Matters of the property consequences of registered partnerships

National information concerning Regulation 2016/1104

In June 2016, the European Union adopted a Regulation concerning the property consequences of international registered partnerships aimed at helping couples to manage their property on a daily basis and to divide it in case of dissolution or the death of one of the couple's members. The Regulation was adopted under the procedure of enhanced cooperation by 18 EU countries: Sweden, Belgium, Greece, Croatia, Slovenia, Spain, France, Portugal, Italy, Malta, Luxembourg, Germany, the Czech Republic, the Netherlands, Austria, Bulgaria, Finland and Cyprus. Other EU countries can join the Regulation any time (in such case the country will also have to join the Regulation concerning the property regimes of marriages).

The Regulation will provide international registered partnerships with legal certainty and reduce the costs of legal proceedings as couples will know with clarity which EU country’s courts should deal with matters concerning their property and which national law should apply to resolve such matters. The Regulation will also facilitate the recognition and enforcement of decisions on property matters given in one EU country in another EU country. As a couple's property must be divided in case of death, the Regulation will also facilitate the application of EU rules on cross-border successions. The Regulation is applicable from 29 January 2019.

Last update: 27/02/2019

This page is maintained by the European Commission. The information on this page does not necessarily reflect the official position of the European Commission. The Commission accepts no responsibility or liability whatsoever with regard to any information or data contained or referred to in this document. Please refer to the legal notice with regard to copyright rules for European pages.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Belgio

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Per pronunciarsi sulle domande di dichiarazione di esecutività: il tribunale di primo grado e più specificamente il tribunale in materia di diritto di famiglia.

Per quanto riguarda i ricorsi contro le sentenze emesse su queste domande:

  • per presentare opposizione: il tribunale di primo grado, più specificamente il tribunale in materia di diritto di famiglia;
  • per presentare appello: la Corte d’appello.

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

La sentenza emessa in appello può essere impugnata solo dinanzi alla Corte di cassazione.

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

Nessun’altra autorità ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 2.

Ultimo aggiornamento: 17/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Repubblica ceca

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Nella Repubblica ceca sono i tribunali distrettuali [okresní soudy].

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

Possono essere svolte solo azioni processuali straordinarie, ossia:

- l'azione per annullamento [zmatečnost];

- l'azione intesa a riaprire il procedimento [žaloba na obnovu řízení];

- il riesame di un ricorso [dovolání].

Tutte le procedure straordinarie di ricorso elencate devono essere svolte dinanzi all'organo giurisdizionale che ha deciso sulla controversia in primo grado.

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

Nella Repubblica ceca non esistono autorità di questo tipo.

Ultimo aggiornamento: 23/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Grecia

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Il giudice competente a dichiarare l'esecutività delle decisioni in materia di regimi matrimoniali o di effetti patrimoniali sulle unioni civili, previa richiesta dell'interessato, ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, del regolamento in questione, è il tribunale di primo grado nella sua composizione monocratica (Μονομελές Πρωτοδικείο) nell'ambito di un procedimento di giurisdizione volontaria (artt. 740 e segg. del codice di procedura civile).

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

Il giudice competente a decidere sulle impugnazioni, nell'ambito di un procedimento in contraddittorio tra le parti relativamente alla decisione su una richiesta di esecutività, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2, del regolamento in questione è la Corte d'appello (Εφετείο). Secondo la giurisprudenza della Corte di cassazione, si tratta di un ricorso/appello definito inoppugnabile dalla Corte d'appello, e che costituisce un'eccezione alla norma contenuta nell'articolo 12, secondo comma, del codice di procedura civile.

Una decisione della Corte d'appello ai sensi dell'articolo 50 del regolamento in questione, come quella descritta alla lettera b), può essere impugnata con ricorso in cassazione.

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

Non pertinente.

