La versione originale in lingua tedesco di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Swipe to change

Alimenti e mantenimento

Germania
Contenuto fornito da
European Judicial Network
Rete giudiziaria europea (in materia civile e commerciale)

1 Che cosa si intende in pratica per "alimenti" e "obbligazione alimentare"? Quali persone sono tenute a pagare gli alimenti a un'altra persona?

Persone tenute all'obbligo di prestare obbligazioni alimentari:

  • i figli possono essere tenuti a versare gli alimenti ai propri genitori;
  • i genitori possono essere tenuti a versare gli alimenti ai propri figli;
  • un coniuge può essere tenuto a versare gli alimenti all'altro coniuge;
  • i nipoti o i pronipoti possono essere tenuti a versare gli alimenti ai propri nonni o bisnonni;
  • i nonni o bisnonni possono essere tenuti a versare gli alimenti ai propri nipoti o pronipoti;
  • un genitore non sposato può essere tenuto a versare gli alimenti all'altro genitore, qualora un figlio sia stato affidato a quest'ultimo;
  • un partner di un'unione registrata può essere tenuto a versare gli alimenti all'altro partner di tale unione.

2 Sino a quale momento un figlio può beneficiare degli alimenti? Ci sono norme diverse per gli alimenti relativamente ai minori e agli adulti?

Non è previsto un limite di età per l'assegno alimentare a favore dei figli: l'assegno deve essere corrisposto fintantoché il sostentamento del figlio dipenda da esso, salvo nel caso in cui vi sia un addebito di colpa nei confronti del figlio. Tuttavia, una volta terminato il periodo di istruzione e formazione, ci si aspetta che i figli provvedano al loro sostentamento. La normativa tedesca in materia di prestazioni alimentari favorisce generalmente i figli minori rispetto a quelli adulti che hanno completato la loro istruzione generale: i requisiti imposti in tale ambito alla persona obbligata sono più rigorosi e i figli minorenni hanno la priorità sui figli che hanno raggiunto la maggiore età.

3 Per ottenere gli alimenti, il ricorrente deve rivolgersi a un'autorità competente o deve adire un organo giurisdizionale? Quali sono gli elementi principali di tale procedura?

Di norma, per far riconoscere la sua pretesa alimentare il creditore deve rivolgersi a un organo giurisdizionale, allo Jugendamt (Ufficio per l'assistenza ai giovani), oppure a un notaio, allo scopo di ottenere un vollstreckungsfähiger Titel (titolo esecutivo) per riscuotere coattivamente una somma di denaro.

Il contenzioso si svolge solo dinanzi all'organo giurisdizionale. Tuttavia, da un notaio o dall'Ufficio per l'assistenza ai giovani si può ottenere il riconoscimento di un credito alimentare. La competenza dell'Ufficio per l'assistenza ai giovani è limitata rispetto a quella del notaio: l'Ufficio è competente a riconoscere un'obbligazione alimentare qualora si tratti di alimenti spettanti al figlio sino al compimento del ventunesimo anno di età o di pretese dei genitori risultanti dalla nascita di un figlio.

Le controversie in materia di alimenti sono cause inerenti al diritto di famiglia e sono trattate dal Familiengericht (tribunale della famiglia). I procedimenti in tale materia sono disciplinati dalla Gesetz über das Verfahren in Familiensachen und in den Angelegenheiten der freiwilligen Gerichtsbarkeit (FamFG, legge sui procedimenti in materia di diritto familiare e di volontaria giurisdizione) e dal Zivilprozessordnung (ZPO, codice di procedura civile).

4 È possibile presentare una richiesta a nome di un parente (in caso affermativo, quale grado), o di un minore?

