degli interpreti giurati e certificati dal tribunale. L'elenco (regolarmente aggiornato) degli interpreti giudiziari è disponibile all'indirizzo Internet:

Il link si apre in una nuova finestrahttp://sdgliste.justiz.gv.at/

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

Una trascrizione certificata (o copia certificata) è un documento certificato quale copia autentica dell'originale da parte di:

un soggetto cui è conferito il potere di rilasciare documenti autentici (ad esempio, un Notar/Notarin (un notaio));

il Bezirksgericht (tribunale distrettuale);

l'autorità che ha rilasciato il documento (non in tutti i casi e non tutte le autorità).

In ambito giudiziario, le copie certificate possono essere rilasciate dai:

a) tribunali (che è possibile trovare sul sito web del ministero federale degli Affari costituzionali, delle riforme, della deregolamentazione e della giustizia, all'indirizzo Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.justiz.gv.at/web2013/html/default/8ab4a8a422985de30122a90e378661ef.de.html)

e

b) notai (reperibili sul sito web della Camera austriaca dei notai, all'indirizzo Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.notar.at/de/).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

- Traduzioni certificate

A norma dell'articolo 190, comma 1, dell'Außerstreitgesetz (legge sui procedimenti di volontaria giurisdizione), l'esatta corrispondenza della traduzione all'originale deve essere certificata da un interprete giurato certificato dal tribunale, che deve apporre la propria firma e il proprio sigillo (articolo 14 e articolo 8, comma 5, della Sachverständigen- und Dolmetschergesetz (legge sugli esperti e gli interpreti).

Per ulteriori informazioni sulla forma delle traduzioni certificate è possibile consultare il sito web dell'Österreichischer Verband der allgemein beeideten und gerichtlich zertifizierten Dolmetscher (Associazione austriaca degli interpreti giudiziari certificati) all'indirizzo: Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.gerichtsdolmetscher.at/Menu/Nutzliche-Informationen/BeglaubigteUebersetzungen

- Rilascio di copie certificate da parte dei tribunali

In caso di invio dei documenti all'autorità giudiziaria, la corrispondenza dei

1. documenti pubblici cartacei con le relative trascrizioni (copie) elettroniche o di altro tipo,

2. documenti pubblici elettronici con le relative stampe cartacee,

deve essere certificata dall'autorità giudiziaria stessa, per la quale devono essere chiaramente leggibili con i mezzi tecnici a disposizione.

La certificazione deve essere iscritta, a seconda della domanda, sulla copia cartacea di un documento cartaceo, redatta in tribunale o attentamente esaminata in tribunale, sulla stampa cartacea prodotta in tribunale di un documento elettronico (una copia cartacea certificata) oppure — in base alla disponibilità di tecnologie e personale appropriati — sulla copia elettronica del documento cartaceo (una copia elettronica certificata).

Sulla certificazione devono sempre essere precisati:

1. data e luogo della certificazione;

2. se il documento pubblico presentato è cartaceo o elettronico e se si tratta di un originale, di una copia autenticata, di una trascrizione, di un'altra copia o di una stampa;

3. se la copia, la trascrizione o la stampa riproduce l'intero documento pubblico o solo una parte.

La certificazione deve inoltre riportare le seguenti informazioni, se non già evidenti dalla copia, trascrizione o stampa:

1. se il documento pubblico reca firme, elementi di sicurezza o timbri e, in caso affermativo, quali;

2. se del caso, che il documento presentato è lacerato o che la forma fisica in cui si presenta è fortemente dubbia;

3. se del caso, che alcune parti sono state visibilmente modificate, cancellate, aggiunte o iscritte a margine.

- Rilascio di copie certificate da parte dei notai

Un notaio è autorizzato a certificare che una trascrizione cartacea o elettronica di una stampa cartacea costituiscono copie autentiche di un documento pubblico, laddove chiaramente leggibili. Affinché il notaio certifichi che la copia di un documento pubblico, di una mappa, di un'immagine o simili, generata elettronicamente, con mezzi fotografici o in modo analogo rappresenta una copia autentica, basta che sia prodotta sotto la supervisione del notaio stesso. Se nella copia una pagina non è riprodotta integralmente, occorre indicare sulla copia le parti mancanti. Lo stesso vale per le stampe cartacee di documenti pubblici elettronici.

