Judicial auctions

A judicial auction is a proceeding through which a public auction of the debtor's assets is arranged with the purpose of raising the sum of money needed to satisfy a creditor’s claim. The auction may be arranged by a judge, or his or her delegate, or a competent authority, or other public or private entities (authorized according to the legislation of individual countries.

Judicial auctions - definition

Glossary of terms related to judicial auctions

List of EU countries in which the on-line judicial auction is already in place

Definition

A judicial auction is normally preceded by a seizure, this is the act through which the creditor or the competent authority identifies and secures the assets suitable to satisfy the claim. Immovable and movable property can be seized, as well as credits which the debtor holds vis-à-vis a third party. In the case of credits, however, the enforcement proceedings do not terminate with the sale but with the allocation of the debtor’s credit to his or her creditor.

There are different types of judicial auctions in the EU countries, whose national law provide for the relevant legal framework. In some EU countries a judicial auction can be held on line, thus avoiding participants appearing personally before the judge or in the Court or in other public or private entities.

A judicial auction – which is usually directed by a judge, who can assign the sales operation to a third party (an independent professional or a company specifically authorised to perform this task) but can also be entirely managed by other subjects (e.g. bailiff, or other enforcement authority) – is normally preceded by appropriate advertisements.

The national pages will start having data added shortly. If the flag on the right of this page for the relevant country is greyed out then the information has not yet been added.

Glossary of terms related to judicial auctions

  1. Award – the asset for sale is awarded to the person who has offered the highest price at the end of the judicial auction.
  2. Basic price – value of the debtor’s seized properties (real estate or personal property) that have been foreclosed by the creditor or the competent authority.
  3. Bid in competition with other people/companies – competitive bidding for an asset at a judicial auction.
  4. Counter bid – a new bid for an item made by a person/company in a judicial auction, at a higher price – to attempt to secure the purchase.
  5. Deposit – to attend a judicial auction, a person must pay a deposit before the auction starts. The person will get the deposit back at the end of the auction, if they do not buy the asset for sale.
  6. Expert who estimates the value of seized assets – expert (in the relevant market) usually used to estimate the value of assets. The expert must give the asset’s fair market value, taking into account the general situation on that market and the condition it is in.
  7. Person or company in charge of the sales operation – person or company responsible for giving information to people interested in buying the asset, advertising the sale of it, carrying out the bidding procedure during the auction, etc.
  8. Possibility of previewing the asset for sale – chance for potential buyers to see the item in question, and the condition it is in (sometimes via photos, other times in person).
  9. Sale advertisement – to sell a seized asset at a judicial auction, the judge or their delegate or the competent authority must advertise the sale (how and when the asset will be sold). Judicial auctions are usually advertised on the internet, but also often in newspapers.
  10. Seized asset – debtor’s property (real estate or personal property) that is foreclosed by a creditor or the competent authority if the debtor does not voluntarily pay their debt. To foreclose an asset, the creditor or the competent authority must send the debtor a seizure order. This is an act in which the creditor or the competent authority identifies the asset that can be used to pay the debt.
  11. Transfer – the act transferring ownership of the sale asset from the debtor to the buyer.

List of the EU countries in which the on-line judicial auction is already in place

  1. Austria (in cooperation with Germany)
  2. Croatia
  3. Estonia
  4. Finland
  5. Germany (in cooperation with Austria)
  6. Hungary
  7. Italy
  8. Latvia (only for enforcement procedures relating to immovable assets)
  9. Portugal
  10. Spain
  11. The Netherlands (only for enforcement procedures relating to immovable assets).
Last update: 18/01/2019

This page is maintained by the European Commission. The information on this page does not necessarily reflect the official position of the European Commission. The Commission accepts no responsibility or liability whatsoever with regard to any information or data contained or referred to in this document. Please refer to the legal notice with regard to copyright rules for European pages.

Aste giudiziarie - Estonia

1. Pubblicità e fissazione dei prezzi dei beni pignorati

La vendita dei beni pignorati è affidata a un Il link si apre in una nuova finestraufficiale giudiziario. Qualora il debitore e il creditore raggiungano un accordo sulla soddisfazione del credito, ossia decidano che il diritto fatto valere nel procedimento di esecuzione può essere soddisfatto in altro modo, i beni pignorati non devono essere venduti all'asta. Tali accordi devono essere conclusi con tutti gli aventi diritto e notificati all'ufficiale giudiziario, che, in caso contrario, procederà con gli atti procedurali consuetudinari.

In caso più creditori, seguiti da diversi ufficiali giudiziari, abbiano trasmesso un'istanza di esecuzione relativa a uno stesso debito e il bene immobile del debitore sia già stato pignorato da uno degli ufficiali giudiziari, gli altri ufficiali giudiziari che hanno avviato il procedimento di esecuzione non potranno procedere al pignoramento dell'immobile registrato del debitore sino a quando l'immobile non sarà svincolato dal primo ufficiale giudiziario.

Il valore e il prezzo base dei beni messi all'asta sono stabiliti da un perito.

Le aste online si tengono nell'Il link si apre in una nuova finestraambiente d'asta dedicato. L'avviso dell'asta è pubblicato almeno dieci giorni prima dell'asta nella pubblicazione ufficiale sugli annunci legali Il link si apre in una nuova finestraAmetlikud Teadaanded e su Internet. Gli ufficiali giudiziari possono anche pubblicare un avviso sui quotidiani in vendita nel territorio dell'asta. Su richiesta del creditore o del debitore, l'ufficiale giudiziario farà pubblicare l'avviso in altre pubblicazioni, a spese del richiedente o del debitore.

Le persone interessate possono esaminare i beni all'asta dal giorno della pubblicazione dell'avviso sino all'inizio dell'asta. Gli interessati possono inoltre esaminare le domande trasmesse riguardo ai beni da vendere all'asta e i certificati relativi ai beni, ivi comprese le relazioni di valutazione. Quando i beni sono venduti nell'ambito di un procedimento di esecuzione, né l'ufficiale giudiziario né il debitore sono responsabili di eventuali vizi dei beni venduti. Ciò non esclude le possibili responsabilità dell'ufficiale giudiziario o del debitore per danni procurati illegittimamente. Spetta all'ufficiale giudiziario stabilire il giorno in cui è possibile esaminare i beni. Se i beni sono in possesso del debitore, il debitore può chiedere che l'esame abbia luogo entro i termini fissati per gli atti esecutivi. L'ufficiale giudiziario è tenuto a prendere in considerazione gli interessi del proprietario.

Possono partecipare alla presentazione delle offerte tutte le persone interessate ai beni da vendere all'asta, purché debitamente registrate per l'asta in questione. Le offerte partono dal prezzo base e i partecipanti possono presentare offerte al rialzo nell'arco di tempo fissato per l'asta. Se nell'intervallo precedente la fine dell'asta viene presentata una nuova offerta, la chiusura dell'asta è rinviata della durata dell'intervallo e l'asta resterà aperta sinché saranno presentate offerte. L'intervallo va da 1 a 60 minuti. Nelle aste online l'offerta migliore è l'offerta più elevata presentata nell'ambiente d'asta entro la chiusura dell'asta. La migliore offerta è annunciata nell'ambiente d'asta il giorno lavorativo successivo a quello dell'asta.

L'ufficiale giudiziario può prevedere per i partecipanti all'asta un deposito cauzionale di un importo massimo del 10% del prezzo base. In tal caso, chi intende partecipare all'asta deve versare tale deposito cauzionale. La cauzione può essere pagata elettronicamente, ossia tramite i servizi bancari online, sul conto bancario precisato dall'ufficiale giudiziario o nell'ambiente d'asta via un fornitore di servizi di pagamento. Nelle aste tenute verbalmente, i depositi cauzionali inferiori ai 640 EUR possono essere pagati in contanti.

2. Terzi autorizzati a condurre le operazioni di vendita

I beni mobili e immobili pignorati nell'ambito di un procedimento di esecuzione o fallimentare sono venduti dagli ufficiali giudiziari. Le aste semplificate sono condotte da soggetti autorizzati dalla Il link si apre in una nuova finestraCamera degli ufficiali giudiziari e dei curatori fallimentari.

3. Tipi di vendite giudiziarie alle quali le norme potrebbero applicarsi sono in parte

Non esistono tipi di aste nei procedimenti di esecuzione e fallimentari estoni cui le suddette norme si applicano solo in parte. Tuttavia, alcune differenze nei termini e nelle condizioni di svolgimento delle aste possono dipendere da specifici testi di legge.

4. Informazioni sui registri nazionali dei beni

In Estonia esistono i seguenti registri:

  • il registro elettronico del catasto è un servizio elettronico che consente di verificare in modo rapido e conveniente i dati generali, l'area e i proprietari dei beni immobili registrati, nonché i relativi vincoli e le ipoteche che gravano su tali immobili. Per utilizzare il servizio, gli utenti devono identificarsi. I dati dettagliati registrati nelle diverse sezioni del registro del catasto sono accessibili dietro pagamento del costo indicato nel listino prezzi;
  • il Il link si apre in una nuova finestraregistro dei fabbricati è un registro elettronico pubblico inteso a raccogliere, conservare e pubblicare le informazioni sugli edifici in costruzione o in uso;
  • il Il link si apre in una nuova finestraregistro della circolazione stradale fornisce informazioni su veicoli e rimorchi. Pur essendo una banca dati elettronica pubblica, l'accesso ad alcuni dei dati in esso contenuti (ad esempio, informazioni sui proprietari dei veicoli) è ristretto;
  • il Il link si apre in una nuova finestraregistro dei titoli è l'ambiente di servizio elettronico del registro centrale estone dei titoli, creato sia per le imprese che per i privati e in cui è possibile effettuare ricerche e ottenere rapidamente informazioni sui titoli e i conti titoli iscritti nel registro, nel rispetto di determinati limiti prestabiliti. Per utilizzare il servizio, gli utenti devono identificarsi;
  • il registro elettronico delle imprese contiene dati relativi a tutte le persone giuridiche registrate in Estonia. Oltre alle imprese e alle associazioni e fondazioni senza scopo di lucro, è inoltre possibile accedere ai dati relativi ad autorità governative statali e locali e a persone giuridiche degli istituti di diritto pubblico e costituzionali. Tutti coloro che si identificano utilizzando la propria carta d'identità possono visualizzare gratuitamente i dati che li riguardano;
  • il Il link si apre in una nuova finestraregistro del patrimonio dei coniugi contiene dati sul tipo di rapporti patrimoniali scelti e sul regime patrimoniale sottoscritto dai coniugi. Le informazioni introdotte nel registro del patrimonio dei coniugi sono pubbliche e accessibili gratuitamente a tutti attraverso un servizio elettronico;
  • il Il link si apre in una nuova finestraregistro navale è un registro elettronico che contiene informazioni sulle imbarcazioni registrate e su quelle in costruzione, nonché sui relativi diritti reali. I dati immessi nel registro navale sono pubblici, hanno carattere giuridico vincolante e sono pubblicamente accessibili a titolo gratuito;
  • il Il link si apre in una nuova finestraregistro degli aeromobili è finalizzato alla raccolta e al trattamento dei dati necessari alla registrazione e all'identificazione degli aeromobili;
  • il Il link si apre in una nuova finestraregistro dei crediti è il registro ufficiale tenuto da "Creditnfo" ed è l'unico registro in Estonia che contiene informazioni coerenti e di elevata qualità sulle inadempienze di pagamento. Tale registro è stato istituito nel 2001 dalle banche estoni ed è consultabile dietro pagamento di un corrispettivo;
  • è possibile consultare gratuitamente i registri elettronici pubblici dei Il link si apre in una nuova finestrabrevetti e dei marchi.

5. Informazioni relative alle banche dati che permettono ai creditori di individuare i beni e i crediti di un debitore

La maggior parte delle informazioni contenute nei registri summenzionati è, del tutto o in parte, di dominio pubblico. Per effettuare una ricerca può essere necessario identificarsi, utilizzando un documento di identità, un documento di identità elettronico oppure tramite una banca, e ad alcune ricerche può essere applicato il pagamento di un corrispettivo.

Gli ufficiali giudiziari e i curatori fallimentari devono richiedere un'autorizzazione per avere l'accesso elettronico ai dati di cui hanno bisogno nei diversi registri.

6. Informazioni sulle vendite giudiziarie online

Nelle aste condotte nell'ambito di un procedimento di esecuzione, i beni mobili e immobili sono venduti in conformità alla legge. Le aste online possono essere seguite e sono accessibili nell'Il link si apre in una nuova finestraambiente d'asta dedicato. L'ambiente d'asta pubblico è gestito dalla Il link si apre in una nuova finestraCamera degli ufficiali giudiziari e dei curatori fallimentari.

Gli avvisi delle aste pubbliche sono pubblicati almeno dieci giorni prima dell'asta nella pubblicazione ufficiale Ametlikud Teadaanded e su Internet. Gli ufficiali giudiziari possono anche pubblicare un avviso sui quotidiani in vendita nel territorio dell'asta. Su richiesta del creditore o del debitore, l'ufficiale giudiziario farà pubblicare l'avviso in altre pubblicazioni, a spese del richiedente o del debitore.

Chi intende partecipare a una determinata asta deve registrarsi per l'asta in questione conformemente alle norme ed entro i termini previsti nell'avviso d'asta, nonché versare il deposito cauzionale, laddove sia un requisito necessario per la partecipazione all'asta e se la persona non è esentata per legge dal pagamento di quest'ultimo. Possono presentare offerte i partecipanti registrati all'asta che dispongono della capacità di agire necessaria e il cui diritto di partecipare all'asta non sia ristretto da disposizioni giuridiche o di altro tipo. Le domande di partecipazione a un'asta pubblica devono essere firmate con firma digitale o sottoscritte a mano. Le domande di partecipazione possono essere trasmesse inviando un'e-mail all'ufficiale giudiziario, all'indirizzo precisato nell'avviso d'asta o caricandola nell'ambiente d'asta. La domanda di partecipazione non deve essere cifrata, ma la procedura specifica per la registrazione è stabilita dall'ufficiale giudiziario. In caso di aste tenute verbalmente, la busta deve essere sigillata. Per fare un'offerta nell'ambiente d'asta online, i partecipanti devono identificarsi utilizzando un documento di identità, un documento di identità elettronico oppure un nome utente e una password.

I pagamenti necessari (deposito cauzionale, costi, prezzo di acquisto, ecc.) possono essere effettuati elettronicamente tramite i servizi bancari online, sul conto bancario precisato dall'ufficiale giudiziario o nell'ambiente d'asta tramite un fornitore di servizi di pagamento.

Gli offerenti devono registrarsi per l'asta entro l'apertura dell'asta. Tutti gli offerenti sono informati dell'inizio dell'asta, mediante un avviso riguardante l'apertura dell'asta, inviato loro via e-mail. Tutti possono assistere allo svolgimento dell'asta nell'ambiente d'asta pubblico. Le offerte possono essere presentate entro un termine specifico (il "modello eBay"). Per i partecipanti alle aste è previsto un servizio di supporto agli utenti (in estone, russo e inglese). L'anonimato degli offerenti che partecipano a un'asta è garantito sino al termine della stessa.

Le aste pubbliche organizzate in più Stati membri dovrebbero favorire le relazioni tra cittadini e imprese dei paesi dell'UE, accrescere la trasparenza delle aste e attrarre un maggior numero di partecipanti. Inoltre, aste di questo tipo potrebbero ridurre i tempi necessari per la vendita dei beni.

Ultimo aggiornamento: 14/05/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti.

Aste giudiziarie - Grecia

1. Pubblicità e determinazione del prezzo nella vendita dei beni sequestrati

Il sequestro viene eseguito mediante la rimozione della cosa (articolo 954 del codice di procedura civile), la confisca del bene immobile, la proprietà del debitore, o mediante la soppressione del diritto reale del debitore suddetto bene immobile (articolo 992 del codice di procedura civile) da parte dell'ufficiale giudiziario che ne redige processo verbale in presenza di un testimone maggiorenne. Il bene sequestrato è sottoposto a stima da parte dell'ufficiale giudiziario o da parte dell'esperto designato a tal fine dall'ufficiale giudiziario. Per quanto riguarda i beni immobili, il loro valore di mercato deve essere determinato da un perito indipendente.