Ai sensi dell'articolo 1629, primo comma, del Bürgerliches Gesetzbuch (BGB, codice civile) i genitori rappresentano i figli congiuntamente; un genitore può rappresentare il figlio da solo se esercita in via esclusiva la responsabilità genitoriale o qualora sia autorizzato a prendere una decisione individualmente a norma dell'articolo 1628 del codice civile. Di norma, quindi, i genitori possono far valere una pretesa alimentare a favore di un figlio quali rappresentanti legali di quest'ultimo. Tuttavia, in base all'articolo 1629, secondo comma, prima frase, del codice civile, essi non possono rappresentare il figlio nei casi in cui l'articolo 1795 del codice civile impedisca a un tutore di rappresentare un minore a causa di un conflitto di interessi. Tra questi casi, figurano le controversie che oppongono un figlio al coniuge di un genitore. In tale caso, occorre nominare un terzo, il cosiddetto Ergänzungspfleger ("affidatario supplementare") perché agisca in rappresentanza del minore e faccia valere i suoi diritti. I crediti alimentari sono un'eccezione alla regola: ai sensi dell'articolo 1629, secondo comma, seconda frase, del codice civile, se entrambi i genitori esercitano la responsabilità genitoriale nei confronti del figlio, il genitore affidatario può pretendere dall'altro genitore il pagamento di un assegno alimentare a favore del figlio. L'articolo 1629, terzo comma, del codice civile ha modificato tale disposizione per il caso in cui i genitori del minore siano sposati ma separati oppure qualora tra i genitori esistano procedimenti matrimoniali in corso. In tale caso, un genitore può richiedere all'altro il pagamento di un assegno alimentare per il figlio soltanto a proprio nome. Tale norma vuole evitare che il figlio diventi parte del procedimento di divorzio tra i genitori.

5 Qualora intenda adire un organo giurisdizionale, come posso individuare il giudice competente?

La competenza in materia di obbligazioni alimentari è dei Familiengerichte (tribunali della famiglia), che sono sezioni degli Amtsgerichte (tribunali distrettuali). L'articolo 232 della legge sui procedimenti in materia di diritto familiare e di volontaria giurisdizione stabilisce l'organo giurisdizionale avente giurisdizione in un luogo specifico.

Se esistono procedimenti matrimoniali in corso, di norma l'organo giurisdizionale avente competenza territoriale è quello che agisce o ha agito da organo giurisdizionale di primo grado nella causa di divorzio. Altrimenti, la competenza territoriale è spesso determinata in base al luogo della residenza abituale del convenuto. Un criterio diverso si applica ai procedimenti concernenti le obbligazioni alimentari a favore di un minore ovvero di un figlio trattato come minore. In tali casi è competente l'organo giurisdizionale della residenza abituale del minore, o di un genitore che è autorizzato ad agire per conto del figlio. Tuttavia, tale criterio non è applicabile qualora il figlio o il genitore sia residente all'estero.

Il figlio che intenda far valere una pretesa alimentare nei confronti di entrambi i genitori deve rivolgersi all'organo giurisdizionale che sarebbe competente a trattare un ricorso contro un solo genitore.

6 Chi avanza la pretesa deve servirsi di un intermediario per adire il giudice (ad esempio: avvocato, autorità centrale o locale ecc.)? Altrimenti, quale procedura dovrà seguire?

In linea di principio, le parti di un procedimento in materia di obbligazioni alimentari devono farsi rappresentare dinanzi all'organo giurisdizionale da un avvocato. Tuttavia, la rappresentanza legale non è necessaria nel caso di una domanda di provvedimenti provvisori (einstweilige Anordnung). Inoltre, un minore non ha bisogno di un avvocato se è assistito e rappresentato in giudizio dall'Ufficio per l'assistenza ai giovani in relazione a una domanda diretta a far valere un credito alimentare.

7 Adire la giustizia comporta un costo? In caso affermativo quale spesa è prevedibile? Se i mezzi di colui che avanza la pretesa sono insufficienti, si può ottenere un'assistenza giudiziaria gratuita per far fronte alle spese del procedimento?

Le spese legali addebitate in relazione a procedimenti giudiziari concernenti obbligazioni alimentari assumono la forma di diritti o spese. L'importo di tali spese è calcolato in base al valore della domanda, al corso del procedimento e alle circostanze specifiche del caso.

I costi devono essere pagati innanzitutto dalla parte che è condannata a sostenerli in forza della decisione giudiziale. In linea di massima, si tratta della parte soccombente.