Il notaio deve confrontare attentamente la trascrizione o la copia con il documento pubblico originale e dichiarare sulla trascrizione cartacea (copia) o sulla stampa cartacea che si tratta di una copia autentica oppure allegarvi una dichiarazione in cui conferma che si tratta di una copia autentica.

La certificazione deve altresì specificare:

1. se il documento pubblico presentato è cartaceo o elettronico e se si tratta di un originale, di una copia autenticata, di una trascrizione, di un'altra copia o di una stampa;

2. se il documento pubblico reca firme, elementi di sicurezza o timbri e, in caso affermativo, quali;

3. se la copia, la trascrizione o la stampa riproduce l'intero documento pubblico o solo una parte e, in caso affermativo, quale;

4. se del caso, che il documento presentato è lacerato o che la forma fisica in cui si presenta è fortemente dubbia;

5. se del caso, che alcune parti sono state modificate, cancellate, aggiunte o iscritte a margine. Le informazioni di cui ai punti 2 e 5 non sono necessarie se la copia è stata creata con mezzi fotografici o analoghi e se le suddette informazioni sono già visibili sulla copia stessa.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

Cfr. punto f).

Ultimo aggiornamento: 18/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Polonia

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Polacco

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

1) certificato di nascita in forma abbreviata;

2) certificato di nascita in forma estesa;

3) sentenza relativa al contenuto di dati anagrafici;

4) certificato notarile di esistenza in vita;

5) certificato di morte in forma abbreviata;

6) certificati di morte in forma estesa;

7) sentenza sulla presunzione di morte;

8) sentenza che abroga la decisione sulla presunzione di morte;

9) sentenza sulla dichiarazione di morte;

10) sentenza che abroga la decisione sulla dichiarazione di morte;

11) decisione del responsabile dell'ufficio di stato civile sulla modifica del nome e del cognome;

12) certificato di matrimonio in forma abbreviata;

13) certificato di matrimonio in forma estesa;

14) certificato di stato civile;

15) certificato di nulla osta al matrimonio previsto dal diritto polacco;

16) sentenza che consente a una donna di età inferiore ai diciotto anni di contrarre matrimonio;

17) sentenza che consente a una persona affetta da malattia mentale o con difficoltà di apprendimento oppure ad affini in linea retta di contrarre matrimonio;

18) sentenza che stabilisce l'esistenza di un matrimonio;

19) sentenza che stabilisce l'inesistenza di un matrimonio;

20) sentenza di divorzio;

21) sentenza di separazione legale;

22) sentenza di cessazione della separazione legale;

23) sentenza di annullamento di un matrimonio;

24) sentenza di adozione;

25) sentenza di cessazione di un'adozione;

26) sentenza di accertamento della paternità;

27) sentenza di accertamento della maternità;

28) sentenza di disconoscimento della paternità;

29) sentenza di disconoscimento della maternità;

30) sentenza di inefficacia del riconoscimento di un minore;

31) sentenza di annullamento del riconoscimento di un minore;

32) certificato di registrazione della residenza permanente;

33) certificato di registrazione della residenza provvisoria;

34) certificato di soggiorno in un luogo specifico;

35) decisione sul riconoscimento della cittadinanza polacca;

36) decisione sul riacquisto della cittadinanza polacca;

37) decisione di conferma della cittadinanza polacca;

38) decisione sul riconoscimento dello status di rimpatriato;

39) certificato attestante l'assenza di precedenti penali nel casellario giudiziale nazionale rilasciato su richiesta dell'interessato;

40) certificato rilasciato dalle autorità comunali ai cittadini polacchi residenti in altri Stati membri che esprimono il desiderio di votare o di candidarsi alle elezioni del Parlamento europeo o alle elezioni comunali nello Stato membro di residenza, conformemente alle pertinenti disposizioni della direttiva 93/109/CE del Consiglio, del 6 dicembre 1993, relativa alle modalità di esercizio del diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni del Parlamento europeo per i cittadini dell'Unione che risiedono in uno Stato membro di cui non sono cittadini (GU L 329, del 30.12.1993, pagg. 34-38) e della direttiva 94/80/CE del Consiglio, del 19 dicembre 1994, che stabilisce le modalità di esercizio del diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni comunali per i cittadini dell'Unione che risiedono in uno Stato membro di cui non hanno la cittadinanza (GU L 368, del 31.12.1994, pag. 38).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

1) certificato di nascita in forma abbreviata;

2) certificato di matrimonio in forma abbreviata;

3) certificato di morte in forma abbreviata;