La relazione di sequestro deve contenere: a) la descrizione esatta della cosa pignorata, al fine di eliminare qualsiasi dubbio sull'identità della cosa, b) la menzione della stima del bene confiscato effettuata dall'ufficiale giudiziario o dal perito, c) l'importo del prezzo di base d'asta che deve essere pari almeno a due terzi del valore stimato del bene pignorato, d) la menzione del titolo esecutivo sulla base del quale l'esecuzione è effettuata, del mandato notificato al debitore e dell'importo per il quale il sequestro è effettuato, e) la menzione della data della vendita all'asta, fissata per legge sette mesi successivamente alla data di esecuzione del sequestro e, in ogni caso entro il termine inferiore a otto mesi dalla data del sequestro, l'indicazione del luogo di vendita e del nome di colui che procede alla vendita.

Un estratto della redazione di sequestro, contenente nome e cognome di colui che chiede l'esecuzione e di colui nei cui confronti l'esecuzione è effettuata, una breve descrizione dei beni sequestrati, l'importo a base d'asta, nome e cognome e indirizzo esatto di colui che procede alla vendita, nonché il luogo data e ora di quest'ultima che devono essere pubblicati entro 10 giorni a decorrere dal sequestro sul sito Internet del fondo assicurazioni per le libere professioni, sezione "assicurazione dei magistrati" nel bollettino di pubblicazioni giudiziarie, rubrica "vendita a pubblico incanto".

La vendita non può aver luogo se le suddette formalità non sono state rispettate, a pena di invalidità dell'aggiudicazione stessa.

2. Terzi autorizzati alla vendita

I beni sequestrati sono venduti durante l'asta pubblica alla presenza di un notaio della regione in cui ha avuto luogo il sequestro, nominato espressamente per l'asta (articolo 959 del codice di procedura civile), mentre il bene immobile è venduto durante un'asta pubblica che si svolge in presenza di un notaio della regione dove il bene è ubicato, designato espressamente per l'asta (articolo 998 del codice di procedura civile).

La vendita si svolge mediante la proposta di offerte scritte e sigillate, successivamente mediante offerte orali, conformemente all'articolo 959, paragrafo 4, del codice di procedura civile. Al momento di apertura dell'asta tutti i candidati aggiudicatari devono designare, tramite dichiarazione all'agente che effettua la vendita, una persona appartenente alla giurisdizione del tribunale di primo grado del luogo della vendita, presso la quale eleggono domicilio ai fini della notifica di tutti gli atti relativi all'esecuzione.

La vendita si svolge presso il giudice di pace della regione in cui il sequestro del bene ha avuto luogo, il mercoledì, giorno feriale. Se i beni sequestrati appartengono alla giurisdizione di diversi giudici di pace, l'asta pubblica si svolge dinanzi al giudice di pace designato dall'ufficiale giudiziario nella sua relazione di sequestro. Se la vendita ha ad oggetto beni immobili, quest'ultima può svolgersi, a discrezione dell'ufficiale di giustizia, presso il giudice di pace del luogo dell'esecuzione, nel luogo del pignoramento o nel luogo in cui i beni sono conservati. Se la vendita riguarda beni immobili, quest'ultima si svolge dinanzi al giudice di pace della giurisdizione in cui il bene è pubblicato. Se il bene immobile appartiene alla giurisdizione di diversi giudici di pace, l'asta pubblica si svolge dinanzi a uno di questi giudici, in base alla scelta delle parti che chiedono l'esecuzione.

3. Tipi di asta a cui le norme in materia di esecuzione si applicano parzialmente

Sequestro di beni particolari (articoli da 1022 a 1033 del codice di procedura civile):

Il sequestro può avere ad oggetto diritti patrimoniali della persona nei confronti dei quali è esperita l'azione esecutiva, e che non possono essere oggetto di un sequestro conformemente alla procedura prevista all'articolo 953, paragrafi 1 e 2, all'articolo 982 e 992 del codice di procedura civile, e più particolarmente può avere ad oggetto diritti di proprietà intellettuale, brevetti, diritti di sfruttamento di pellicole cinematografiche, o azioni che dipendono dalla controparte, a condizione che le disposizioni di diritto materiale autorizzino trasferimento di questi diritti (articolo 1022 del codice di procedura civile).

Qualora venga ordinata la vendita pubblica del diritto pignorato, il giudice di pace nomina l'agente incaricato della vendita (articolo 1026 del codice di procedura civile) e si applicano le disposizioni vigenti relative alla vendita dei beni mobili.

4. Informazioni relative ai registri nazionali dei beni patrimoniali

Non esistono registri nazionali dei beni patrimoniali.

5. Informazioni relative alle banche dati che possono essere utilizzate da parte del debitore per identificare i beni materiali o i crediti del debitore

Non esistono banche dati che possono essere utilizzate da parte del debitore per identificare i beni materiali o i crediti del debitore.

6. Informazioni relative alle aste giudiziarie in linea

Nessun asta pubblica è effettuata on-line.

Ultimo aggiornamento: 25/06/2018

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Spagna

1. Pubblicità e determinazione del prezzo nella vendita dei beni pignorati

Le vendite all'asta costituiscono oggetto di pubblicità tramite annunci pubblicati nella sezione "Amministrazione di Giustizia" del portale della Il link si apre in una nuova finestraGazzetta ufficiale spagnola nonché sul Il link si apre in una nuova finestraportale delle vendite all'asta.

I prezzi sono fissati nell'ambito delle relative procedure giudiziarie (articolo 637 del codice di procedura civile) da esperti nominati. Non è sempre necessario fissare un prezzo, nella misura in cui il valore di un bene per la vendita all'asta può essere determinato preventivamente in via preventiva, ad esempio nel caso di pignoramenti immobiliari. Neppure è necessario fissare un prezzo nell'ambito delle vendite all'asta volontarie nelle quali i beni possono essere venduti senza che sia fissato un prezzo base o al prezzo proposto dalle parti.

2. Terzi autorizzati alla vendita

Secondo la legislazione spagnola la vendita può essere affidata a persone o a enti specializzati, pubblici o privati. Se l'autorità giudiziaria decide di affidare la vendita a enti specializzati, la vendita o la vendita all'asta devono rispettare le norme dei suddetti enti nella misura in cui esse non siano incompatibili con le finalità dell'esecuzione e nella misura in cui siano protetti gli interessi sia della persona oggetto dell'esecuzione che di quella procedente all'esecuzione (articolo 641 del codice di procedura civile).

Il suddetto articolo dispone, nel suo primo comma, che gli ordini forensi possono assumere queste funzioni e a tal fine essi hanno creato il loro Il link si apre in una nuova finestraportale delle aste elettroniche.

I beni possono anche essere venduti direttamente dagli amministratori giudiziari al momento della liquidazione della procedura concorsuale.

3. Tipi di asta a cui si applicano parzialmente le norme in materia di esecuzione

Attualmente, il portale delle vendite all'asta assicura la pubblicità di tutte le aste, sia giudiziarie che notarili, organizzate in Spagna, tranne le aste amministrative, anche se è comunque previsto di integrarle a breve nel portale (ad esempio, ministero delle finanze o sicurezza sociale).

Da questo portale sono anche escluse le vendite summenzionate affidate a enti specializzati, le vendite conseguenza di procedure fallimentari, quando il giudice ha approvato un'altra forma di alienazione, nonché le procedure di esecuzione nelle quali le parti decidono di comune accordo un'altra forma di alienazione, mediante sottoscrizione di una convenzione di vendita (articolo 640 del codice di procedura civile).

4. Informazioni relative ai registri nazionali dei beni

  • Beni immobili: i registri fondiari hanno il compito di fornire le informazioni relative ai beni immobili messi all'asta, ad esempio informazione relativamente al proprietario, allo stato materiale del bene, alla situazione e ai diritti che gravano sul bene o sono ad essi relativi, quale il diritto di usufrutto.
  • Beni mobili: esiste anche un registro dei beni mobili in cui sono iscritti gli aeromobili, le imbarcazioni, gli autoveicoli e gli altri veicoli a motore, le macchine industriali, gli stabilimenti commerciali e i beni costituenti l'attrezzatura ecc.
  • Altri registri di beni: taluni beni costituiscono oggetto della pubblicità specifica a causa della loro natura. Ad esempio è il caso dei beni in corporali che appartengono alla competenza dell'ufficio spagnolo dei brevetti e dei marchi.

5. Informazioni relative alle banche dati che possono essere utilizzate da parte del creditore per identificare i beni materiali o i crediti del debitore

Informazioni sulla proprietà e su tutti i creditore di un bene sono fornite dal registro fondiario e dal registro dei beni mobili.

I dati possono essere consultati anche sul Il link si apre in una nuova finestrasito web del catasto. Qualora il riferimento catastale del bene messo all'asta venga pubblicato, il portale delle vendite all'asta genera un collegamento che permette di visualizzare il bene mediante una visualizzazione satellitare tramite la piattaforma Google Earth o piattaforme simili.

6. Informazioni relative alle aste giudiziarie in linea

Il link si apre in una nuova finestraPortale delle vendite all'asta

Ultimo aggiornamento: 14/05/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Francia

1. Pubblicità e determinazione del prezzo dei beni pignorati

Nell'ambito del pignoramento immobiliare il registro delle condizioni di vendita viene stilato sotto la responsabilità del creditore istante: è quest'ultimo a stabilire l'importo del prezzo base, che può tuttavia essere contestato dal debitore, sapendo che il giudice dell'esecuzione è chiamato a pronunciarsi al termine dell'audience d'orientation (udienza cognitiva).

In generale, nelle aste pubbliche di beni mobili, il professionista incaricato della vendita stabilisce il prezzo base, ovvero il prezzo di partenza della vendita, e i beni vengono aggiudicati all'ultimo migliore offerente. Qualora sia necessario procedere a una stima del bene, il professionista che effettua la vendita può ricorrere a un perito.

Nella vendita forzata di immobili il creditore istante può predisporre una pubblicità facoltativa (cfr. infra, punto successivo); analogamente, nella vendita forzata di beni mobili, il professionista incaricato della vendita può procedere a una pubblicità sul proprio sito internet o, nel caso dei commissaires-priseurs judiciares (banditori d'asta giudiziari), sugli appositi siti internet della professione: Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.interencheres.com/ o Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.drouot.com/.

Nel caso della vendita forzata di beni mobili, la pubblicità a mezzo stampa è consentita, mentre nella vendita forzata di immobili è obbligatoria la pubblicazione dell'avviso stilato dal creditore in un giornale di annunci legali e di un avviso semplificato in due edizioni periodiche di giornali locali o regionali, mentre la pubblicità facoltativa può essere effettuata con qualsiasi mezzo complementare.

Per quanto riguarda la vendita forzata di immobili, l'avviso predisposto dal creditore istante deve essere affisso in un luogo facilmente accessibile al pubblico presso i locali del tribunale.

Nella vendita forzata di beni mobili materiali, la pubblicità è prevista sotto forma di avvisi apposti presso il municipio del comune in cui risiede il debitore e presso il luogo della vendita.

Nell'ambito della vendita forzata di beni mobili è ammessa la pubblicità attraverso prospetti o cataloghi.

In caso di saisie-vente (pignoramento a scopo di vendita) di beni mobili, la pubblicità relativa alla vendita può comprendere la descrizione dei beni e la loro stima.

Per quanto riguarda il pignoramento immobiliare, nell'avviso pubblicato e affisso nei locali del tribunale viene indicato l'immobile pignorato e viene fornita una descrizione sommaria dello stesso (tipologia, eventuale occupazione, qualsiasi elemento noto sulla sua superficie), oltre ad essere indicato l'importo del prezzo base.

I beni mobili venduti nelle aste pubbliche sono presentati al momento stesso della vendita dal banditore d'asta giudiziario o dal professionista abilitato che organizza la vendita, ma può anche essere prevista un'esposizione preventiva dei beni.

Gli immobili pignorati possono essere visitati in giorni e in orari stabiliti dal giudice (articolo R.322-26 del CPCE) e le visite sono effettuate in presenza di un ufficiale giudiziario.

Nelle aste di beni mobili i beni vengono aggiudicati all'ultimo migliore offerente, con la precisazione che le aste non hanno una durata limitata, ma che possono essere interrotte solo dopo tre chiamate. Nel pignoramento immobiliare si applica un sistema di offerte al rialzo in cui ciascuna offerta deve superare la precedente; l'asta si conclude allo scadere di novanta secondi dall'ultima offerta (il tempo viene scandito da un mezzo visivo e sonoro che segnala al pubblico i secondi trascorsi).

Nella vendita forzata di beni mobili non occorrono depositi né garanzie, mentre nella vendita forzata di immobili la persona che desidera partecipare all'asta deve consegnare al proprio avvocato una garanzia bancaria irrevocabile o un assegno bancario all'ordine del sequestro o della Caisse des dépôts et consignations (Cassa depositi e prestiti) pari al 10% dell'importo del prezzo base (tale importo non può tuttavia essere inferiore a 3 000 €). Al termine dell'udienza di aggiudicazione tale somma viene restituita all'offerente se quest'ultimo non è dichiarato aggiudicatario.

2. Terzi autorizzati a eseguire l'operazione di vendita

I banditori d'asta giudiziari, i notai, i mediatori in merci giurati e gli ufficiali giudiziari sono gli unici professionisti abilitati a organizzare vendite giudiziarie di beni mobili (e soprattutto di beni mobili pignorati) nell'ambito di aste pubbliche.

3. Tipi di vendite giudiziarie in cui le norme potrebbero essere applicate solo in parte

In ambito mobiliare possono essere effettuate delle aste pubbliche volontarie che sono soggette a norme molto più flessibili di quelle delle aste giudiziarie. Nella fattispecie, si applicano gli articoli L. 321-1 e seguenti e R. 321-1 e seguenti del codice di commercio francese. Le aste volontarie non rientrano nei procedimenti di esecuzione forzata, che sono di tipo giudiziario.

4. Informazioni sui registri nazionali dei beni

In materia di proprietà immobiliare, il catasto - che è un documento amministrativo e fiscale - può fornire al creditore informazioni sui beni immobili detenuti dal debitore nel territorio di un comune e sulla loro consistenza (fondi edificati o non edificati, superficie delle particelle, tipologia di ciascun locale). Inoltre, per ciascun comune, i servizi della pubblicità fondiaria (servizi amministrativi facenti capo alla Direction Générale des Finances Publiques, direzione generale della finanza pubblica) tengono un registro immobiliare che contiene, sotto il nome di ciascun proprietario e per ciascun immobile, alcuni estratti dei documenti pubblicati e che presenta quindi la situazione giuridica di ciascun immobile.

Quanto ai beni mobili, il Système d'Identification des Véhicules (sistema di identificazione dei veicoli) o SIV consente di ottenere informazioni sullo stato civile del titolare del certificato di immatricolazione dei veicoli a motore e delle due ruote, nonché sul numero di immatricolazione e sulle caratteristiche del veicolo. Esistono registri nazionali destinati all'iscrizione di navi (decreti in fase di elaborazione), barche (registro delle immatricolazioni informatizzato tenuto dal ministero dei Trasporti) e aeromobili (registro delle immatricolazioni tenuto dal ministero incaricato dell'Aviazione civile). I diritti di proprietà intellettuale sono iscritti in un registro nazionale tenuto dall'Institut national de la propriété intellectuelle (INPI) e direttamente consultabile dai creditori. I titoli delle opere cinematografiche destinate alla proiezione pubblica in Francia sono iscritti nel registro pubblico del cinema e dell'audiovisivo gestito da un agente dell'amministrazione tributaria, mentre i titoli delle opere letterarie che sono stati oggetto di un'opzione per l'acquisto dei diritti di adattamento figurano nel registro delle opzioni.

In ambito immobiliare il catasto è tenuto da ciascun comune con una serie di documenti (mappa catastale, tavole, libro fondiario), ma solo la mappa catastale è informatizzata. Il registro immobiliare è tenuto dai servizi della pubblicità fondiaria presenti localmente nella circoscrizione di ciascun Tribunal de Grande Instance (tribunale di primo grado). Non esiste un registro nazionale.

Per quanto riguarda i veicoli a motore, ogni prefettura tiene il proprio registro, ma il SIV dispone di uno schedario informatico nazionale.

Nel caso delle barche, il registro è informatizzato e tenuto dal ministero dei Trasporti, mentre per le navi esistono sei diversi registri, anch'essi tenuti dal ministero dei Trasporti.