Se non dispongono di mezzi economici sufficienti per pagare l'intero importo delle spese giudiziarie o se possono pagarlo soltanto a rate, i ricorrenti possono chiedere di avvalersi del Verfahrenskostenhilfe (patrocinio a spese dello Stato), che contribuisce a coprire le spese processuali relative alle domande di alimenti. Tuttavia, l'azione o la difesa per la quale si richiede l'aiuto deve avere buone possibilità di successo e non apparire manifestamente infondata. In funzione del reddito e dei beni del ricorrente, il patrocinio a spese dello Stato viene concesso per coprire totalmente o parzialmente le tasse giudiziarie e le spese legali della parte, ma non i costi dell'avvocato della parte avversa in caso di esito sfavorevole del procedimento.

8 Che tipo di alimenti dev'essere concesso dal giudice e come si calcola il relativo importo? Si può ottenere una modifica della decisione del giudice qualora il costo della vita o la situazione familiare si siano modificate? In caso affermativo, in che modo (ad esempio, con il sistema di indicizzazione automatica)?

Di norma, gli alimenti devono essere versati su base regolare. Il loro importo è stabilito in base ai bisogni dell'avente diritto e alla capacità di pagamento del debitore. A tal fine, le Oberlandesgerichte (corti d'appello) hanno approntato tabelle e orientamenti che servono a determinare in maniera forfettaria gli importi delle voci da prendere in considerazione. Ai fini del calcolo delle obbligazioni alimentari dovute ai figli viene regolarmente utilizzata la tabella di Düsseldorf.

Se interviene un cambiamento nelle circostanze di fatto sulle quali è basata la decisione dell'organo giurisdizionale in materia di alimenti, tale provvedimento può essere modificato su richiesta dell'avente diritto ovvero della parte obbligata. Nel caso di un minore, l'assegno alimentare può anche essere indicizzato ai sensi dell'articolo 1612a, primo comma, prima frase, del codice civile, caso in cui è calcolato in percentuale del livello minimo degli alimenti fissato dalla legge in un determinato momento. Tale livello minimo è disciplinato dall'articolo 1612a, primo comma, seconda e terza frase, del codice civile e aumenta nella misura di tre scaglioni, di pari passo con l'età del figlio. Se una decisione dell'organo giurisdizionale in materia di alimenti prevede un pagamento indicizzato, l'obbligazione alimentare non deve essere modificata ogniqualvolta il figlio entra in una diversa fascia di età.

9 In che modo e a chi saranno pagati gli alimenti?

In linea di massima, gli alimenti devono essere versati mensilmente e in anticipo all'avente diritto oppure, qualora quest'ultimo sia minorenne, al genitore che se ne occupa o a qualsiasi altra persona autorizzata a ricevere il pagamento.

10 Se la persona su cui grava l'obbligo dell'assegno (debitore) non lo versa volontariamente, quali mezzi ci sono per costringerla ad adempiere?

È possibile ottenere l'esecuzione di crediti alimentari accertati mediante Zwangsvollstreckung (esecuzione forzata). L'esecuzione forzata avviene nel rispetto delle norme di diritto comune in materia.

Tuttavia, l'obbligazione alimentare a carico del debitore è rafforzata dal fatto che eventuali inadempimenti sono sanzionabili penalmente.

Una persona che viola un'obbligazione alimentare può essere condannata a una pena detentiva fino a tre anni o al pagamento di un'ammenda. Se la pena detentiva è inevitabile, l'organo giurisdizionale può sospendere la pena e ordinare alla parte condannata di adempiere le proprie obbligazioni alimentari. Successivamente, l'organo giurisdizionale può revocare la sospensione della pena qualora la parte condannata commetta una grave o persistente violazione della decisione sugli alimenti, fornendo quindi valide ragioni per temere che possa commettere ulteriori reati e, in particolare, una violazione delle obbligazioni alimentari a suo carico. Per contro, nel caso delle persone incensurate, l'ufficio del pubblico ministero può temporaneamente astenersi dall'esercizio dell'azione penale o l'organo giurisdizionale può temporaneamente interrompere il procedimento penale, purché l'imputato venga contemporaneamente esortato a pagare il suo debito alimentare.