4) certificato di stato civile;

5) certificato di nulla osta al matrimonio previsto dal diritto polacco;

6) certificato di registrazione della residenza permanente;

7) certificato di registrazione della residenza provvisoria;

8) certificato di soggiorno in un luogo specifico;

9) certificato notarile di esistenza in vita;

10) certificato attestante l'assenza di precedenti penali nel casellario giudiziale nazionale rilasciato su richiesta dell'interessato.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

In Polonia le persone abilitate a redigere traduzioni certificate sono i traduttori giurati iscritti nell'elenco dei traduttori giurati del ministero della Giustizia. L'elenco è pubblicato sul Biuletyn Informacji Publicznej (Bollettino di informazione pubblica), accessibile all'indirizzo Il link si apre in una nuova finestrahttps://bip.ms.gov.pl/pl/rejestry-i-ewidencje/tlumacze-przysiegli/lista-tlumaczy-przysieglych/search.html).

Quanto sopra esposto deriva dalle disposizioni della legge del 25 novembre 2004 sulla professione del traduttore giurato (Dziennik Ustaw (Gazzetta ufficiale polacca, punto 1505).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

In Polonia sono i notai le autorità competenti per certificare la conformità delle copie ufficiali, degli estratti e delle copie non ufficiali ai documenti presentati loro, come previsto dalla legge notarile del 14 febbraio 1991 (Gazzetta ufficiale 2017, punto 2291 e Gazzetta ufficiale 2018, punti 398, 723 e 1496).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

a) Caratteristiche delle traduzioni certificate: il documento che contiene la traduzione reca stampato il sigillo del traduttore giurato con il nome e il cognome del traduttore a margine e l'indicazione della lingua da e verso la quale il traduttore è autorizzato a tradurre, nonché il numero di iscrizione del traduttore nell'elenco dei traduttori giurati. Tutte le traduzioni giurate recano anche il numero con il quale sono iscritte nel registro dei traduttori giurati (repertorium). Inoltre, un traduttore giurato specifica anche se una data traduzione certificata è stata effettuata a partire da un documento originale, da una traduzione o da una copia e se tale traduzione o copia è stata certificata e da chi.

b) Caratteristiche delle copie autentiche certificate: l'attestazione notarile di conformità di una copia con un documento presentato al notaio è rappresentata da una clausola apposta sul documento con un timbro o un'iscrizione stampata oppure iscritta su un foglio separato. Se la clausola di certificazione è allegata a parte, occorre fissare l'allegato al documento in modo permanente, apponendolo dietro il documento e non davanti, e sul punto di giunzione dei fogli deve essere posto il timbro del sigillo ufficiale del notaio. La clausola può anche essere posta sullo stesso foglio della copia del documento da certificare, purché sia chiaro che il contenuto della clausola è separato dal contenuto del documento. Se il documento da certificare presenta caratteristiche particolari (ad esempio, note, correzioni, danni), il notaio appone sulla clausola di certificazione l'annotazione opportuna. Su ciascuna clausola di certificazione devono essere riportati la data e il luogo in cui è stata effettuata la certificazione, nonché l'indicazione dell'ufficio notarile, il sigillo e la firma del notaio e, ove richiesto, l'ora dell'atto notarile.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

Caratteristiche delle copie autentiche certificate: la certificazione notarile di conformità di una copia a un documento presentato al notaio è rappresentata da una clausola apposta sul documento con un timbro o un'iscrizione stampata oppure iscritta su un foglio separato. Se la clausola di certificazione è allegata a parte, occorre fissare l'allegato al documento in modo permanente, apponendolo dietro il documento e non davanti, e sul punto di giunzione dei fogli deve essere posto il timbro del sigillo ufficiale del notaio. La clausola può anche essere posta sullo stesso foglio della copia del documento da certificare, purché sia chiaro che il contenuto della clausola è separato dal contenuto del documento. Se il documento da certificare presenta caratteristiche particolari (ad esempio, note, correzioni, danni), il notaio appone sulla clausola di certificazione l'annotazione opportuna. Su ciascuna clausola di certificazione devono essere riportati la data e il luogo in cui è stata effettuata la certificazione, nonché l'indicazione dell'ufficio notarile, il sigillo e la firma del notaio e, ove richiesto, l'ora dell'atto notarile.