Ultimo aggiornamento: 22/11/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Francia

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

I ricorsi di cui all’articolo 44 devono essere presentati al direttore della cancelleria del tribunale di primo grado (articolo 509, punti 1 e 2 del codice di procedura civile) nel caso in cui il ricorso riguardi una decisione o una transazione conclusa dinanzi al giudice e al presidente della camera dei notai o, in caso di assenza o d’impedimento, a chi ne fa le veci (articolo 509, punto 3 del codice di procedura civile), nel caso in cui il ricorso riguardi un atto autentico.

Il giudice dinanzi al quale i ricorsi di cui all’articolo 49, paragrafo 2, vengono trattati è il presidente del tribunale di primo grado (tribunal de grande instance) ex articolo 509, punto 9, del codice di procedura civile.

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

Per presentare un ricorso contro una decisione emessa dal presidente del tribunale di primo grado (pronunciata “in ultimo grado di giudizio”) è necessario presentare un ricorso in cassazione.

I motivi per presentare un ricorso in cassazione sono di diversa natura (violazione di legge, eccesso di potere, violazione delle norme sulla competenza, violazione di norme di diritto, motivazione incongrua, sentenze contraddittorie...) ma hanno in comune il fatto che il giudice valuta solo l’applicazione della legge. Pertanto, la Corte di cassazione verifica che non sussistano violazioni di legge o una interpretazione errata della norma nella decisione che esamina, ma non si pronuncia sui fatti.

La Cour de cassation

5 quai de l’horloge

75055 Paris

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

n.p.

Ultimo aggiornamento: 25/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Croazia

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Le domande intese a ottenere una dichiarazione di esecutività a norma dell'accordo 44, paragrafo 1, e le impugnazioni avverso le decisioni in merito a tali domande a norma dell'articolo 49, paragrafo 2, devono essere presentate presso i tribunali municipali.

Gli organi giurisdizionali competenti sono:

tutti i tribunali municipali ai sensi della legge sulle giurisdizioni e le sedi dei tribunali (Narodne novine (NN, Gazzetta ufficiale della Repubblica di Croazia) n 128/14).

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

La legge applicabile in Croazia non contempla un meccanismo in virtù del quale, ai fini dell'articolo 50, sia possibile impugnare una decisione relativa a un mezzo di ricorso, vale a dire che non vi sono ulteriori gradi di giudizio.

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

In Croazia i tribunali municipali sono competenti a trattare procedimenti di volontaria giurisdizione e cause di esecutività ai sensi della legge sugli organi giurisdizionali (NN nn. 28/13, 33/15, 82/15, 82/16). Pertanto, a norma della legislazione nazionale applicabile in Croazia, non esistono altre autorità competenti o professionisti dell'ambito giudiziario ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 2, del regolamento, aventi competenza in materia di regime patrimoniale fra coniugi, che esercitino le funzioni giudiziarie o agiscano in virtù di una delega di potere da parte di un'autorità giudiziaria o sotto il controllo di questa.

Ultimo aggiornamento: 18/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Italia

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

L’autorità giurisdizionale competente a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività, ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, è la Corte di Appello.

L’autorità giurisdizionale competente a trattare i ricorsi avverso le decisioni sulle domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività, ai sensi dell'art. 49, paragrafo 2, è la Suprema Corte di Cassazione.

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

La decisione emessa sul ricorso può essere impugnata:

1) con ricorso per revocazione ai sensi degli artt. 391-bis, 391-ter c.p.c.;

2) con opposizione di terzo ai sensi dell’art. 391-ter c.p.c.

Avverso la decisione può anche essere presentato ricorso per la correzione, se la sentenza è affetta da errore materiale o di calcolo.

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

Ai fini dell’art. 3, par. 2, sono autorità giurisdizionali anche:

gli Avvocati, allorché esercitano le loro funzioni nel regime di negoziazione assistita, ex art. 6 del Decreto Legge n. 132 del 2014

e gli Ufficiali di Stato Civile, allorché esercitano le loro funzioni nel regime di semplificazione previsto dall’art. 12, Decreto Legge. n. 132 del 2014.