Per quanto riguarda gli aeromobili, il registro delle immatricolazioni è tenuto dal ministero incaricato dell'Aviazione civile ed è accessibile on-line a titolo informativo.

Le informazioni relative ai vari diritti di proprietà intellettuale sono centralizzate da un unico organismo, l'INPI, che consente l'accesso a vari fondi documentari attraverso il proprio sito internet.

I servizi del catasto sono parzialmente accessibili Il link si apre in una nuova finestraon-line. Si tratta di un servizio di consultazione della sola mappa catastale e non del libro fondiario (che può contenere informazioni sui proprietari), così come il SIV, il registro internazionale francese delle navi in franchising e i registri dell'INPI.

In generale la maggior parte dei registri, quando sono pubblici, sono soggetti alle disposizioni del code des relations entre le public et l'administration (codice delle relazioni tra il pubblico e l'amministrazione), che prevedono la possibilità di accedere gratuitamente ai documenti amministrativi mediante consultazione sul posto, attraverso la messa a disposizione di una copia a fronte di spese corrispondenti al massimo al costo della riproduzione oppure a mezzo posta elettronica, senza spese, quando il documento esiste in formato elettronico.

5. Informazioni sulle banche dati che consentono ai creditori di individuare i beni e i crediti di un debitore

L'articolo L.152-1 del CPCE consente all'ufficiale giudiziario di ottenere informazioni che permettono di stabilire l'indirizzo del debitore, l'identità e il recapito del suo datore di lavoro o di qualsiasi terzo debitore o depositario di somme liquidi o esigibili e la composizione del suo patrimonio immobiliare presso amministrazioni statali, regioni, dipartimenti, comuni, istituti pubblici o presso organismi controllati dall'autorità amministrativa.

L'ufficiale giudiziario può consultare direttamente il Fichier des comptes bancaires et assimilés (schedario nazionale dei conti bancari) o FICOBA, gestito dall'amministrazione fiscale e alimentato dalle banche, per sapere se esistono conti bancari aperti a nome del debitore ed eventualmente dove sono tenuti.

L'ufficiale giudiziario ha la facoltà di interpellare le casse di assicurazione malattia o di disoccupazione.

In virtù dell'articolo L.152-2 del CPCE, le banche sono tenute a far sapere all'ufficiale giudiziario incaricato dal creditore se esistono uno o più conti a nome del debitore ed eventualmente dove sono tenuti, esclusa ogni altra informazione.

Il SIV, che è il sistema di identificazione dei veicoli al quale l'ufficiale giudiziario incaricato dal creditore può accedere, consente di ottenere informazioni sullo stato civile del titolare del certificato di immatricolazione dei veicoli a motore e delle due ruote, nonché sul numero di immatricolazione e sulle caratteristiche del veicolo.

Il creditore non può accedere a queste banche dati direttamente, ma solo tramite l'ufficiale giudiziario incaricato di procedere all'esecuzione forzata.

6. Informazioni sulle vendite giudiziarie on‑line

In Francia il regime delle aste dei beni mobili distingue due tipi di vendite su internet:

  • le vendite "live" o "live auctions", parzialmente dematerializzate: la vendita si svolge fisicamente in un luogo e viene trasmessa in diretta on-line sul sito internet del professionista che opera la vendita o su uno degli appositi siti a disposizione dei banditori d'asta giudiziari (Il link si apre in una nuova finestrahttp://www.interencheres.com/ o Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.drouotlive.com/). Non sussistendo impedimenti al riguardo, queste vendite giudiziarie sono ammesse e sono sempre più frequenti.
  • Le vendite "on-line", interamente dematerializzate: la vendita è effettuata solo su internet senza una presenza fisica in un determinato luogo. Allo stato della normativa, queste vendite non sono possibili in ambito giudiziario (al contrario delle aste volontarie), in quanto esistono ostacoli tecnici di natura giuridica.

Le vendite (parzialmente) dematerializzate sono possibili solo per i beni mobili.

I professionisti che effettuano le vendite possono predisporre una pubblicità transfrontaliera e le offerte possono provenire da qualsiasi aggiudicatario, indipendentemente dalla sua ubicazione e cittadinanza e a prescindere che la vendita sia "live" o meno (esistono peraltro meccanismi di aste a distanza con ordini d'acquisto trasmessi per iscritto o telefonicamente).

Per partecipare a un'asta dematerializzata, la persona (potenziale aggiudicatario) non deve fornire la propria firma, ma il professionista incaricato della vendita può esigere una strisciata della sua carta bancaria. L'iscrizione deve essere effettuata presso il professionista incaricato della vendita e, in linea di principio, può essere realizzata con qualsiasi mezzo; il metodo più diffuso è probabilmente quello dell'iscrizione attraverso il sito internet sul quale viene trasmessa la vendita. Sono ammessi gli ordini d'acquisto scritti, indipendentemente dal tipo di supporto.

Le modalità di pagamento accettate sono stabilite dal professionista incaricato della vendita.

L'offerente a distanza non deve essere necessariamente presente di persona (solo se lo desidera), può seguire l'asta in diretta e trasmettere l'ordine in tempo reale. Può inoltre registrare uno o più ordini di acquisto prima della vendita e, in tal caso, le offerte salgono man mano tenendo conto sin dall'inizio dell'offerta proposta. Inoltre durante l'asta è in generale possibile mantenere un contatto telefonico.

La possibilità di ricorrere alla traduzione dipende dalle capacità del professionista incaricato della vendita e dei suoi ausiliari, ma la normativa non prevede alcun obbligo in materia.

Considerate le configurazioni dei siti internet di vendita, solo le persone iscritte alla vendita on-line possono parteciparvi attraverso il sito internet in questione, mentre il pubblico può accedere fisicamente alla vendita nel luogo stesso in cui essa si svolge.

Ultimo aggiornamento: 16/03/2018

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

La versione originale in lingua croato di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

Aste giudiziarie - Croazia

1. Pubblicità e fissazione dei prezzi per la vendita dei beni pignorati

Conformemente alle disposizioni dell'Ovršni zakon (legge sull'esecuzione forzata) (Narodne Novine ("NN"; gazzetta ufficiale della Repubblica di Croazia) nn. 112/12, 25/13, 93/14 e 55/16, in prosieguo la "legge sull'esecuzione forzata"), la vendita di beni mobili e immobili è effettuata nell'ambito di aste giudiziarie. Il 1° gennaio 2015 è entrato in vigore in Croazia un sistema di vendite di beni mobili e immobili mediante aste giudiziarie online per i procedimenti avviati a partire dalla data dell'entrata in vigore del sistema.

Beni immobili

Le procedure esecutive relative ai beni immobili vengono avviate con l'iscrizione del titolo esecutivo nel registro catastale, con cui viene determinato il valore del bene immobile, la vendita dello stesso e la soddisfazione dei crediti degli aventi diritto con i proventi della vendita.

Il valore dell'immobile è stabilito da una conclusione discrezionale del giudice, basata su un parere e risultanze motivate di un consulente tecnico o di un perito estimatore. Nel determinare il valore dell'immobile verranno presi in considerazione anche taluni diritti e gravami che non cessano neppure dopo la vendita del bene, diminuendone il valore.

Una volta completato il procedimento di stima del bene, il giudice emette una conclusione sulla rispettiva vendita, in cui stabilisce il valore del bene, nonché le modalità e le condizioni di vendita.

L'articolo 92, commi 2 e 3, della legge sull'esecuzione forzata prevede che le parti possano stabilire il valore del bene mediante un accordo giudiziale o stragiudiziale, che formerà la base per il pegno o un altro diritto di proprietà pertinente come garanzia del credito di cui è stata chiesta la soddisfazione.

I beni immobili sono venduti mediante aste giudiziarie online condotte dalla Financijska agencija (l'agenzia finanziaria, in prosieguo la "FINA") su richiesta dell'autorità competente. Le domande di vendita e gli altri documenti del procedimento di vendita dei beni immobili sono trasmessi ai centri regionali della FINA competenti a livello territoriale, a seconda del luogo e della competenza del giudice preposto all'esecuzione.

Un'asta giudiziaria online inizia con un invito a parteciparvi.

Alla prima asta giudiziaria online, l'immobile non può essere venduto a un prezzo inferiore ai 4/5 del valore prestabilito. Alla seconda asta giudiziaria online, l'immobile non può essere venduto a un prezzo inferiore ai 3/5 del valore prestabilito (articolo 102, commi 1 e 2, della legge sull'esecuzione forzata).

Il termine per presentare le offerte è di dieci giorni lavorativi. Se nel corso della prima asta giudiziaria online non sono raccolte offerte valide, la seconda asta inizierà con la pubblicazione di un invito a partecipare il primo giorno successivo al termine della prima asta giudiziaria online.

Se anche durante la seconda asta giudiziaria online non perviene nessuna offerta valida, la FINA notifica il fatto all'autorità giudiziaria, che in tal caso sospenderà il procedimento esecutivo.

L'asta giudiziaria online si conclude all'ora specificata nell'invito a partecipare (articolo 103, comma 1, della legge sull'esecuzione forzata).

Dopo la conclusione positiva della vendita all'asta giudiziaria online e in seguito alla notifica della FINA, il giudice emette una decisione di aggiudicazione dell'immobile, in cui stabilisce che, una volta che la decisione sarà divenuta definitiva e dopo che l'acquirente avrà corrisposto il prezzo di acquisto, dovrà essere iscritto nel registro catastale a favore dell'acquirente il diritto di proprietà sul bene aggiudicato nonché cancellati gli eventuali diritti o gravami sul bene in questione che cesseranno con la vendita.

Una volta divenuta definitiva la decisione di aggiudicazione del bene immobile all'acquirente, il giudice fisserà una data per l'udienza riguardante la ripartizione del prezzo di vendita.

Beni mobili

I procedimenti esecutivi aventi come oggetto beni mobili prevedono la preclusione, la stima, il pignoramento e l'assegnazione del bene, affidato all'autorità giudiziaria, al creditore dell'esecuzione o a un terzo, la vendita del bene e la soddisfazione del diritto del creditore con i proventi della vendita.

I beni mobili sono venduti mediante asta giudiziaria verbale o trattativa diretta. La modalità della vendita è definita con una conclusione dell'autorità giudiziaria, tenendo conto della vendita del bene mobile al miglior offerente.

La vendita del bene mobile è annunciata a tempo debito con affissione nella bacheca del tribunale oppure ricorrendo alle stesse modalità previste per la vendita di beni immobili.

Al creditore e al debitore coinvolti nel procedimento di esecuzione vengono notificati il luogo, la data e l'ora della vendita.

Su proposta del creditore esecutivo, la vendita del bene mobile può essere effettuata anche mediante asta giudiziaria online, cui si applicheranno mutatis mutandis le disposizioni della legge sull'esecuzione forzata relative alle aste giudiziarie online di beni immobili (articolo 149, comma 7, della legge sull'esecuzione forzata).

Il bene mobile non può essere venduto all'asta a meno della metà del valore stimato. Non può essere venduto a un importo inferiore a tale prezzo neppure durante il periodo fissato dal giudice per la vendita con trattativa diretta.

Se il bene mobile non può essere venduto all'asta o mediante trattativa diretta, l'esecuzione viene sospesa.

Una volta conclusa la vendita del bene mobile, l'acquirente è tenuto a comunicare il prezzo di acquisto e a farsi carico del bene non appena terminata l'asta o conclusa la vendita con trattativa diretta. Laddove l'acquirente non versi il prezzo di acquisto, l'asta è considerata nulla.

La vendita di beni mobili pignorati nell'ambito di un procedimento di esecuzione può essere affidata a un commissionario certificato. Le attività di un commissionario certificato sono organizzate e attuate dalla Camera dell'economia della Croazia.

Le aste relative ai beni mobili indette presso il commissionario sono condotte dal notaio.

Dopo la relativa vendita, il commissionario trasferisce il bene mobile all'acquirente a fronte del pagamento del prezzo di acquisto.

2. Terzi che conducono le operazioni di vendita

Beni immobili

In Croazia le vendite di beni immobili sono effettuate dalla FINA. Assieme alla domanda per la vendita da trasmettere nel formato prestabilito, l'autorità giudiziaria è tenuta a fornire alla FINA il titolo esecutivo, l'estratto del registro catastale e le conclusioni relative alla vendita.

Nel caso della vendita di beni immobili con trattativa diretta, l'immobile è venduto per tramite di una persona autorizzata a vendere beni immobili, di un ufficiale giudiziario, di un notaio o in altro modo.

Beni mobili

Le aste giudiziarie verbali di beni mobili sono condotte da un ufficiale giudiziario. In conclusione l'autorità giudiziaria può affidare l'esecuzione dell'asta a un notaio (articolo 149, comma 2 della legge sull'esecuzione forzata). La vendita di beni mobili pignorati nell'ambito di un procedimento di esecuzione può essere affidata a un commissionario certificato (articolo 152, comma 1, della legge sull'esecuzione forzata).

Su proposta della persona che vanta il credito, la vendita del bene mobile può essere effettuata mediante asta giudiziaria online condotta dalla FINA.

3. Tipi di vendite giudiziarie alle quali le norme potrebbero applicarsi solo in parte

Beni immobili

I beni immobili sono venduti mediante aste giudiziarie online. Tale procedimento inizia con un invito ai partecipanti a un'asta giudiziaria online (articolo 97, comma 1, della legge sull'esecuzione forzata).

Le parti, i creditori pignoratizi e i titolari di servitù e oneri a carico dei proprietari che devono cessare con la vendita dell'immobile possono raggiungere un accordo al più tardi entro il giorno della vendita dell'immobile mediante asta giudiziaria online affinché il bene in questione sia venduto con trattativa diretta per tramite di una persona autorizzata alla compravendita di beni immobili, di un ufficiale giudiziario, di un notaio o in altro modo entro un termine specifico (articolo 97, comma 6, della legge sull'esecuzione forzata).

Nel caso della vendita mediante trattativa diretta, dopo aver accertato il rispetto delle condizioni necessarie per la validità legale della vendita, il tribunale emette una decisione di aggiudicazione dell'immobile venduto con trattativa diretta.

La decisione di aggiudicazione viene affissa nella bacheca del tribunale e trasmessa a tutti coloro cui è notificata la conclusione sulla vendita dell'immobile all'acquirente (articolo 104, comma 2, della legge sull'esecuzione forzata).

Beni mobili

I beni mobili sono venduti mediante asta giudiziaria verbale o trattativa diretta. La modalità di vendita è definita da una conclusione dell'autorità giudiziaria, tenendo conto del fatto che il bene mobile deve essere venduto al miglior offerente (articolo 149, comma 1, della legge sull'esecuzione forzata).

La vendita mediante trattativa diretta è conclusa da e tra l'acquirente (che è una delle parti) e dall'ufficiale giudiziario o da una persona che agisce in qualità di commissionario (che rappresenta l'altra parte) . L'ufficiale giudiziario vende il bene mobile a nome e per conto del debitore oggetto del procedimento di esecuzione e la persona che agisce in qualità di commissionario a nome e per conto proprio e a nome e per conto del debitore stesso (articolo 149, comma 3, della legge sull'esecuzione forzata).

Su proposta della persona che vanta il credito, la vendita del bene mobile può essere effettuata anche mediante asta giudiziaria online, cui si applicheranno mutatis mutandis le disposizioni della presente legge relativa alle aste giudiziarie online di beni mobili (articolo 149, comma 7, della legge sull'esecuzione forzata).

La vendita di beni immobili e mobili sottoposti a garanzie giudiziali e notarili mediante passaggio della proprietà e trasferimento dei diritti può essere effettuata applicando le disposizioni pertinenti relative alla vendita di beni mobili e immobili a fini esecutivi.

4. Informazioni sui registri nazionali dei beni

In Croazia sono conservati i seguenti registri di proprietà:

  • registri catastali riguardanti la situazione giuridica dei beni immobili nel territorio croato;
  • registro degli autoveicoli;
  • registro navale;
  • registro aeronautico;
  • registro delle azioni e dei titoli dematerializzati;
  • registro degli strumenti di garanzia giudiziale e notarile (registro dei pegni);
  • registro unico dei conti;
  • altri libri e registri.

I registri sono conservati in formato elettronico da diverse autorità statali e sono accessibili elettronicamente (ad esempio, accedendo al registro delle persone giuridiche conservato dai tribunali commerciali).