11 Si prega di descrivere brevemente i limiti all'esecuzione, in particolare le norme concernenti la tutela del debitore e i periodi di limitazione o di descrizione nel suo sistema di esecuzione.

I beni mobili del debitore possono essere oggetto di Pfändung (pignoramento) da parte del Gerichtsvollzieher (ufficiale giudiziario) (articolo 808, primo comma, del codice di procedura civile). I casi in cui è consentito il pignoramento sono limitati dagli articoli 811 e 812 del codice di procedura civile. I beni elencati all'articolo 811 del codice non sono pignorabili. Tale esenzione non vale per i beni acquistati con Eigentumsvorbehalt (riserva di proprietà in attesa del pagamento), come previsto dall'articolo 811, secondo comma, del codice. Gli articoli 811a e 811b del codice permettono di sostituire i beni di valore che sono esentati dal pignoramento ai sensi dell'articolo 811 con beni di valore inferiore che svolgono la stessa funzione.

La residenza del debitore può essere perquisita senza il suo consenso solo con un apposito mandato del giudice (articolo 758a del codice di procedura civile).

La procedura di pignoramento dei beni posti a garanzia del credito è gestita dall'organo giurisdizionale che tratta il procedimento di esecuzione. Il pignoramento dei redditi di lavoro è soggetto ai limiti imposti dagli articoli 850 e seguenti del codice di procedura civile. La misura in cui il reddito del debitore è esente dal pignoramento è determinata non solo in base al livello del reddito stesso, ma anche al numero degli aventi diritto a ricevere gli alimenti dal debitore. Al fine di facilitare tale calcolo, una tabella delle esenzioni è stata redatta e allegata all'articolo 850c del codice e viene utilizzata per stabilire i limiti di esenzione. Tale tabella viene rivista periodicamente e, ove necessario, il livello viene adeguato.

Ai sensi degli articoli 850d e 850f del codice di procedura civile, se la procedura di esecuzione avviene sulla base di un credito alimentare o di un credito derivante da un unerlaubte Handlung (atto illecito) commesso intenzionalmente, l'organo giurisdizionale competente può, su domanda di un creditore, stabilire un diverso livello di esenzione dal pignoramento. Analogamente, il debitore può chiedere di fissare un diverso livello qualora abbia delle esigenze personali particolari da soddisfare, conformemente all'articolo 850f, primo comma, del codice di procedura civile.

Il conto corrente del debitore può essere esentato dal pignoramento ai sensi dell'articolo 850k del codice di procedura civile. Tale conto è comunemente denominato Pfändungsschutzkonto o P-Konto (conto esentato dal pignoramento o conto P) ed è inteso a garantire un ragionevole livello di vita del debitore e delle persone a suo carico. In primo luogo, il conto P protegge automaticamente i saldi fino al livello dell'esenzione di base, che attualmente ammonta a 1 133,80 EUR per ogni mese. Tale esenzione di base può essere aumentata in determinate circostanze, ad esempio se il debitore è soggetto a ulteriori obbligazioni alimentari. Cfr. dettagli sugli importi esentati dal pignoramento qui. Le prestazioni a favore dei figli e determinati pagamenti previdenziali godono di tutela supplementare. Per ottenere tale tipo di tutela, il debitore deve in genere fornire una prova alla banca. In casi specifici, come nel caso in cui il debitore abbia esigenze specifiche a causa di una malattia, l'importo del conto corrente esentato dal pignoramento può essere adeguato appositamente dall'organo giurisdizionale competente per l'esecuzione.

Ai crediti alimentari si applica il termine di prescrizione normale di tre anni (articolo 195 del codice civile) che inizia a decorrere dalla fine dell'anno in cui è sorto il credito e l'avente diritto ne è stato informato (articolo 199, primo comma, del codice civile). Un termine di prescrizione distinto di 30 anni si applica soltanto agli arretrati relativi alle obbligazioni alimentari accertate (articolo 197, primo comma, punto 3 del codice civile): tale termine inizia a decorrere dalla data della decisione vincolante dell'organo giurisdizionale o dell'istituzione del titolo esecutivo oppure come indicato per i registri (articolo 201, primo comma del codice civile).