Ultimo aggiornamento: 11/02/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Cipro

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

I tribunali che decidono sulle cause di diritto di famiglia sono competenti per pronunciarsi sulle istanze per la dichiarazione di esecutorietà.

Le impugnazioni contro le decisioni emesse su tali istanze devono essere presentate presso l'organo giurisdizionale di secondo grado che decide in materia di diritto di famiglia.

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

Il procedimento con il quale è possibile impugnare la decisione emessa sull'impugnazione è regolato all'articolo 25 della legge n. 14/60 sui tribunali e l'attribuzione di mandati prioritari, come stabilito all'articolo 155 della Costituzione.

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

N. P.

Ultimo aggiornamento: 20/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Lussemburgo

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande di dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1;

Presidente del Tribunal d’arrondissement (tribunale distrettuale)

Informazioni di contatto:

Tribunal d’arrondissement de Luxembourg

Cité judiciaire

L-2080 Luxembourg

Tel.: 00352 475981-1

Tribunal d’arrondissement de Diekirch

Palais de Justice

Place Guillaume

L–9237 Diekirch

Tel.: 00352 803214-1

Le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2;

Cour d’appel (Corte d'appello), sezione civile

Informazioni di contatto:

Cour d’appel

Cité judiciaire

L-2080 Luxembourg

Tel.: 00352 475981-1

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

I mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50:

Cour de cassation (Corte di cassazione)

Informazioni di contatto:

Cour de cassation

Cité judiciaire

L-2080 Luxembourg

Tel.: 475981-369/373

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

/

Ultimo aggiornamento: 04/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Austria

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Competente per le domande di dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, del regolamento è il giudice dell'esecuzione o il Bezirkgericht presso cui il convenuto ha domicilio o sede.

Competente per l'impugnazione di una decisione relativa alla domanda di richiesta di esecutività è il Landesgericht superiore; l'impugnazione va tuttavia effettuata presso l'organo giurisdizionale di primo grado.

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

Il ricorso per motivi di diritto alla Corte suprema va depositato presso il tribunale di primo grado.

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

In Austria non esistono altre autorità né operatori della giustizia ai sensi dell'articolo 3, secondo comma, per quanto attiene alle questioni relative agli effetti patrimoniali.

Ultimo aggiornamento: 16/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Portogallo

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Gli organi giurisdizionali o le autorità competenti ad esaminare le domande di dichiarazione di esecutività ai sensi dell’articolo 44, paragrafo 1, sono:

- il tribunale civile locale, se esiste; oppure

- il giudice avente competenza generica presso il tribunale distrettuale competente.

Gli organi giurisdizionali competenti a decidere in merito alle impugnazioni di decisioni relative a tali domande in virtù dell'articolo 49, paragrafo 2, sono le Corti d'appello.

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

In virtù dell'articolo 50, una decisione emessa in secondo grado può essere oggetto di ricorso limitatamente a questioni di legittimità dinanzi alla Corte suprema (Recurso de revista).

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

Non applicabile.

Ultimo aggiornamento: 08/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Finlandia

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Dichiarazione di esecutività:

Tribunale distrettuale

Impugnazione di una decisione del tribunale distrettuale:

Corte d'appello

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

L'impugnazione di una decisione della Corte d'appello, se ammessa, è un ricorso in Corte di cassazione (capo 30, articoli 1-3 del codice di procedura giudiziaria).