Per ottenere dati dalle autorità statali, occorre di norma pagare un'apposita tariffa, che dipende da ciascuna autorità statale ed è stabilita conformemente alla legge sui costi amministrativi (NN n. 115/16) e al decreto sulle tariffe dei diritti amministrativi (NN n. 8/17). I diritti amministrativi sino a 100 HRK possono essere corrisposti con valori di bollo, mentre quelli superiori mediante i servizi bancari online.

L'elenco dei beni mobili e immobili in vendita nell'ambito di procedimenti di esecuzione è disciplinato dalle norme sul contenuto e sulle modalità di conservazione dei registri dei beni mobili e immobili venduti nell'ambito di procedimenti di esecuzione (NN. nn. 115/12 e 156/14).

5. Informazioni relative alle banche dati che permettono ai creditori di individuare i beni e i crediti di un debitore

A norma dell'articolo 18 della legge sull'esecuzione forzata, le autorità statali sono tenute a fornire informazioni sul debitore su richiesta di una persona che intenda avviare un procedimento di esecuzione o di garanzia entro otto giorni dalla data di presentazione della domanda.

  • Il ministero dell'Interno è tenuto a fornire informazioni sull'iscrizione dell'interessato nel registro dei veicoli immatricolati e registrati quale proprietario del veicolo e sulla natura, la marca, il tipo, il modello, l'anno di produzione e il numero di immatricolazione del veicolo, nonché gli eventuali gravami sullo stesso.
  • L'impresa che si occupa delle autorizzazioni e del deposito centrale o altri soggetti autorizzati a conservare i conti dei titoli nominativi o dematerializzati, azioni, obbligazioni, buoni del Tesoro, effetti della banca centrale, commercial paper, certificati di deposito e altre garanzie emesse in serie devono fornire informazioni sugli eventuali titoli iscritti nei conti di una persona registrata nei rispettivi registri.
  • La capitaneria marittima è tenuta a fornire dati sull'iscrizione di una persona nei registri conservati quale proprietario di una nave, uno yatch, una struttura galleggiante, una struttura fissa al largo oppure di un'imbarcazione o di una struttura in costruzione.
  • L'autorità responsabile dei registri catastali è tenuta a fornire una stampa di tutte le schede sui beni posseduti da una persona fisica o giuridica.
  • Il datore di lavoro o l'ente che eroga il reddito fisso in contanti è tenuto a fornire dati sulle modalità di pagamento delle retribuzioni o di altri redditi fissi in contanti a un soggetto nei cui confronti il creditore intende avviare il procedimento.
  • Le altre autorità o soggetti che conservano registri pertinenti o un registro dei diritti costitutivi della proprietà devono fornire dati sull'eventuale iscrizione nei rispettivi registri di una persona quale titolare di un particolare diritto.

Su richiesta del giudice, la persona che l'avente diritto dichiara essere debitore del debitore oggetto del procedimento di esecuzione o essere in possesso di beni dello stesso avente diritto, è tenuta a rilasciare entro otto giorni una dichiarazione in cui indichi se il debitore oggetto del procedimento di esecuzione vanta un credito nei suoi confronti e segnali l'eventuale suo possesso di beni di proprietà del debitore oggetto del procedimento.

Le autorità e le persone summenzionate non sono tenute ad agire su richiesta della persona che chiede i dati prima di avere ricevuto il pagamento dei costi per lo svolgimento di tali attività.

Il soggetto che presenta una richiesta di dati deve indicare nella domanda il credito per il quale intende avviare un procedimento di esecuzione o di garanzia nonché allegare un documento che fungerà da base per l'istanza.

Per trasmettere la suddetta richiesta di dati non è necessario ricorrere a un legale e i costi dipendono dall'autorità statale cui è inviata la richiesta.

6. Informazioni sulle aste giudiziarie online

La procedura di vendita di beni mobili e immobili mediante asta giudiziaria online è regolamentata dalle disposizioni della legge sull'esecuzione forzata, nonché dei regolamenti di attuazione, nello specifico:

  • le disposizioni sulle modalità e la procedura di vendita di beni mobili e immobili nell'ambito di un procedimento di esecuzione (NN n. 156/14, qui di seguito le "norme relative alle vendita");
  • le norme sulle tipologie e sull'ammontare delle tariffe per lo svolgimento della vendita di beni mobili e immobili nell'ambito di un procedimento di esecuzione (NN n. 156/14);
  • le norme sul contenuto e le modalità di conservazione di un registro dei beni mobili e immobili venduti nell'ambito di un procedimento di esecuzione (NN nn. 115/12 e 156/14).

Un'asta giudiziaria online inizia con un invito a parteciparvi.

Nell'invito a partecipare a un'asta giudiziaria online devono essere precisate la modalità e le condizioni di vendita, la data e l'ora di inizio e di fine dell'asta giudiziaria online, l'ora in cui le persone interessate all'immobile possono visionare il bene in questione, nonché altre informazioni necessarie.

Nel caso in cui la parte in questione invii una domanda scritta e ne anticipi i relativi costi, la FINA provvederà a pubblicare sui mezzi di comunicazione pubblici un invito a partecipare a un'asta giudiziaria online.

Tra l'annuncio dell'invito a partecipare a un'asta online sul sito Internet della FINA e l'inizio della fase di presentazione delle offerte devono trascorrere almeno 60 giorni.

Solo chi ha versato un deposito cauzionale può partecipare come acquirente all'asta giudiziaria online (articolo 99, comma 1, della legge sull'esecuzione forzata).

Il prerequisito per accedere al sistema di aste giudiziarie online è disporre di un certificato digitale valido, che confermi l'identità dell'offerente, e di un certificato che autorizzi a utilizzare la firma elettronica avanzata sull'offerta dell'interessato (articolo 14, comma 2, delle norme relative alla vendita).

Al primo accesso a una specifica asta giudiziaria online, l'offerente è tenuto a compilare un modulo di registrazione per la partecipazione all'asta giudiziaria online.

L'offerente firma il modulo con la firma elettronica avanzata.

In seguito alla compilazione del modulo elettronico di cui all'articolo 15 delle norme relative alla vendita, il sistema di aste giudiziarie online assegna all'offerente un identificante unico per una specifica asta giudiziaria online.

I moduli sono parte integrante delle norme relative alla vendita.

La raccolta delle offerte nell'ambito di un'asta giudiziaria online dura dieci giorni lavorativi ed è effettuata 24 ore su 24 nei giorni feriali e festivi.

Il prezzo base di un bene in vendita, a partire dal quale vengono proposte le offerte, è fissato dal giudice. Alla chiusura dell'asta giudiziaria online, la FINA trasmette al giudice una relazione contenente le informazioni di cui all'articolo 25 delle norme relative alla vendita.

Il procedimento di asta giudiziaria online si svolge dinanzi alla FINA e i pagamenti sono effettuati mediante bonifico bancario. L'offerente non deve essere necessariamente presente all'asta di persona, ma può partecipare a distanza.

Il giudice emetterà una decisione scritta (decisione di aggiudicazione) da affiggere nella bacheca del tribunale e pubblicare sul sito Internet della FINA.

Nel caso delle vendite di beni mobili, su proposta dell'avente diritto, la vendita del bene mobile può essere effettuata anche mediante asta giudiziaria online, cui si applicheranno mutatis mutandis le disposizioni della legge sull'esecuzione forzata relative alle aste giudiziarie online di beni mobili (articolo 149, comma 7, della legge sull'esecuzione forzata).

Ultimo aggiornamento: 18/10/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Italia

1. Pubblicità e fissazione del prezzo di vendita dei beni pignorati

Le vendite all’asta vengono pubblicizzate mediante inserimento dell’annuncio

I predetti mezzi di diffusione sono obbligatori.

Il giudice può stabilire di far eseguire la pubblicità anche su uno o più quotidiani.

Il prezzo è determinato dal giudice, che però si fa sempre assistere da un esperto del settore immobiliare.

2. Terzi autorizzati alla vendita

Il giudice generalmente delega le operazioni di vendita a professionisti e cioè: avvocati, commercialisti e notai.

E’ istituito un elenco dei professionisti presso ogni Tribunale.

3. Tipi di asta a cui si applicano parzialmente le norme in materia di esecuzione

Nel caso delle vendite nelle procedure concorsuali (fallimento e concordato preventivo) il giudice può decidere se procedere alla vendita applicando le norme del codice di procedura civile o meno.

Nel primo caso, si applicano tutte le disposizioni previste dal codice di procedura civile.

4. Informazioni sui registri nazionali dei beni

Beni immobili: esiste il Registro Immobiliare, che contiene tutti i dati relativi non solo agli acquisti e alle vendite, ma anche alla costituzione, modificazione o estinzione di diritti reali di godimento (usufrutto, ecc.) o di diritti reali di garanzia (ipoteca).

Beni mobili: esiste il Pubblico Registro Automobilistico, che contiene tutti i dati relativi a veicoli e beni mobili registrati.

Registro di marchi e brevetti: si tratta di beni immateriali; il registro è tenuto dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM).

Registro delle navi e aeromobili: è previsto dal codice della navigazione.

Registro delle imprese: partecipazioni in società per azioni o società a responsabilità limitata o quote in società di persone.

5. Informazioni relative alle banche dati che possono essere utilizzate da parte del creditore per identificare i beni materiali o i crediti del debitore

Le banche dati che un creditore può utilizzare per acquisire informazioni su beni e crediti del debitore, da sottoporre a pignoramento, sono le seguenti:

a) archivio dei rapporti finanziari, da cui possono essere ricavate informazioni relative a:

  • conto corrente
  • conto deposito titoli e/o obbligazioni
  • conto deposito a risparmio libero/vincolato
  • rapporto con società fiduciarie
  • tutti gli strumenti di gestione collettiva del risparmio e cioè: quote di fondi di investimento e SICAV (società di investimento a capitale variabile, che ha per oggetto l’investimento collettivo di patrimonio mediante l’offerta al pubblico di proprie azioni) e che si differenzia dal fondo comune perché l’investitore diventa socio della SICAV
  • gestione patrimoniale individualizzata a favore del singolo risparmiatore
  • certificati di deposito e buoni infruttiferi
  • portafoglio (cioè, i rapporti di sconto, salvo buon fine, conto anticipo ricevute)
  • cassette di sicurezza
  • contratti di deposito
  • contratti derivati (ad esempio: swap, option, futures, contratti a termine)
  • carte di credito/debito, con l’indicazione del plafond di spesa
  • garanzie reali e personali, attive e passive, cioè sia quelle prestate dal soggetto ai suoi clienti, che quelle ricevute dai clienti
  • crediti: ogni tipo di credito che il soggetto ha con la banca o con l’intermediario: fidi in bianco, fidi garantiti, a scadenza, a revoca, compresi quelli contestati dalla banca
  • finanziamenti: mutui ipotecari, finanziamenti chirografari, crediti al consumo, prestiti personali, prestiti obbligazioni e finanziamenti soci
  • fondi pensione
  • partecipazioni societarie

b) anagrafe tributaria, da cui possono essere ricavate informazioni relative a:

  • elenco clienti e fornitori
  • atti contrattuali sottoposti a imposta di registro

c) banca dati denominata NOIPA da cui possono essere ricavate informazioni relative a:

  • credito per stipendio
  • cessioni di quinto

d) banca dati delle pensioni di guerra, da cui possono ricavarsi informazioni relative a pensioni percepite non solo da chi ha partecipato ala Seconda Guerra Mondiale, ma anche dai militari che hanno partecipato a missioni internazionali

e) Banca dati UNILAV, da cui possono ricavarsi informazioni relative alle retribuzioni percepite da datori di lavoro.

6. Informazioni sulle aste giudiziarie online

L’asta si fa on line sia per i beni mobili che per gli immobili.

Non vi è un’unica piattaforma governativa, ma più piattaforme predisposte da vari operatori nazionali

Ultimo aggiornamento: 03/06/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Cipro

1. Pubblicità e determinazione del prezzo nell'ambito della vendita dei beni pignorati

Il prezzo dei beni pignorati è determinato sulla base dei prezzi correnti sul mercato cipriota. Nel caso di beni immobili pignorati, l'aggiudicatore, dopo aver effettuato una stima del valore del bene, determina un prezzo di riserva al di sotto del quale il bene non può essere venduto.

I beni mobili sono pignorati sulla base di un mandato di pignoramento mobiliare a favore del creditore, eseguito dagli ufficiali giudiziari che determinano essi stessi il prezzo minimo di vendita sulla base dei prezzi di mercato e procedono in seguito alla vendita di tali beni mobili. Se il prezzo minimo non può essere raggiunto, gli ufficiali giudiziari possono procedere nuovamente alla vendita all'asta.

Le notifiche di vendita all'asta sono pubblicate sui giornali. Quando la vendita all'asta riguarda un bene immobile, vengono affissi avvisi all'albo pretorio del Comune o presso la parrocchia nell'ambito della quale si trova l'immobile e inoltre pubblicati sul sito Internet del ministero dell'interno.

2. Terzi autorizzati alla vendita

Le operazioni di vendita di beni nell'ambito delle vendite all'asta possono essere realizzate da banditori privati qualificati. Il banditore è una persona abilitata, nominata dal Dipartimento del catasto e dal ministro dell'interno della Repubblica di Cipro avente competenze necessarie per procedere alle vendite all'incanto dei beni immobili nell'ambito delle aste pubbliche.

Per quanto riguarda i beni mobili, tutte le vendite poste in essere nell'ambito dell'esecuzione di una sentenza hanno luogo durante le vendite all'asta effettuate dagli ufficiali giudiziari; questi ultimi sono funzionari del servizio giudiziario dello Stato ed hanno poteri relativi alla vendita dei beni pignorati nell'ambito dell'esecuzione di un mandato di pignoramento mobiliare a vantaggio dei creditori.

3. Tipi di asta a cui si applicano parzialmente le norme in materia di esecuzione

In taluni casi la vendita all'asta di beni immobili effettuata dagli stessi creditori, siano essi società (per esempio: banche) o persone fisiche nel momento in cui essi hanno preso possesso dei beni immobili del debitore in esecuzione della relativa decisione del giudice. In questo caso le regole applicabili differiscono da quelle relative alle vendite all'asta definite dalla legislazione vigente.

4. Informazioni relative ai registri nazionali dei beni patrimoniali

I seguenti registri di beni patrimoniali sono tenuti a Cipro:

  1. il servizio del catasto tiene un registro in cui sono registrati i titoli di proprietà dei beni immobili dei cittadini;
  2. il servizio dei veicoli tiene un registro di tutti i veicoli registrati sul territorio della Repubblica di Cipro;
  3. il servizio della marina mercantile di Cipro tiene il registro cipriota delle navi nel quale sono iscritti tutte le navi e/o battelli;
  4. il servizio della società della direzione della registrazione delle società e dei crediti ("Department of Registrar of Companies and Official Receiver") tiene un registro delle imprese, delle cooperative e delle denominazioni commerciali registrate a Cipro;
  5. il servizio dell'aviazione civile tiene il registro cipriota degli aeromobili ed è responsabile dell'iscrizione, del trasferimento delle radiazione di aeromobili;
  6. la sezione "proprietà intellettuale e industriale" del servizio della società tiene un registro dei marchi.

5. Informazioni relative alle banche dati che possono essere utilizzate da parte del creditore per identificare i beni o i crediti del debitore

Il registro dei fallimenti delle società in liquidazione è facilmente accessibile dal sito Internet della direzione della registrazione delle società e dei crediti ("Department of Registrar of Companies and Official Receiver") di Cipro, e permette al creditore di informarsi sulla capacità finanziarie del debitore. Tuttavia non esiste nessuna banca dati elettronica cui il creditore potrebbe avere accesso al fine di ottenere direttamente le informazioni sui beni del debitore. Il creditore riconosciuto come tale da una decisione può, personalmente o tramite il suo avvocato, effettuare ricerche nel catasto, munito della copia conforme della decisione o del mandato dell'ufficiale giudiziario, al fine di ottenere informazioni relative ai beni immobili iscritti a nome del debitore.

6. Informazioni relative alle aste giudiziarie in linea

A Cipro non sono praticate vendite giudiziarie in linea.