Ultimo aggiornamento: 10/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Finlandia

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Finlandese e svedese

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

I documenti che rientrano nell'ambito di applicazione del regolamento comprendono, ad esempio, gli estratti del sistema d'informazione sulla popolazione, gli estratti di stato civile rilasciati dalle parrocchie, gli estratti del casellario giudiziale senza carichi pendenti e in certi casi le decisioni degli organi giurisdizionali.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

La Finlandia ha attuato tutti gli altri formulari standard multilingue, eccetto quello relativo all'allegato VIII (capacità di concludere un unione registrata). Eccetto l'allegato XI (assenza di carichi pendenti) essi contengono rubriche specifiche per ciascun paese.

Il formulario standard può essere allegato agli estratti del sistema d'informazione della popolazione relativo alla nascita, alle persone in vita, alle persone decedute, al matrimonio, all'unione civile registrata e al domicilio e alla residenza. Il formulario standard può essere allegato al certificato concernente il diritto conferito dalla legge finlandese a contrarre un matrimonio dinanzi a un'autorità straniera. Inoltre, il formulario standard può essere allegato all'estratto del casellario giudiziale senza carichi pendenti.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

In Finlandia esiste un sistema di traduttori abilitati, gestito da una commissione che collabora con la direzione nazionale dell'educazione. Tale commissione tiene un registro dei traduttori abilitati: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www03.oph.fi/kaantajat/

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

Le copie conformi vengono rilasciate da un notaio pubblico. I notai pubblici sono funzionari di Stato civile. Nella provincia di Ålad i notai pubblici rientrano nell'amministrazione centrale di questa provincia.

Recapiti degli uffici di stato civile:

Sito web in inglese: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.maistraatti.fi/en/List-of-local-register-offices/

Sito web in finlandese: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.maistraatti.fi/fi/Kaikki-maistraatit/

Inoltre, le rappresentanze della Finlandia all'estero hanno determinate funzioni di notariato pubblico e rilasciano anche copie conformi di certificati.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

La copia conforme del certificato è firmata dal traduttore abilitato. Si può verificare l'abilitazione del traduttore consultando il registro dei traduttori abilitati summenzionato.

Le copie conformi del certificato rilasciate dai notai pubblici che lavorano negli uffici di stato civile possono essere identificate con l'apposizione di un timbro tondo che ha nel centro lo stemma della Finlandia. Nelle copie si trovano inoltre la firma e il nome del notaio pubblico.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

V. punto precedente.

Ultimo aggiornamento: 14/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Documenti pubblici - Svezia

Articolo 24, paragrafo 1, lettera a) - lingue accettate dallo Stato membro per i documenti pubblici da presentare alle sue autorità ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1, lettera a)

Svedese

Articolo 24, paragrafo 1, lettera b) - un elenco indicativo di documenti pubblici che rientrano nell'ambito di applicazione del presente regolamento

Elenco indicativo di documenti nazionali

  1. Nascita
    Estratto dal registro, nascita
  2. Esistenza in vita
    Documento di identità personale con informazioni in merito alla residenza (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  3. Decesso
    Estratto dal registro, morte
    Inoltre, la Skatteverket (Agenzia delle entrate svedese) rilascia un certificato per la cremazione o la sepoltura, necessario prima di poter procedere con le stesse. Esiste anche un lasciapassare internazionale per il trasporto di un corpo all'interno o all'esterno dei paesi nordici. L'Agenzia delle entrate svedese rilascia inoltre un certificato di morte e una relazione sui parenti, utilizzati principalmente per fornire informazioni sulla persona defunta e su eventuali parenti prossimi.
  4. Nome
    Documento di identità personale con informazioni sul nome (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  5. Matrimonio
    Estratto dal registro, matrimonio
    Notifica di matrimonio
  6. Capacità di contrarre matrimonio
    Certificato di assenza di impedimenti
    Certificato di matrimonio
  7. Matrimonio (stato civile)
    Documento di identità personale indicante lo stato civile (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  8. Unione registrata
    Documento di identità personale indicante l'unione registrata (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  9. Unione (stato dell'unione)
    Documento di identità personale indicante informazioni sullo stato dell'unione (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  10. Filiazione
    Documento di identità personale contenente informazioni sulla filiazione (estratto dai registri di registrazione civile)
  11. Adozione
    N/A
  12. Domicilio
    Documento di identità personale con informazioni sulla residenza (estratto dai registri di registrazione civile)
  13. Cittadinanza
    Documento di identità personale con informazioni sulla cittadinanza (estratto dai registri di registrazione civile)
  14. Assenza di precedenti penali
    Estratto dal casellario giudiziale dell'autorità di polizia, emesso ai sensi dell'articolo 9, secondo comma, della legge sul casellario giudiziale (1998:620) e destinato alla presentazione a un'autorità estera in relazione a una domanda di permesso di soggiorno, di lavoro o di stabilimento o di altra natura, laddove i diritti del richiedente nel paese straniero dipendano da tale estratto.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera c) - l'elenco dei documenti pubblici cui possono essere allegati i moduli standard multilingue come supporto appropriato per la traduzione