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

Esecutore nominato dal giudice

Ultimo aggiornamento: 24/09/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Questioni di effetti patrimoniali delle unioni registrate - Svezia

Articolo 64, paragrafo 1, lettera a) – le autorità giurisdizionali o le autorità competenti a trattare le domande intese a ottenere la dichiarazione di esecutività ai sensi dell'articolo 44, paragrafo 1, e i ricorsi avverso le decisioni su tali domande ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 2

Tribunale distrettuale Competenza territoriale

Tribunale distrettuale di Nacka (Nacka tingsrätt)       Contea di Stoccolma (Stockholms län)

Tribunale distrettuale di Uppsala                               Contea di Uppsala

Tribunale distrettuale di                                              Contea di Södermanland

Tribunale distrettuale di Linköping                            Contea di Östergötland

Tribunale distrettuale di Jönköping                            Contea di Jönköping

Tribunale distrettuale di Växjö                                   Contea di Kronoberg

Tribunale distrettuale di Kalmar                                 Contea di Kalmar

Tribunale distrettuale di Gotland                                Contea di Gotland

Tribunale distrettuale di Blekinge                              Contea di Blekinge

Tribunale distrettuale di Kristianstad                         Comuni (kommuner) di Bromölla, Båstad, Hässleholm, Klippan, Kristianstad, Osby, Perstorp, Simrishamn,Tomelilla, Åstorp, Ängelholm, Örkelljunga e Östra Göinge

Tribunale distrettuale di Malmö                                 Comuni di Bjuv, Burlöv, Eslöv, Helsingborg, Höganäs, Hörby, Höör, Kävlinge, Landskrona, Lomma, Lund, Malmö, Sjöbo, Skurup, Staffanstorp, Svalöv, Svedala, Trelleborg, Vellinge e Ystad

Tribunale distrettuale di Halmstad                             Contea di Halland

Tribunale distrettuale di Göteborg                             Comuni di Göteborg, Härryda, Kungälv, Lysekil, Munkedal, Mölndal, Orust, Partille, Sotenäs, Stenungsund, Strömstad, Tanum, Tjörn, Uddevalla e Öckerö

Tribunale distrettuale di Vänersborg                          Comuni di Ale, Alingsås, Bengtsfors, Bollebygd, Borås, Dals-Ed, Färgelanda, Herrljunga, Lerum, Lilla Edet, Mark, Mellerud, Svenljunga, Tranemo, Trollhättan, Ulricehamn, Vårgårda, Vänersborg e Åmål

Tribunale distrettuale di Skaraborg                            Comuni di Essunga, Falköping, Grästorp, Gullspång, Götene, Habo, Hjo, Karlsborg, Lidköping, Mariestad, Mullsjö, Skara, Skövde, Tibro, Tidaholm, Töreboda e Vara

Tribunale distrettuale di Värmland                             Contea di Värmland

Tribunale distrettuale di Örebro                                 Contea di Örebro

Tribunale distrettuale di Västmanland                       Contea di Västmanland

Tribunale distrettuale di Falu                                     Contea di Dalarna

Tribunale distrettuale di Gävle                                   Contea di Gävleborg

Tribunale distrettuale di Ångermanland                     Contea di Västernorrland

Tribunale distrettuale di Östersund                            Contea di Jämtland

Tribunale distrettuale di Umeå                                   Contea di Västerbotten

Tribunale distrettuale di Luleå                                   Contea di Norrbotten

Articolo 64, paragrafo 1, lettera b) – i mezzi di impugnazione di cui all'articolo 50

Impugnazione (överklagande) dinanzi alla Corte d'appello (hövrätt) o alla Corte suprema (Högsta domstolen). L'impugnazione deve essere presentata presso l'organo giurisdizionale che ha pronunciato la sentenza. L'impugnazione sarà esaminata solo se ammessa dalla Corte d'appello o dalla Corte suprema (prövningstillstånd).

Articolo 65, paragrafo 1 – l'elenco delle altre autorità e dei professionisti legali di cui all'articolo 3, paragrafo 2

Esecutore (bodelningsförrättare)

Amministratore di eredità (boutredningsman)

Nei procedimenti sommari relativi a ingiunzioni di pagamento o assistenza, l'autorità per l'esecuzione forzata (Kronofogdemyndigheten)

Ultimo aggiornamento: 07/10/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.