Ultimo aggiornamento: 23/07/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Malta

1. Pubblicità e determinazione del prezzo nella vendita dei beni sequestrati

In materia di esecuzione forzata di beni pignorati, la procedura non termina necessariamente con la vendita dei beni. Alla vendita può sostituirsi un accordo tra creditore e il debitore. Nel caso in cui esistano più creditori, al fine di evitare la vendita, occorre concludere un accordo con tutti i creditori, in mancanza di tale accordo il giudice ordinerà la vendita del bene.

Il perito che procede alla stima del valore (nel caso di un bene immobile) fisserà l'importo della vendita all'asta dei beni pignorati. Qualora si tratti di beni immobili, il valore dipende dall'offerta più elevata durante la procedura di vendita, poiché la base d'asta è pari a zero. Qualora sia richiesta una stima di beni mobili, le offerte dell'asta non inizieranno da zero, ma da un importo pari al 60% della loro stima.

Per quanto riguarda la pubblicità dei beni pignorati, essa viene realizzata mediante pubblicazione sul sito Internet del governo che riporta le informazioni sui servizi giudiziari e sul sito Internet del banditore d'asta, nonché mediante pubblicazione su quotidiani (l'avviso d'asta generalmente è pubblicato una volta al mese in due quotidiani) e affissione dell'avviso d'asta negli uffici della giurisdizione in cui avverrà la vendita.

Le caratteristiche del bene pignorato messo in vendita, nonché tutta la documentazione ad esso relativa devono essere disponibile sul sito Internet del governo che contiene le informazioni sui servizi giudiziari nonché sul sito Internet del banditore d'asta. Chiunque interessato può chiedere l'accesso a queste informazioni.

Ogni persona che desideri vedere un bene pignorato che è stato messo all'asta può rivolgersi agli uffici giudiziari per fare domanda, se si tratta di un bene immobile. Prima di ogni vendita all'asta di un bene immobile viene redatta da un perito giudiziario una relazione sullo stato dello stesso, che sarà poi pubblicata. Gli interessati possono esaminare i beni mobili entro due ore dall'inizio della vendita all'incanto.

Il giorno dell'asta le offerte orali sono manifestate al banditore nominato dal giudice per condurre a buon fine la vendita del bene.

L'offerente aggiudicatario deve pagare il prezzo complessivo del bene e non limitarsi a una semplice cauzione. L'importo complessivo corrispondente al prezzo del bene immobile deve essere depositato presso gli uffici giudiziari entro sette giorni dalla vendita, mentre l'importo corrispondente al prezzo complessivo di un bene immobile deve essere depositato entro 24 ore dalla vendita. Non è possibile effettuare il pagamento per via elettronica: esso deve essere effettuato negli uffici della cancelleria.

2. Terzi autorizzati alla vendita

La vendita avviene sotto il controllo del giudice ed è condotta da un banditore da egli nominato. I terzi non sono autorizzati a effettuare le operazioni di vendita.

3. Tipi di asta a cui si applicano parzialmente le norme in materia di esecuzione

Non esiste alcun tipo di asta a cui si applicano parzialmente le norme in materia di esecuzione

4. Informazioni relative ai registri nazionali dei beni patrimoniali

Attualmente sono disponibili i registi nazionale dei beni seguenti:

Beni immobili– il registro pubblico e il registro immobiliare

Beni mobili– per i veicoli, le navi e gli aeromobili – l'Autorità dei trasporti di Malta

Azioni e parti sociali– l'Autorità dei servizi finanziari di Malta e la Borsa di Malta

Altri strumenti finanziari – la Borsa di Malta

Marchi, disegni e modelli – ministero del Commercio

Questi registri sono tenuti in forma elettronica dalle autorità pubbliche competenti. Taluni di essi sono accessibili al pubblico in via elettronica. Per quanto riguarda il registro pubblico e dell'Autorità dei servizi finanziari di Malta, è possibile accedere a pagamento. I registi dell'Autorità dei trasporti di Malta non sono accessibili al pubblico. Per accedere all'Autorità dei servizi finanziari di Malta, il relativo pagamento può essere effettuato in linea. Per il registro pubblico il pagamento deve essere effettuato presso gli uffici del pubblico registro.

5. Informazioni relative alle banche dati che possono essere utilizzate da parte del creditore per identificare i beni o i crediti del debitore

Il creditore ha accesso alle banche dati che informano sui beni immobili e sulle società. Per quanto riguarda le società, l'Autorità dei servizi finanziari di Malta offre un accesso diretto in linea. In materia di beni immobili, il creditore può accedere alle informazioni mediante il registro pubblico e il registro fondiario. Per l'accesso diretto alla banca dati dell'Autorità dei servizi finanziari di Malta o per l'accesso al registro pubblico e al registro fondiario non è richiesta nessun'altra informazione.

6. Informazioni relative alle aste giudiziarie in linea

Non è possibile fare offerte in linea per le aste giudiziarie.

Ultimo aggiornamento: 20/10/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Polonia

1. Pubblicità e fissazione dei prezzi dei beni pignorati

Le stime immobiliari sono effettuate da un esperto designato da un ufficiale giudiziario e abilitato (in base a disposizioni di legge a parte) ad effettuare questo tipo di stime. Qualora nei sei mesi precedenti al pignoramento il bene immobiliare sia stato oggetto di una stima per la sua messa in vendita e tale stima rispetti i requisiti della stima immobiliare ai fini di un pignoramento, non si procede a una ulteriore stima. Peraltro, nel caso in cui siano intervenute modifiche rilevanti nello stato del bene immobiliare tra il momento in cui quest'ultimo è stato sottoposto a perizia e stimato e la data della vendita, il creditore o il debitore possono chiedere che si proceda a una ulteriore perizia e/o a una ulteriore stima.

I beni immobiliari pignorati sono messi in vendita con aste pubbliche. La vendita non può realizzarsi a meno di due settimane dalla data in cui la perizia e le stima sono divenute definitive e né prima che sia divenuta definitiva la sentenza in base alla quale è stato effettuato il pignoramento.

L'ufficiale giudiziario annuncia la data e l'oggetto della vendita con un avviso pubblico notificato alle parti del procedimento, alle autorità comunali, al centro delle imposte del luogo in cui si trova il bene immobiliare e agli organi della sicurezza sociale.

Tale avviso inoltre, almeno due settimane prima della data della vendita, dev'essere reso pubblico con affissione nei locali del tribunale e presso il comune e la pubblicazione nella gazzetta degli avvisi di legge del comune e sul sito internet del Consiglio nazionale degli ufficiali giudiziari. Inoltre, su richiesta e a spese di una delle parti, l'ufficiale giudiziario può anche procedere a pubblicizzare la vendita in altro modo, su istruzioni della parte.

2. Terzi autorizzati a condurre l'operazione di vendita

La vendita si svolge pubblicamente e viene condotta da un ufficiale giudiziario, in presenza e con il controllo di un giudice o di un cancelliere. Il pignoramento di un bene immobiliare spetta a un ufficiale giudiziario in servizio nel tribunale competente per il circondario in cui si trova il bene.

3. Tipi di vendite giudiziarie alle quali le norme potrebbero applicarsi solo in parte

  • Esecuzione forzata rispetto a una frazione di un bene immobiliare.
  • Esecuzione forzata di un diritto di usufrutto perpetuo.
  • Esecuzione forzata di un bene immobile in cui non si è costruito o di un bene immobile in cui si trova un edificio adibito ad abitazione o per uso professionale, allorché al. momento del deposito della domanda di apertura del procedimento di pignoramento, la dichiarazione di compimento dei lavori non era stata consegnata o l'autorizzazione all'utilizzazione non era stata richiesta, come previsto dalla normativa in materia edilizia.
  • Esecuzione forzata di una nave o imbarcazione iscritta nel registro navale.
  • Vendita giudiziaria di un'impresa o di un'azienda agricola.
  • Esecuzione tramite aggiudicazione volontaria per sciogliere la comunione dei beni.

4. Informazioni sui registri nazionali dei beni

Alcuni registri fondiari sono tenuti dai tribunali circondariali per render noto lo status dal punto di vista giuridico dei beni immobili. Essi vengono istituiti e gestiti con i mezzi informatici. Essi sono accessibili al. pubblico e sono costituiti da quattro sezioni:

1) la prima sezione contiene i dati per l'identificazione dei beni immobiliari e con la menzione dei diritti legati ai rispettivi proprietari o titolari di tali diritti;

2) la seconda sezione contiene le informazioni relative alla proprietà e all'usufrutto perpetuo;

3) la terza sezione è dedicata alle informazioni relative ai diritti reali limitati (eccetto le ipoteche), alle restrizioni al diritto di disporre del bene immobiliare o dell'usufrutto perpetuo e alla menzione di altri diritti e crediti (fatta eccezione per i crediti ipotecari);

4) la quarta sezione è dedicata alle iscrizioni di ipoteche.

Oltre ai registri fondiari esiste un secondo registro dei beni immobiliari, il catasto, disciplinato dalla legge del 17 maggio 1989 sulla geodesia e la cartografia (versione consolidata: Gazzetta ufficiale (Dziennik Ustaw) del 2010, n. 193, atto 1287 e relative modifiche). La tenuta del catasto spetta ai presidenti dei distretti.

5. Informazioni relative alle banche dati che permettono ai creditori di identificare i beni e i crediti di un debitore

Le banche dati descritte al. punto 5 (i registri fondiari e il catasto) sono accessibili ai creditori e permettono loro di identificare i beni di un debitore. Inoltre, i registri fondiari permettono di identificare i crediti di un debitore gravati da ipoteca.

6. Informazioni relative alle vendite giudiziarie online

Le vendite giudiziarie non si svolgono online. L'avviso di vendita all'asta viene soltanto pubblicato sul sito internet del Consiglio nazionale degli ufficiali giudiziari (obbligo di legge) e, di solito, sui siti internet degli ufficiali giudiziari che conducono le vendite.

Ultimo aggiornamento: 23/10/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Portogallo

1. Annuncio di vendita e prezzi dei beni pignorati

Attualmente la vendita dei beni si effettua preferibilmente per mezzo della piattaforma Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.e-leiloes.pt/, nei termini previsti all’articolo 837 del codice di procedura civile (CPC) e agli articoli 20 e segg. del decreto n. 282/2013 del 29 agosto 2013.

Le regole di funzionamento della piattaforma Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.e-leiloes.pt/, sono state approvate con l’ordinanza del Ministro della giustizia n. 12624/2015, pubblicata nel Diário da República, 2.ª série, n.º 219, del 9 novembre 2015.

Gli annunci di vendita sono regolamentati dalle disposizioni di cui all’articolo 6 dell’ordinanza n. 12624/2015:

Articolo 6.º

Pubblicità dell’asta giudiziaria

  1. Le aste giudiziarie sono pubblicate sulla piattaforma e tali informazioni possono essere anche divulgate, in tutto o in parte, su decisione della camera degli avvocati, su altri siti internet, su stampa e via email, fatta salva la possibilità per il funzionario incaricato dell’esecuzione di divulgare informazioni con gli altri mezzi che ritiene adeguati.
  2. La pubblicazione sul portale www.e-leiloes.pt deve includere almeno quanto segue:
    1. il numero del procedimento giudiziario, il tribunale e l’ente organizzatore;
    2. la data d’inizio della vendita all’asta;
    3. la data e l’ora della fine della vendita all’asta;
    4. il valore di base del bene (o di tutti i beni) messi all’asta;
    5. il valore dell’ultima offerta;
    6. se si tratta di un bene mobile, una fotografia del bene o dell’insieme dei beni che fanno parte del lotto messo all’asta;
    7. l’identificazione sommaria del bene;
    8. la natura del bene;
    9. se si tratta di un bene immobile, il luogo in cui si trova e la composizione del bene, il numero d’iscrizione nel registro di conservatoria e la descrizione della proprietà, il distretto, il comune, le coordinate della circoscrizione, una fotografia del bene all’esterno e quando possibile anche una foto degli interni, nel caso di un edificio urbano o comunque di un qualsiasi edificio;
    10. l’identificazione del custode incaricato o l’identificazione del luogo di stoccaggio;
    11. il luogo e l’ora in cui i beni possono essere visitati e le coordinate del custode incaricato;
    12. l’identità del funzionario incaricato dell’esecuzione, compreso il nome, i dati per l’identificazione professionale, i numeri di telefono fisso e portatile, il numero di fax, l’email e l’orario di lavoro;
    13. tutti gli elementi che a termini di legge devono essere segnalati alle eventuali parti interessate, come ad esempio l’esistenza di una opposizione all’esecuzione o al sequestro, un ricorso pendente, l’esistenza di oneri che non si estingueranno al momento della vendita, e altri eventuali titolari di diritti o privilegi che siano menzionati nel relativo fascicolo;
    14. il nome dell’esecutato o degli esecutati a cui appartengono i beni messi all’asta.

Prezzi /valori dei beni pignorati

Valore di base: si tratta del valore del bene o dell’insieme dei beni che compongono un lotto, come stabilito nell’ambito del fascicolo al quale si riferisce la vendita  in particolare al momento dell’esecuzione disciplinata in base alle disposizioni del CPC oppure, in occasione di una procedura concorsuale disciplinata dal Código da Insolvência e da Recuperação de Empresas (codice delle procedure concorsuali e del risanamento delle imprese).

Valore minimo: il "valore mínimo" è il valore a partire del quale il bene può essere venduto e che corrisponde, ai sensi dell’articolo 816, secondo comma del CPC, all’85% del valore di base. In alcuni casi, il valore minimo può essere pari al valore di base.

2. Terzi abilitati a condurre l’operazione di vendita

Le norme di funzionamento della piattaforma Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.e-leiloes.pt/ sono state approvate con l’ordinanza del Ministero della giustizia n. 12624/2015, pubblicato nel Diário da República, 2.ª série, N.º 219, del 9 novembre 2015, con il quale è stato stabilito che la piattaforma sarebbe stata sviluppata e gestita per tale data dalla camera degli avvocati, già ordine degli avvocati e dei funzionari incaricati dell’esecuzione.

Nei procedimenti di esecuzione in materia civile, trattati dai funzionari incaricati dell’esecuzione, questi ultimi possono occuparsi soltanto delle formalità relative alla vendita.

3. Tipi di vendite giudiziarie alle quali le norme possono non essere pienamente applicabili

Ad esempio, i beni che devono essere venduti sui mercati regolamentati o che devono essere oggetto di una vendita diretta.

Articolo 837 del CPC - Vendita alle aste online

  1. Tranne che nei casi di cui agli articoli 830 e 831, la vendita di beni immobiliari pignorati si effettua preferibilmente con le aste online, alle condizioni che saranno stabilite da un decreto del membro del governo incaricato del dicastero della giustizia.

Articolo 830 del CPC - Beni venduti nei mercati regolamentati

Vengono venduti nei mercati regolamentati gli strumenti finanziari e le merci, secondo le relative quotazioni.

Articolo 831 del CPC - Vendita diretta

Se in base alla legge, i beni devono essere rimessi a un ente particolare o sono stati promessi per la vendita, con effetti reali, a chi vuole esercitare il diritto d’esecuzione specifico, la vendita viene effettuata a lui direttamente.

Occorre osservare che, sebbene le aste online siano la maniera privilegiata di effettuare la vendita giudiziaria in Portogallo, il CPC prevede anche altri metodi di vendita sussidiari:

  1. vendita mediante proposte in busta chiusa;
  2. vendita su mercati regolamentati;
  3. vendita diretta a persone o enti che hanno il diritto di acquistare i beni;
  4. vendita con trattativa privata;
  5. vendita nelle sale di vendita all’asta;
  6. vendita in un deposito pubblico o locale equiparato;
  7. vendita tramite aste online.

4. Informazioni dei registri nazionali di beni

Tra gli organi di regolamentazione e di registrazione si possono annoverare i seguenti:

  • l’Instituto dos Registos e do Notariado, I.P. (Istituto dei registri e del notariato - IRN):: si tratta di un istituto pubblico incaricato di attuare e di seguire le politiche relative ai servizi di registrazione, al fine di assicurare la prestazione di servizi ai cittadini e alle imprese nei settori dell’identità e dei registri dello stato civile, della nazionalità, del catasto, del commercio,, dei beni mobili e delle persone giuridiche e per assicurare la regolamentazione, il controllo e la vigilanza sull’attività notarile – Ad es.: beni immobiliari, veicoli, imbarcazioni , aerei ecc.
  • La Comissão do Mercado de Valores Mobiliários (Commissione del mercato dei valori mobiliari - CMVM): che è incaricata di assicurare, di monitorare e di regolare i mercati di strumenti finanziari e i funzionari che operano su tali mercati, promuovendo la tutela degli investitori. Ad es. azioni e strumenti finanziari.
  • L’Instituto Nacional de Propriedade Industrial (Istituto nazionale della proprietà industriale - INPI): in questo caso le attività si concentrano sulla concessione e la tutela dei diritti di proprietà industriale, su scala interna ed esterna, in collaborazione com le organizzazioni internazionali di cui il Portogallo è membro. – Ad es.: marchi e brevetti.