Elenco indicativo di documenti nazionali

  1. Nascita
    Estratto dal registro, nascita
  2. Esistenza in vita
    Documento di identità personale con informazioni in merito alla residenza (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  3. Decesso
    Estratto dal registro, morte
    Inoltre, l'Agenzia delle entrate svedese rilascia un certificato per la cremazione o la sepoltura, necessario prima di poter procedere con le stesse. Esiste anche un lasciapassare internazionale per il trasporto di un corpo all'interno o all'esterno dei paesi nordici. L'Agenzia delle entrate svedese rilascia inoltre un certificato di morte e una relazione sui parenti, utilizzati principalmente per fornire informazioni sulla persona defunta e su eventuali parenti prossimi.
  4. Nome
    Documento di identità personale con informazioni sul nome (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  5. Matrimonio
    Estratto dal registro, matrimonio
    Notifica di matrimonio
  6. Capacità di contrarre matrimonio
    Certificato di assenza di impedimenti
    Certificato di matrimonio
  7. Matrimonio (stato civile)
    Documento di identità personale indicante lo stato civile (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  8. Unione registrata
    Documento di identità personale indicante l'unione registrata (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  9. Unione (stato dell'unione)
    Documento di identità personale indicante informazioni sullo stato dell'unione (estratto dai registri dell'ufficio di stato civile)
  10. Filiazione
    Documento di identità personale contenente informazioni sulla filiazione (estratto dai registri di registrazione civile)
  11. Adozione
    N/A
  12. Domicilio
    Documento di identità personale con informazioni sulla residenza (estratto dai registri di registrazione civile)
  13. Cittadinanza
    Documento di identità personale con informazioni sulla cittadinanza (estratto dai registri di registrazione civile)
  14. Assenza di precedenti penali
    Estratto dal casellario giudiziale dell'autorità di polizia, emesso ai sensi dell'articolo 9, secondo comma, della legge sul casellario giudiziale (1998:620) e destinato alla presentazione a un'autorità estera in relazione a una domanda di permesso di soggiorno, di lavoro o di stabilimento o di altra natura, laddove i diritti del richiedente nel paese straniero dipendano da tale estratto.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera d) - gli elenchi di persone qualificate, in base alla propria legislazione nazionale, per effettuare traduzioni certificate, laddove detti elenchi esistano

Traduttore giurato - Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.kammarkollegiet.se/eng/start/all-services/search-translator

Articolo 24, paragrafo 1, lettera e) - un elenco indicativo dei tipi di autorità abilitate dal diritto nazionale a produrre copie autentiche

Non viene fornito alcun elenco indicativo poiché non esistono norme speciali in merito al potere delle autorità di effettuare copie autentiche. I notai hanno la facoltà di produrre copie autentiche, ma le autorità non sono notai.

Articolo 24, paragrafo 1, lettera f) - informazioni relative ai mezzi attraverso i quali possono essere identificate le traduzioni certificate e le copie autentiche

Le traduzioni certificate devono recare un timbro. I notai hanno la facoltà di rilasciare copie autentiche. I documenti certificati da un notaio recheranno di norma il nome del notaio attestante, nonché il luogo e la data di certificazione degli stessi. Possono altresì essere timbrati. Le informazioni relative al luogo possono essere utilizzate per accertare che una persona sia stata debitamente nominata a esercitare la professione di notaio. Tali informazioni possono essere ottenute dal consiglio amministrativo della contea competente per la contea nella quale il notaio svolge la sua attività (sede legale del notaio).

Articolo 24, paragrafo 1, lettera g) - informazioni sulle caratteristiche specifiche delle copie autentiche

I documenti certificati da un notaio recheranno di norma il nome del notaio attestante, nonché il luogo e la data di certificazione degli stessi. Possono altresì essere timbrati.

Ultimo aggiornamento: 21/08/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.