5. Informazioni sulle banche dati nelle quali il creditore può identificare i beni e i crediti del debitore

Anzitutto occorre osservare che le banche dati vengono consultate dal funzionario incaricato dell’esecuzione, in modo riservato e non direttamente dal creditore.

Il decreto n. 331-A/2009, del 30 marzo 2009, modificato dal decreto n. 350/2013, del 3 dicembre dal decreto n. 288/2015, del 17 settembre 2015, regola l’accesso alle banche dati pubbliche.

Il decreto n. 282/2013 del 29 agosto 2013 disciplina inoltre l’accesso alle banche dati della Banca del Portogallo.

Le banche dati per le quali il funzionario incaricato dell’esecuzione dispone attualmente di un accesso elettronico e diretto sono, tra le altre, le seguenti:

  1. Amministrazione fiscale e doganale.
  2. Sicurezza sociale.
  3. Caixa Geral de Aposentações (fondi pensione).
  4. Registro fondiario.
  5. Registro delle imprese.
  6. Registro nazionale delle persone giuridiche.
  7. Registro automobilistico.
  8. Banca del Portogallo.
  9. Instituto de Gestão de Crédito Público (Istituto di gestione del credito pubblico).
  10. Sistema CITIUS.

6. Informazioni sulle vendite giudiziarie online

Le norme del funzionamento della piattaforma Il link si apre in una nuova finestrahttps://www.e-leiloes.pt/ sono state approvate con ordinanza del ministero della giustizia n. 12624/2015, pubblicata nel Diário da República, 2.ª série, n. 219 del 9 novembre 2015.

Tali informazioni possono essere verificate consultando:

Il link si apre in una nuova finestrale regole del funzionamento della piattaforma delle aste online

Il link si apre in una nuova finestrale risposte ai quesiti posti frequentemente

Ultimo aggiornamento: 12/08/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Romania

1. Pubblicità e fissazione del prezzo di vendita dei beni pignorati

La procedura di esecuzione forzata è disciplinata dal codice di procedura civile rumeno, che prevede regole generali relative all'esecuzione forzata delle obbligazioni a titolo esecutivo. Oltre alle regole di procedura civile che disciplinano l'aspetto dell'esecuzione forzata, esistono due altre categorie distinte di norme applicabili alle situazioni specifiche in cui si trovano i debitori: l'esecuzione dei crediti fiscali e l'esecuzione dei crediti derivanti da infrazione.

La categoria generale dei crediti derivanti da titoli esecutivi, diversi da quelli di natura fiscale o derivanti da infrazione trova esecuzione sul territorio rumeno da parte degli ufficiali giudiziari quali autorità competenti all'esecuzione forzata dei titoli esecutivi, in virtù di un'ordinanza del ministero della giustizia.

Una volta approvata l'esecuzione forzata, per quanto riguarda la categoria dei debiti sottoposti all'esecuzione forzata come indicato precedentemente, i beni del debitore saranno posti in vendita conformemente alle norme di procedura civile, in funzione della loro categoria di appartenenza, vale a dire vendita all'asta pubblica dei beni mobili e/o dei beni immobili.

La stima dei beni mobili pignorati può essere effettuata dall'ufficiale giudiziario (sulla base del loro valore commerciale, confrontato con il prezzo medio del mercato nella località interessata) o, se la valutazione è impossibile o se richiesto dalle parti, da parte di un esperto nominato dietro pagamento.

Il valore del bene immobile oggetto di esecuzione forzata è determinato dall'ufficiale giudiziario secondo regole analoghe (valore commerciale, prezzo medio di mercato, eccetera) o, se richiesto dalle parti o nel caso di impossibilità della valutazione da parte di un esperto nominato.

Per quanto riguarda la pubblicità delle vendite dei beni mobili, l'annuncio la pubblicazione di vendita sono effettuati da parte dell'ufficiale giudiziario che pone gli avvisi nel luogo in cui avverrà la vendita all'asta, nel proprio ufficio, presso la casa comunale territorialmente competente per la vendita del bene, presso l'edificio giudiziario dove è stato emesso il decreto ingiuntivo e in altri luoghi pubblici. Il codice rumeno di procedura civile prevede anche l'obbligo di pubblicità sui giornali locali, nazionali o sui siti Internet destinati alla vendita di questi beni.

Oltre alle modalità di pubblicità precedentemente summenzionate, per quanto concerne la pubblicità della vendita di beni immobili la procedura differisce leggermente nel senso che, da un lato il valore del bene determina il tipo di pubblicità (giornale a diffusione nazionale se il valore dell'immobile è superiore a 250 000 RON) e d'altro lato, esiste l'obbligo di pubblicare un annuncio relativo alla vendita dei beni sottoposti all'esecuzione forzata nel registro elettronico di pubblicità.

Le caratteristiche dei beni sottoposti all'esecuzione forzata figurano nell'annuncio/nella pubblicazione di vendita.

La procedura di visione dei beni non è regolamentata.

Le garanzie prestate al momento delle offerte sono disciplinate dalla legge; le offerte sono registrate con ordinanza dell'ufficiale giudiziario e devono essere pagate non oltre l'inizio dell'asta. Il pagamento della garanzia può essere effettuata elettronicamente e l'ufficiale giudiziario consegnerà prova del pagamento al momento dell'offerta.

Il bene è aggiudicato alla persona che offre prezzo più alto e, nell'ipotesi di un solo offerente, a quest'ultimo a condizione che abbia offerto il prezzo iniziale dell'asta.

2. Soggetti terzi che possono condurre le operazioni di vendita

La vendita di beni alle aste pubbliche compete esclusivamente all'ufficiale giudiziario nell'ambito della procedura di esecuzione forzata disciplinata dal codice di procedura civile rumeno. Per talune categorie di crediti, vale a dire i crediti fiscali o i crediti derivanti da infrazioni, la vendita viene effettuata dal funzionario del fisco (crediti fiscali) secondo le norme di procedure specifiche relativamente alla presentazione delle offerte e ai partecipanti o dall'autorità dello Stato competente alla riscossione degli attivi provenienti da infrazioni (Agenția Națională de Administrare a Bunurilor Indisponibilizate (agenzia nazionale per l'amministrazione dei beni costituenti oggetto di pignoramento) — A.N.A.B.I.). In quest'ultimo caso, l'A.N.A.B.I. Può anche autorizzare alla riscossione un ufficiale giudiziario tramite accordi di cooperazione.

3. Tipi di asta per i quali le norme non applicano completamente

Le norme comuni che si applicano alla vendita di beni alle aste pubbliche comportano talune eccezioni relative ai titoli esecutivi aventi ad oggetto contributi dovuti al bilancio generale consolidato, al bilancio dell'Unione europea o al bilancio della Comunità europea dell'energia atomica. Esistono anche eccezioni relativamente alla riscossione di attivi risultanti da infrazioni.

4. Informazioni sui registri nazionali dei beni

In Romania, non è stato ancora approntato alcun sistema informatico contenente informazioni sui beni (registri nazionali dei beni).

5. Informazioni ai creditori sulle banche dati per identificare i beni del debitore o diritti su di essi

I creditori possono avere accesso alle informazioni relative all'esistenza di attivi o di crediti di un debitore, esclusivamente nell'ambito di una procedura di esecuzione forzata approvata e unicamente mediante l'intermediazione di un ufficiale giudiziario.

In tal modo, viene limitato l'accesso dei creditori alle banche dati in cui essi possono verificare la situazione dei beni di un debitore. Ad esempio, dato che le misure di esecuzione relative ai beni immobiliari sono iscritte nel registro fondiario, mediante una semplice domanda e il pagamento di una tassa chiunque può ottenere informazioni sulla situazione di un bene. D'altro lato, questo tipo di informazioni non è utile per tutti i beni appartenenti al debitore, dal momento in cui le ricerche sono relative ai beni e non alle persone. I dati personali sono protetti da norme speciali, in modo che questo tipo di ricerche sia possibile come summenzionato soltanto mediante l'intermediazione di autorità, a volte sotto riserva di approvazione del giudice.

6. Informazioni sulle aste giudiziarie online

Il registro elettronico relativo alla pubblicità delle vendite dei beni sottoposti a esecuzione forzata funziona alla stregua di un sistema informatico grazie al quale tutti gli ufficiali giudiziari effettuano pubblicità a livello nazionale relativamente alla vendita dei beni immobili aventi valore superiore a 2 000 RON e dei beni immobili costituenti oggetto di una procedura di esecuzione forzata. Il registro elettronico di pubblicità delle vendite dei beni sottoposti all'esecuzione forzata è stato creato ai sensi delle disposizioni dell'articolo 35, paragrafo 2 della legge n. 188/2000 sugli ufficiali giudiziari ed è istituito dal 2012. L'ufficiale giudiziario è tenuto, ai sensi di legge, a realizzare la pubblicità nel registro elettronico di pubblicità della vendita dei beni sottoposti a esecuzione forzata e il mancato rispetto di quest'obbligo comporta una sanzione disciplinare conformemente all'articolo 47 della legge n. 188/2000 sugli ufficiali giudiziari.

La nuova piattaforma del Il link si apre in una nuova finestraregistro elettronico di pubblicità delle vendite dei beni sottoposti a esecuzione forzata è stata approvata con decisione del consiglio dell'Unione nazionale degli ufficiali giudiziari n. 67/05.12.2014.

Ultimo aggiornamento: 10/10/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

La versione originale in lingua sloveno di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

Aste giudiziarie - Slovenia

1. Pubblicità e fissazione dei prezzi per la vendita di beni pignorati

I beni mobili e immobili vengono venduti in aste pubbliche. In Slovenia non è possibile indire aste giudiziarie online, poiché le leggi slovene in materia di esecuzione non contemplano (ancora) lo svolgimento di aste online.

Beni mobili

I procedimenti di esecuzione aventi come oggetto beni mobili sono effettuati mediante il pignoramento e la stima del bene, la relativa vendita e il versamento dei relativi proventi al creditore (articolo 81, comma 1, della Zakon o izvršbi in zavarovanju (la legge slovena sui procedimenti esecutivi e cautelari, in prosieguo la «ZIZ»).

Sono pignorabili i beni in possesso del debitore, nonché i beni del debitore in possesso del creditore. I beni del debitore in possesso di terzi possono essere pignorati previo consenso di questi ultimi (articolo 83 della ZIZ).

In seguito al pignoramento, il creditore pone un vincolo sul bene pignorato (articolo 87 della ZIZ).

Stima dei beni pignorati effettuata dal perito. I beni pignorati sono valutati al momento del pignoramento, a meno che non sia possibile procedere immediatamente alla stima del valore specifico del bene. La stima è effettuata dall'ufficiale giudiziario che ha proceduto al pignoramento. Su richiesta e a spese di una delle parti, la stima può essere eseguita da un perito del tribunale scelto dalla parte (articolo 89 della ZIZ). La vendita di un bene pignorato può avere luogo solo una volta che la decisione di esecuzione è divenuta definitiva, ad eccezione dei casi in cui il debitore acconsente a vendere prima il bene, oppure se il bene è deperibile o sussiste un rischio che il valore del bene pignorato cali significativamente (articolo 92 della ZIZ).

Il bene pignorato è venduto a un'asta pubblica oppure con la stipula di un contratto diretto tra l'acquirente e un ufficiale giudiziario o un terzo che opera in qualità di commissionario. Le modalità e la data della vendita del bene sono decise e iscritte dall'ufficiale giudiziario nel registro dei pignoramenti subito dopo il pignoramento, tenendo conto del principio in base al quale il bene deve essere venduto al miglior prezzo possibile (articolo 93 della ZIZ). Laddove un ufficiale giudiziario decida di procedere a un'asta pubblica, sono aggiunte nel registro la data e il luogo dell'asta pubblica. L'ufficiale giudiziario informa le parti delle modalità e della data della vendita del bene mediante un avviso specifico notificato al creditore e al debitore (articolo 82 delle Pravilnik o opravljanju službe izvršitelj (norme sull'esecuzione dei servizi degli ufficiali giudiziari).

Pubblicazione dell'avviso di vendita. Qualora l'ufficiale giudiziario decida di procedere alla vendita del bene mediante asta pubblica, quest'ultima è annunciata sulla bacheca e sul sito Internet dell'autorità competente che ha emesso la decisione di pignoramento. L'ufficiale giudiziario deve chiedere che l'avviso d'asta pubblica sia pubblicato anche nel registro ufficiale, se esistente. Su proposta di un creditore o di un debitore, l'ufficiale giudiziario può pubblicizzare l'asta pubblica anche nei mezzi di comunicazione, previo pagamento dei costi da parte del soggetto che ha richiesto l'asta pubblica. L'avviso d'asta pubblica deve specificare il luogo, la data e l'ora dell'asta, presentare e descrivere il bene in vendita e indicare dove è possibile visionare il bene prima dell'asta stessa (articolo 89 delle norme sull'esecuzione dei servizi degli ufficiali giudiziari).

Possibilità di visionare i beni in vendita all'asta. L'ufficiale giudiziario deve avvalersi dell'avviso d'asta pubblica per specificare il luogo, la data e l'ora dell'asta, presentare e descrivere il bene in vendita e indicare dove è possibile visionarlo prima dell'asta (articolo 89 delle norme sull'esecuzione dei servizi degli ufficiali giudiziari).

Deposito cauzionale. Prima dell'inizio di un'asta pubblica, l'ufficiale giudiziario deve stabilire se la natura e il valore del bene è tale da richiedere un deposito cauzionale a carico dei partecipanti all'asta, il cui importo non può superare il 10% del prezzo base del bene.

Delegato alla vendita (soggetto o società) Le aste pubbliche sono condotte da un ufficiale giudiziario che, se del caso, può autorizzare a proprie spese un banditore, in funzione della quantità e della qualità del bene. L'asta è aperta al pubblico (articolo 92 delle norme sull'esecuzione dei servizi degli ufficiali giudiziari).

Prezzo base Nel corso della prima asta, il bene pignorato non può essere venduto a un importo inferiore al valore stimato. Se durante la prima asta il valore stimato non viene raggiunto, l'ufficiale giudiziario procede, su proposta di una delle parti, a una seconda asta nel cui ambito il bene può essere venduto a un importo inferiore al valore stimato, ma comunque non a meno di un terzo di tale valore (articolo 94 della ZIZ).

Aggiudicazione. Dopo almeno 15 minuti dall'inizio dell'asta, l'ufficiale giudiziario invita i partecipanti all'asta a presentare le loro offerte (presentazione delle offerte). L'asta continua sino a quando tutti i partecipanti interessati non avranno presentato la loro offerta. Se, dopo due inviti ai partecipanti a presentare un'offerta più elevata, non vengono avanzate offerte superiori, l'ufficiale giudiziario assegna il bene al miglior offerente. Qualora l'acquirente non versi il prezzo di acquisto entro la fine dell'asta, l'ufficiale giudiziario può vendere il bene al secondo migliore offerente, previo consenso del creditore, accordato firmando il verbale di asta pubblica. Nel caso in cui il creditore non sia presente all'asta, l'ufficiale giudiziario può vendere immediatamente il bene al secondo migliore offerente, se l'offerta è pari almeno al 50% dell'offerta migliore ma superiore al prezzo base. In caso contrario, l'ufficiale giudiziario ripropone il bene per una nuova presentazione di offerte nel corso della stessa asta. Il precedente migliore offerente non può più partecipare alla nuova presentazione di offerte.

Passaggio. L'acquirente è tenuto a versare il prezzo di acquisto e a prendere possesso del bene subito dopo il termine dell'asta. L'ufficiale giudiziario deve fornire all'acquirente un documento contenente le informazioni sulla vendita, nonché i dati contenuti nel registro del bene venduto, se esistente. A partire da tale documento, l'ufficiale giudiziario chiede a tutte le autorità competenti responsabili dei registri pertinenti di eliminare eventuali gravami e/o divieti relativi alla vendita del bene e di registrare il nuovo proprietario, laddove i diritti di proprietà siano iscritti nei registri. L'ufficiale giudiziario può trasferire il bene all'acquirente anche prima che il prezzo di acquisto sia corrisposto, previo consenso del creditore e a suo rischio per l'ammontare del prezzo di acquisto cui ha diritto. Qualora l'acquirente non versi il prezzo di acquisto e il creditore non acconsenta al passaggio del bene, l'ufficiale giudiziario può vendere il bene al secondo migliore offerente. L'acquirente acquista il bene privo di ogni gravame e ne diventa proprietario anche nel caso in cui il debitore non fosse il proprietario del bene. L'acquirente non gode di alcuna garanzia per i vizi del bene (articolo 96 della ZIZ).

Beni immobili

I procedimenti di esecuzione aventi come oggetto i beni immobili si effettuano iscrivendo la decisione di esecuzione nel registro immobiliare, nella quale sono determinati il valore dell'immobile, la relativa vendita e il pagamento del creditore con i proventi della vendita (articolo 167 della ZIZ).

Stima dei beni pignorati effettuata dal perito. Il valore del bene immobile può essere determinato dal giudice, anche prima che la decisione di esecuzione divenga definitiva. Il valore del bene immobile è stabilito dal giudice in base alla stima del perito del tribunale, in linea con il valore di mercato applicabile al momento della stima. Nel determinare il valore vengono prese in considerazione le eventuali riduzioni del valore dovute a particolari diritti, ad esempio le servitù (articolo 178 della ZIZ), che possono emergere in seguito alla presa in considerazione della vendita. Il valore del bene immobile è stabilito da una decisione impugnabile del tribunale (articolo 179 della ZIZ).

Pubblicazione dell'avviso di vendita. Dopo che la decisione di determinazione del valore dell'immobile diventa definitiva, il giudice emana un'ordinanza di vendita del bene immobile. Nell'ordinanza il giudice specifica le modalità e le condizioni di vendita e, in caso di vendita all'asta dell'immobile, l'ora e il luogo della vendita. La vendita dei beni immobili ha luogo una volta che la decisione di esecuzione e la decisione di determinazione del valore dell'immobile divengono definitive. Il giudice comunica l'ordinanza di vendita con un avviso affisso nella bacheca del tribunale e pubblicato sul relativo sito Internet, nonché sui normali mezzi di comunicazione locali. Le ordinanze di vendita dei terreni agricoli sono notificate dal giudice mediante affissione nella bacheca dell'unità amministrativa in cui è situato il bene immobile ed eventualmente sul sito Internet della stessa unità amministrativa. Il creditore può pubblicare l'ordinanza di vendita del bene immobile sui mezzi di comunicazione e i costi della pubblicazione sono a suo carico. Dal giorno dell'annuncio dell'ordinanza di vendita in bacheca sino al giorno della vendita devono trascorrere almeno 30 giorni. L'autorità giudiziaria notifica l'ordinanza di vendita alle parti, al creditore pignoratizio e agli altri partecipanti al procedimento che godono di un diritto registrato di preacquisto o di rimborso, nonché all'autorità amministrativa competente (articolo 181 della ZIZ).

In genere i beni immobili vengono venduti in aste pubbliche, condotte dall'autorità giudiziaria presso il tribunale, se non diversamente disposto dal giudice. I creditori, i creditori pignoratizi e i creditori di debiti fondiari possono decidere, nel corso di tutto il procedimento di esecuzione sino all'emissione dell'ordinanza di vendita, che l'immobile sia venduto con la raccolta di offerte vincolanti oppure con offerte dirette (articolo 183 della ZIZ).

L'ordinanza di vendita di un bene immobile riporta:

  1. una descrizione dettagliata dell'immobile, inclusi gli impianti fissi e gli arredi;
  2. le servitù dell'immobile e i gravami reali, che l'acquirente deve accettare;
  3. il valore dell'immobile stabilito dal giudice nella decisione;
  4. il prezzo cui l'immobile può essere venduto;
  5. il termine entro il quale l'acquirente è tenuto a versare il prezzo di acquisto;
  6. le modalità di vendita;
  7. l'ammontare del deposito cauzionale che gli offerenti sono tenuti a versare (articolo 184 della ZIZ).

Possibilità di visionare i beni in vendita all'asta Il giudice può permettere alle persone interessate all'acquisto dell'immobile di prenderne visione, su richiesta e a proprie spese. I modi e le modalità della visita e l'eventuale presenza di un ufficiale giudiziario sono decisi dal giudice nell'ordinanza di vendita dell'immobile (articolo 176 della ZIZ).

Deposito cauzionale Possono partecipare alle aste pubbliche tutti coloro che hanno versato un deposito cauzionale pari a 1/10 del valore stabilito dell'immobile almeno tre giorni lavorativi prima dall'asta. Il creditore su proposta del quale il giudice ha autorizzato l'asta è esentato dal pagamento di tale deposito, così come i creditori pignoratizi o i creditori di debiti fondiari, nel caso in cui i crediti da recuperare superino il valore della cauzione e la stessa possa essere coperta dal prezzo di acquisto, tenendo conto dell'ordine di priorità di pagamento e del valore stabilito del bene immobile. I depositi cauzionali degli offerenti le cui offerte non sono state accettate vengono restituiti, accreditandoli sui rispettivi conti bancari, entro 15 giorni dal termine dell'asta pubblica o dopo la conclusione delle procedure per l'apertura delle offerte, se non diversamente disposto dalla legge (articolo 185 della ZIZ).

Prezzo base Alla prima vendita il bene immobile non può essere venduto a un importo inferiore al 70% del valore stabilito. Se il bene immobile non viene venduto alla prima vendita, il giudice annuncia una seconda vendita, su proposta del creditore, in cui l'immobile non può essere venduto a meno della metà del valore determinato. Tra la prima e la seconda vendita devono trascorrere almeno 30 giorni. Deponendo una dichiarazione nei registri del tribunale competente per i procedimenti di esecuzione in questione o di qualunque altra autorità giudiziaria, le parti, il creditore pignoratizio o i creditori di debiti fondiari possono decidere che l'immobile sia venduto all'asta a meno del 70% del suo valore determinato, nel corso della prima vendita, o per meno della metà del suo valore determinato, nel corso della seconda vendita (articolo 188 della ZIZ).

Aggiudicazione. Dopo avere determinato che le condizioni di vendita sono soddisfatte, il giudice annuncia l'inizio dell'asta. L'asta dura sino a quando gli offerenti presentano offerte al rialzo. Un offerente è vincolato dalla sua ultima offerta fino alla presentazione di un'offerta superiore (controfferta). Su richiesta di uno o più creditori, il giudice può concedere un breve intervallo di riflessione ai partecipanti. L'asta si conclude quando, dopo due inviti del giudice a presentare ulteriori offerte, nessuno degli offerenti presenta un'offerta superiore. Al termine dell'asta, il giudice identifica l'offerente che ha proposto il prezzo più elevato e lo dichiara aggiudicatario dell'immobile (aggiudicazione dell'immobile). Il tribunale emette una decisione di aggiudicazione dell'immobile, che viene trasmessa alle parti cui è notificata l'ordinanza di vendita e a tutti i partecipanti all'asta. La decisione di aggiudicazione non è impugnabile. È possibile opporsi alle eventuali irregolarità relative all'asta impugnando la decisione di aggiudicazione del bene immobile all'acquirente (articolo 189 della ZIZ).

Pagamento del prezzo di acquisto Dopo l'aggiudicazione (assegnazione), l'acquirente è tenuto a versare il prezzo di acquisto entro il termine fissato nell'ordinanza di vendita (articolo 191 della ZIZ). Tale termine non dovrà superare i sei mesi dalla data della vendita, indipendentemente dal fatto che il prezzo di acquisto sia versato in un'unica soluzione o a rate (articolo 184 della ZIZ).

Passaggio. In seguito all'emissione della decisione di aggiudicazione, l'acquirente è tenuto a versare il prezzo di acquisto e il giudice pronuncia una decisione con cui l'immobile è trasferito all'acquirente (passaggio). Una volta che questa decisione diventa definitiva, i diritti di proprietà dell'acquirente sono registrati nel registro catastale e i diritti e i gravami vengono eliminati in linea con la decisione sull'aggiudicazione. Nella decisione, il giudice decide inoltre il termine entro il quale il debitore deve lasciare l'abitazione familiare o l'appartamento oppure sgomberare i locali dell'azienda. La decisione sul passaggio della proprietà è inoltre un titolo esecutivo per lo sgombero e il trasferimento dell'immobile e, una volta divenuta definitiva, assume carattere esecutivo (articolo 192 della ZIZ).

2. Terzi che conducono la vendita

Beni mobili

I beni mobili vengono venduti in aste pubbliche da un ufficiale giudiziario, il quale può, se necessario e a proprie spese, autorizzare a proprie spese un banditore, in base alla quantità e alla qualità dei beni mobili. La vendita all'asta è pubblica (articolo 93 della ZIZ e articolo 92 delle norme sull'esecuzione dei servizi degli ufficiali giudiziari).

Il bene mobile può essere venduto anche con accordo diretto tra l'acquirente e l'ufficiale giudiziario o mediante un terzo che agisce in qualità di commissionario. Le modalità e la data della vendita del bene sono determinate e iscritte da un curatore in un registro dei pignoramenti subito dopo il pignoramento, tenendo conto del principio secondo cui deve essere ottenuto il massimo valore positivo di rimborso (articolo 93 della ZIZ).

Beni immobili

Le aste pubbliche relative ai beni immobili sono condotte dai giudici.

3. Tipi di aste giudiziarie per le quali le norme potrebbero essere applicate solo in parte

Il diritto sloveno non riconosce altre tipologie di asta. Esistono diverse modalità di vendita dei beni mobili e immobili. Oltre alla vendita all'asta, i beni mobili possono essere venduti con la stipula di un contratto diretto tra l'acquirente e un ufficiale giudiziario o un terzo che opera in qualità di commissionario (articolo 93, comma 1, della ZIZ). I beni immobili vengono venduti a un'asta pubblica se i creditori, i creditori pignoratizi e i creditori di debiti fondiari non decidono prima dell'emissione dell'ordinanza di vendita che:

  • l'immobile deve essere venduto mediante raccolta di offerte vincolanti;
  • l'immobile non può essere venduto con contratto diretto per un periodo di tempo determinato (articolo 183 della ZIZ).

4. Informazioni sui registri nazionali dei beni

In Slovenia esistono i seguenti registri di proprietà:

  • registro catastale per i diritti di proprietà e altri diritti reali relativi a beni immobili;
  • registro dei veicoli a motore;
  • registro navale sloveno;
  • registro aeronautico;
  • registro dei titoli in forma scritturale;
  • registro dei pegni sui beni mobili;
  • registro dei conti bancari;
  • registro dei titolari di retribuzioni e altre forme di reddito personali (ad esempio, le pensioni).

Tali registri sono conservati in formato elettronico e ciascuno è gestito da un'istituzione specifica.

Possono accedere ai registri tutti coloro che dimostrino di avere un legittimo interesse (articolo 4, comma 6, della ZIZ). Un creditore può dimostrare il suo legittimo interesse presentando un titolo esecutivo (ad esempio, una sentenza esecutiva) che impone al debitore di soddisfare il diritto del creditore. In tal caso, il creditore può chiedere al gestore del registro informazioni sui beni del debitore. Le autorità giudiziarie hanno accesso elettronico a molti dei suddetti registri.

Per ottenere informazioni da tali registri non è necessario corrispondere nessuna commissione. Tuttavia, alcuni gestori delle banche dati (registri) possono chiedere che i creditori paghino un corrispettivo di piccola entità (ad esempio, il Zavod za zdravstveno zavarovanje, l'istituto sloveno di assicurazione sanitaria, che conserva il registro dei soggetti che erogano retribuzioni e altri redditi personali (quali le pensioni), fornisce informazioni sull'occupazione dei debitori dietro pagamento di un corrispettivo di 4 EUR). Il pagamento può essere effettuato anche elettronicamente.

5. Informazioni relative alle banche dati che permettono ai creditori di identificare i beni e i crediti del debitore

A norma dell'articolo 4, comma 6, della ZIZ, l'operatore di una banca dati fornisce ai creditori, su loro richiesta, informazioni sui beni di un debitore ai creditori, su richiesta di questi ultimi, qualora dimostrino un legittimo interesse (ad esempio, un titolo esecutivo). Tali operatori sono:

  • l'istituto sloveno di assicurazione sanitaria, che fornisce informazioni sui soggetti che erogano retribuzioni e altre forme di reddito personale (ad esempio, le pensioni);
  • l'Agencija Republike Slovenije za javnopravne evidence in storitve (AJPES) (l'agenzia della Repubblica di Slovenia per i registri pubblici legali e i servizi correlati), che fornisce informazioni tratte dal registro dei conti bancari;
  • il Centralna klirinško depotna družba d.d. (KDD) (l'organo centrale di compensazione dei titoli), che fornisce informazioni estratte dal registro dei titoli in forma scritturale;
  • l'autorità giudiziaria che conserva il registro del tribunale, la quale fornisce informazioni sulle azioni nelle imprese e altre partecipazioni in persone giuridiche. È possibile accedere ai registri anche elettronicamente attraverso il relativo sito Internet;
  • il tribunale che conserva il registro catastale fornisce informazioni sull'immobile sul quale o in merito al quale il debitore vanta un diritto di proprietà;
  • il ministero dell'Interno fornisce informazioni estratte dai registri dei veicoli a motore e dei rimorchi immatricolati;
  • l'amministrazione marittima slovena fornisce informazioni estratte dal registro delle imbarcazioni (navi di lunghezza inferiore ai 24 metri);
  • l'agenzia dell'aviazione civile fornisce informazioni estratte dal registro degli aeromobili.

Nella maggior parte dei casi, un creditore può accedere ai registri rivolgendosi all'operatore del registro in questione per chiedere informazioni sui beni del debitore. I creditori possono accedere elettronicamente (attraverso il sito Internet) ad alcuni registri (ad esempio, il registro del tribunale).

Non è necessario essere rappresentati da un legale per ottenere informazioni sui beni del debitore e non occorre versare allo Stato alcun corrispettivo. Alcuni operatori delle banche dati chiedono il pagamento di un piccolo corrispettivo (ad esempio, l'istituto sloveno di assicurazione sanitaria) di 4 EUR per le informazioni sull'occupazione dei debitori, che è possibile versare per via elettronica.

6. Informazioni sulle aste giudiziarie online

Il diritto sloveno in materia di esecuzione non riconosce ancora le aste giudiziarie online.

Ultimo aggiornamento: 25/10/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Svezia

1. Pubblicità e fissazione del prezzo dei beni pignorati

I beni pignorati sono venduti dall’intermediario della Kronofogdemyndigheten (agenzia nazionale di recupero crediti con esecuzione forzata). I beni vengono venduti alle aste pubbliche o con trattativa privata. Per i beni mobili ci si può affidare a una società di vendita all’asta. La vendita dei beni immobili può essere affidata a un’agenzia immobiliare.

La Kronofogdemyndigheten può autorizzare il debitore a vendere lui stesso il bene. In questo caso è possibile concedere una sospensione della vendita forzata. Il debitore può inoltre accordarsi con il creditore per un componimento della vertenza in maniera diversa. In tal caso il creditore può revocare la sua richiesta di esecuzione forzata.

Il bene pignorato dev’essere comunque oggetto di una stima effettuata da un ufficiale giudiziario. La Kronofogdemyndigheten a volte fa stimare i beni da un perito, che procede a una descrizione dettagliata degli stessi; essa si affida solitamente a periti per stimare il valore dei beni immobili e dei diritti di coproprietà (bostadsrätter). Tuttavia, per beni di valore importante, spesso ricorre a un esperto.

La Kronofogdemyndigheten pubblica un annuncio (ufficialmente) delle vendite forzate sul proprio Il link si apre in una nuova finestrasito internet. Le vendite sono inoltre annunciate nel Il link si apre in una nuova finestraPost- och Inrikes Tidningar che è una pubblicazione su internet ove sono pubblicati gli annunci di numerose autorità e comuni. L’obiettivo di tali pubblicazioni è fondamentalmente quello di informare eventuali creditori sconosciuti e qualsiasi altro soggetto interessato alla vendita.

Informazioni sulle vendite pubbliche sono pubblicate sul sito internet dalla Kronofogdemyndigheten. Inoltre, vi si trova il valore stimato dei beni, la loro descrizione, foto e altri documenti. Sono anche indicate le condizioni della vendita e le norme che gli acquirenti devono rispettare. Qualora la Kronofogdemyndigheten incarichi un terzo della vendita, tali informazioni figurano sul sito internet di quest’ultimo e spesso sono anche disponibili sul sito della Kronofogdemyndigheten.

La Kronofogdemyndigheten organizza sistematicamente una presentazione/visita dei beni messi in vendita affinché l’acquirente possa informarsi.

La vendita forzata viene organizzata in modo tale che l’offerta più elevata viene presa in esame. Nel caso in cui ci siano più offerenti il bene viene venduto al migliore e ultimo offerente. Se, al contrario, l’autorità ricorre alla vendita a trattativa privata con il deposito di offerte essa constata che ha presentato l’offerta più elevata al momento dell’apertura delle offerte.

Nel caso in cui la vendita sia condotta con asta elettronica, chiunque si sia aggiudicato il bene deve effettuare il pagamento entro 48 ore. Il pagamento si effettua di solito con carta di debito o di credito. In caso di vendita all’asta classico in loco, il pagamento dev’essere effettuato direttamente dopo la vendita, con carta di debito o di credito, con vaglia postale, con assegno o in contanti.

Per gli acquisti superiori a 10 000 SEK, la Kronofogdemyndigheten può concedere una proroga per il pagamento al massimo di un mese. Un acconto del 10% dev’essere comunque pagato direttamente.

2. Terzi autorizzati a effettuare le operazioni di vendita

La vendita dei beni pignorati si svolge generalmente alle aste pubbliche organizzate dalla Kronofogdemyndigheten. Quest’ultima può autorizzare un operatore esterno a organizzare la vendita. Per i beni mobili la Kronofogdemyndigheten può incaricare un terzo di organizzare la vendita all’asta. Per quanto riguarda i beni immobili, la Kronofogdemyndigheten può affidarsi a un’agenzia immobiliare per organizzare la vendita.

3. Tipi di vendite giudiziarie alle quali le norme potrebbero applicarsi solo in parte

Le vendite si suddividono in quattro categorie: beni mobili, navi e imbarcazioni, aeromobili e beni immobili. Si possono applicare norme diverse a seconda delle categorie. La informazioni dettagliate relative alle regole applicabili sono allegate all’avviso di vendita. Talune norme particolari sono applicabili alle vendite effettuate di un’associazione di coproprietari (bostadsrättsförening) nel caso in cui scada il diritto di utilizzazione (vendita forzata).

4. Informazioni relative ai registri nazionali dei beni

Al momento delle verifiche sui beni la Kronofogdemyndigheten può consultare vari registri, ad esempio:

  • il registro fondiario in conservatoria (Fastighetsregistret) che contiene tutti gli immobili e i terreni in Svezia;
  • il pubblico registro automobilistico (Vägtrafikregistret) che contiene tutti i veicoli privati immatricolati in Svezia;
  • il registro fiscale (Skatteregistret) che contiene informazioni sui pagamenti;
  • l’agenzia svedese della sicurezza sociale (Försäkringskassan) che contiene informazioni sui pagamenti;
  • il registro delle pensioni (Pensionsmyndigheten) che contiene informazioni sui pagamenti;
  • il registro delle imprese (Näringslivsregistret) che contiene informazioni sulle società per azioni e le società a responsabilità limitata, sulle succursali, sulle società cooperative, e sulle ditte individuali svedesi;
  • il registro dei titoli (Värdepappersregistret) tenuto da Euroclear che contiene informazioni sui detentori di tutte le azioni delle società quotate in borsa;
  • il registro navale (Fartygsregistret) che contiene informazioni su tutte le navi e le imbarcazioni;
  • il registro degli aeromobili (Luftfartygsregistret) che contiene informazioni su tutti gli aeromobili;
  • il registro delle armi (Vapenregistret) che contiene informazioni su coloro che detengono armi da fuoco.

I registri sono tenuti elettronicamente e la Kronofogdemyndigheten può interpellare la maggior parte di essi per via elettronica. Nel caso in cui le informazioni contenute nel registro siano riservate, la Kronofogdemyndigheten può comunque ottenerle per verificare se il debitore possiede beni che possono costituire oggetto di esecuzione forzata. La suddetta visura dei registri non comporta la corresponsione di oneri.

Taluni registri menzionano il pignoramento dei beni da parte della Kronofogdemyndigheten (ad esempio il registro fondiario, il registro navale e il registro degli aeromobili).

5. Informazioni relative alle banche dati che permettano ai creditori di individuare i beni e i crediti di un debitore

Ad oggi la Kronofogdemyndigheten non è in grado di proporre un servizio elettronico che permetta al richiedente di individuare i beni o i crediti del debitore.

6. Informazioni sulle aste pubbliche online

La Kronofogdemyndigheten dal 2014 ha gestito le aste elettroniche, meglio conosciute come aste online. Questa possibilità è limitata ai beni mobili. Il diritto a ricorrere alle vendite all’asta elettroniche è regolato al capo 9 del Il link si apre in una nuova finestraregolamento relativo all’esecuzione forzata nel quale sono stabilite le modalità di tali vendite all’asta.

In una relazione trasmessa al governo nel novembre 2016 è stato proposto di estendere la vendita all’asta elettronica ai beni immobili. Il procedimento di vendita dei beni immobili è più complesso e richiede inoltre modifiche legislative perché la vendita all’asta elettronica possa essere autorizzata come quella relativa ai beni mobili.

Attualmente non esiste alcun ostacolo alla partecipazione a una vendita all’asta all’estero.

Tutte le vendite all’asta on line vengono annunciate sul Il link si apre in una nuova finestrasito internet della Kronofogdemyndigheten.

Nel caso in cui la vendita sia organizzata da una società di vendita all’asta esterna, la vendita viene annunciata sul sito internet di quest’ultima. Nel caso in cui ci si affidi a una società esterna per la vendita all’asta, l’amministrazione deve ordinarle di rispettare le norme relative alla vendita di cui al capo 9 del Il link si apre in una nuova finestracodice di esecuzione forzata e al capo 9 del Il link si apre in una nuova finestraregolamento relativo all’esecuzione forzata. I contratti conclusi con società di vendite all’asta esterni sono oggetto generalmente di appalti pubblici. L’avviso dell’appalto contiene requisiti che si riferiscono tra l’altro alla situazione finanziaria e alle qualifiche professionali del prestatore.

Chiunque intenda partecipare a una vendita all’asta online deve registrarsi sul sito internet per poter presentare delle offerte. Tuttavia, le offerte sono pubbliche e possono essere seguite senza una precedente registrazione. In occasione della registrazione dev’essere fornito quanto segue: numero d’identificazione personale, indirizzo email, indirizzo postale, numero di telefono e uno pseudonimo che verrà utilizzato in occasione della pubblicazione delle offerte. L’offerente non deve necessariamente identificarsi. Qualora l’offerente non possieda numero d’identificazione personale in Svezia o non intenda o non possa per qualsiasi altro motivo registrarsi online, può registrarsi manualmente presso l’amministrazione.

Il prezzo dell’acquisto dev’essere corrisposto con carta di debito o di credito.

Non è possibile partecipare a una vendita all’asta online recandosi nei locali della Kronofogdemyndigheten.

Le offerte si possono presentare fino a una certa data/ora. Nel caso in cui un’offerta venga presentata meno di due minuti prima della scadenza del termine, quest’ultimo è prorogato di due minuti.

La Kronofogdemyndigheten risponde a quesiti per telefono o via email, ma a volte è difficile ottenere una risposta poco prima della vendita. La Kronofogdemyndigheten risponde in svedese, ma deve anche poter dare informazioni e consigli a talune minoranze in certe regioni di lingua minoritaria. Spesso si può ottenere assistenza rispetto a quesiti posti in altre lingue.

La Kronofogdemyndigheten traduce solo eccezionalmente documenti relativi alla vendita (ad esempio quando è evidente che gran parte dei potenziali acquirenti si trovano all’estero).

In base al principio dell’accesso all’informazione, numerose informazioni in possesso delle autorità svedesi sono pubbliche. Tuttavia, alcune informazioni sull’autore dell’offerta non vengono diffuse. Talune altre informazioni sensibili possono inoltre essere riservate, ma qualsiasi richiesta di informazioni è oggetto di un esame individuale.

Ultimo aggiornamento: 17/07/2018

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Inghilterra e Galles

La seguente sezione descrive le disposizioni di Inghilterra e Galles relativamente al pignoramento dei beni per soddisfare crediti in denaro.

In Inghilterra e Galles non è più prescritto che un District Judge autorizzi e nomini le società per la rimozione e i commissari per l'asporto. La Il link si apre in una nuova finestraSezione 41 dell'allegato 12 della legge "Tribunals, Courts and Enforcement Act" (legge sui tribunali speciali e i procedimenti e i mezzi per le esecuzioni) prevede la vendita di beni con asta pubblica salvo che il giudice abbia disposto altrimenti.

Le società per la rimozione e i commissari per l'asporto possono proporre i loro servizi a ciascun giudice fornendo i dettagli relative alle spese e ai costi per l'assicurazione e quindi una decisione possa essere adottata a livello locale sui prestatori da scegliere. La decisione relativa alla scelta della società dev'essere presa ufficialmente da un "panel" di gestionari, in base ai dettagli e alle spese trasmesse.

Una volta che il relativo provvedimento sarà emesso, verrà affissa presso la cancelleria la relativa lista nella quale si descrivono nomi e indirizzi delle società nominate. Tale lista sarà rivista annualmente e senz'altro prima che scadano i certificati di assicurazione. Nei limiti del possibile i fornitori scelti devono essere oggetto di una rotazione effettuata regolarmente. Alcune norme di base si applicano nel caso in cui non sia possibile servirsi regolarmente di un'unica società.

Almeno 7 giorni prima che si effettui la vendita l'ufficiale giudiziario deve inviare al debitore e ai coproprietari l'avviso relativo alla vendita.

Quando ha luogo una vendita e il risultato della vendita viene consegnato dai commissari per l'asporto, l'ufficiale giudiziario/Delivery Manager è incaricato di confermare che tutti i beni sottoposti a verifica e che sono stati pignorati siano annoverati. Tale documento dev'essere debitamente controfirmato per convalida.

V. le norme di cui agli articoli da 34 a 43 del Il link si apre in una nuova finestraTaking Control of Goods Regulations per ulteriori dettagli relativi alla rimozione, allo stoccaggio e alla vendita dei beni controllati.

Ultimo aggiornamento: 10/10/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

La versione originale in lingua inglese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

Aste giudiziarie - Irlanda del Nord

L'ufficio preposto alle sentenze (EJO) appartiene al Servizio delle Corti e dei Tribunali dell'Irlanda del Nord (agenzia del Dipartimento della Giustizia) ed è responsabile dell'esecuzione dei provvedimenti emessi da organi giurisdizionali dell'Irlanda del Nord per l'esecuzione in relazione a denaro, beni mobili e immobili. Il Judgments Enforcement (Northern Ireland) Order 1981(decreto sull'esecuzione delle sentenze dell'Irlanda del Nord del 1981) prevede il pignoramento e la vendita di beni per soddisfare un credito in denaro basato sul dispositivo di una sentenza.

L'EJO ha una serie di poteri per ottenere il pagamento di una somma dovuta in seguito al dispositivo di una sentenza emessa da un organo giurisdizionale. Tali poteri comprendono un provvedimento che dispone il pignoramento ai sensi dell'articolo 31 del decreto sull'esecuzione delle sentenze dell'Irlanda del Nord del 1981.

In base a quest'ultimo decreto, l'EJO può pignorare il bene e venderlo all'asta utilizzando il procedimento di vendita online (dopo il pagamento dei costi e delle spese del pignoramento) per pagare i debiti insoluti (v. articoli 31, 34 e 40 del decreto del 1981). Nell'ambito dell'esecuzione del provvedimento di pignoramento, l'EJO ha il diritto, ai sensi dell'articolo 38 del decreto del 1981, di entrare in qualsiasi unità immobiliare occupata o utilizzata dal debitore, dal coniuge o da qualsiasi persona a suo carico o in alcune circostanze, in qualsiasi unità immobiliare occupata o utilizzata da altre persone.

L'EJO può emettere questo tipo di provvedimento (su domanda rivolta al Master ai sensi della norma di cui all'articolo 30, primo comma, delle norme sull'esecuzione delle sentenze (Judgements Enforcement Rules (Northern Ireland) 1981), allorché risulti che esistono beni pignorabili per soddisfare il credito. In pratica, esso ricercherà altri mezzi rilevanti per l'esecuzione come un Attachment of Earnings Order (ordinanza di pignoramento dello stipendio, in base alla quale una determinata somma sarà pignorata dallo stipendio del debitore) prima di presentare una domanda per un provvedimento di pignoramento presso il Master.

Ci sono limiti relativi ai tipi di beni che possono essere pignorati (ad esempio, i vestiti del debitore e i mobili essenziali dell'abitazione del debitore non possono essere pignorati, ai sensi dell'articolo 33 del decreto del 1981).

Le norme contenute agli articoli da 30 a 33 delle norme sull'esecuzione delle sentenze (Judgment Enforcement (Northern Ireland) Rules 1981) stabiliscono le norme processuali da rispettare da parte dell'EJO per quanto riguarda l'adozione di un'ordinanza di pignoramento.

Ultimo aggiornamento: 18/10/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Aste giudiziarie - Scozia

La seguente sezione precisa le disposizioni applicabili in Scozia relative al pignoramento di beni al fine di recuperare un credito di denaro dovuto.

In Scozia i beni possono essere pignorati al fine di recuperare una somma di denaro dovuta se il debito è stato riconosciuto dai tribunali e in talune altre circostanze, in particolare quando il pignoramento è autorizzato in taluni "documenti di credito ufficiali" (documents of debt). Le procedure previste per il pignoramento dei beni sono l'arrestment (pignoramento presso terzi, utilizzato per congelare i beni che appartengono al debitore, ma che sono detenuti da un terzo), l'attachement (pignoramento, utilizzato per pignorare i beni di cui il debitore è proprietario e che sono in suo possesso) e l'exceptional attachment (pignoramento eccezionale, utilizzato per pignorare beni non essenziali conservati in un'abitazione resistenziale). In taluni casi le relative procedure prevedono la vendita all'asta dei beni del debitore sotto sorveglianza giudiziaria.

La parte 2 della legge "Debt Arrangement and Attachment (Scotland)" del 2002 (legge scozzese sull'accordo del debito e sul pignoramento) disciplina la procedura da seguire nel caso di pignoramento di beni. Entro 14 giorni a decorrere dal pignoramento, lo sheriff officer deve inviare una relazione alla Sheriff Court (tribunale di primo grado). Dal ricevimento della relazione lo sheriff officer può procedere alla liberazione dei beni pignorati e alla loro vendita all'asta cui lo sheriff officer deve assistere per prendere nota, se necessario, dei beni venduti e del loro prezzo di vendita. Il risultato della vendita all'asta può essere utilizzato per pagare le spese dello sheriff officer e, successivamente, per rimborsare il creditore. Ogni somma in eccedenza è restituita al debitore. Se i beni non sono venduti, la loro proprietà è trasferita al creditore. La vendita giudiziaria dei beni pignorati si svolge abitualmente in una sala di vendita, ma può anche tenersi altrove, in un luogo diverso dalla casa di abitazione del debitore ai sensi della legge del 2002.

Se i beni hanno costituito oggetto di un sequestro e il debitore non ha firmato il mandato che autorizza il loro di sequestro al fine che il creditore possa entrarne in possesso, quest'ultimo deve esperire una action of furthcoming (azione per il riottenimento del denaro o dei beni sequestrati) dinnanzi al tribunale. Una action of furthcoming corrisponde in sostanza una richiesta al tribunale intesa ad ottenere la liberazione dei beni nei confronti dei creditore, che successivamente può venderli per recuperare in tutto o in parte quanto gli è dovuto.

Ultimo aggiornamento: 30/04/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.