La prescrizione relativa a crediti alimentari può essere sospesa. Con "sospensione" s'intende che il periodo durante il quale la prescrizione viene sospesa non è incluso nel calcolo del termine di prescrizione (articolo 209 del codice civile). Questo è il caso delle obbligazioni alimentari corrisposte per i figli fino a quando questi ultimi non compiono i 21 anni di età (articolo 207, primo comma, seconda frase, punto 2, lettera a), del codice civile).

Se viene intrapresa un'azione giudiziaria volta a ottenere l'esecuzione di tali crediti o se viene richiesta un'esecuzione in relazione agli stessi, il termine di prescrizione normale di tre anni riprende a decorrere (articolo 212, primo comma, punto 2, del codice civile). Ciò impedisce la prescrizione di crediti alimentari futuri accertati.

12 Esiste un'organizzazione o un'autorità che possa aiutare l'avente diritto a percepire l'assegno?

Il titolo esecutivo alimentare è un normale Vollstreckungstitel (titolo esecutivo) per crediti pecuniari, sicché l'avente diritto agli alimenti deve sostanzialmente attenersi alle normali norme in materia di esecuzione e deve egli stesso ottenere il soddisfacimento della sua pretesa.

Tuttavia, l'Ufficio per l'assistenza ai giovani aiuta a riscuotere gli alimenti spettanti al minore assistito a norma dell'articolo 1712 del codice civile. Il minore riceve assistenza su richiesta del genitore che ha la responsabilità genitoriale esclusiva sul figlio; qualora la responsabilità genitoriale spetti a entrambi i genitori, il minore è sottoposto a curatela se il genitore che presenta la domanda è quello che ha l'affidamento del bambino.

Occorre distinguere quanto precede dai casi in cui l'avente diritto agli alimenti riceve determinate prestazioni sociali (le quali soddisfano un bisogno che sarebbe altrimenti soddisfatto dalla prestazione alimentare). Se il beneficiario di tali prestazioni sociali vanta un credito alimentare che non è stato ancora soddisfatto, tale credito viene di norma trasferito all'autorità competente, che può farlo valere a nome proprio.

In determinati casi, quando un figlio viene cresciuto da un solo genitore e l'altro genitore non paga gli alimenti in contanti, la Unterhaltsvorschussgesetz (UVG, legge tedesca in materia di anticipi sugli alimenti) prevede il diritto a ricevere pagamenti. In questi casi è la Unterhaltsvorschusskasse (Cassa per l'anticipo degli alimenti) che riscuote il credito alimentare ad essa trasferito.

Inoltre, se il debitore non corrisponde gli alimenti ed è necessario ricorrere alla Sozialhilfe (assistenza sociale) - qualora esistano gli altri presupposti che vi danno diritto -, i crediti alimentari passano all'ente assistenziale (analogamente a quanto accade con i suddetti anticipi sugli alimenti), il quale a sua volta può farli valere. Qualora si tratti di Grundsicherung für Arbeitssuchende (prestazioni assistenziali di base per disoccupati in cerca di lavoro), il credito alimentare viene trasferito soltanto previa notifica scritta al debitore degli alimenti da parte dell'ente assistenziale.

13 Le organizzazioni pubbliche o private possono anticipare il pagamento degli alimenti in tutto o in parte in sostituzione del debitore?

I pagamenti ai sensi della legge in materia di anticipi sugli alimenti, i pagamenti dell'assistenza sociale cui si fa riferimento nella risposta alla domanda n. 12 e le indennità minime a favore delle persone in cerca di lavoro sono prestazioni sociali autonome e di portata limitata, non prestazioni alimentari vere e proprie: sono versate dagli enti competenti direttamente all'avente diritto e non dipendono dalla possibilità di recuperare il credito alimentare. Gli enti pubblici ai quali viene trasferito il credito alimentare possono farlo valere in nome proprio.

A differenza di quanto avviene per i pagamenti a norma della legge in materia di anticipi sugli alimenti, dei pagamenti dell'assistenza sociale e a favore delle persone in cerca di lavoro, l'assistenza prestata dall'Ufficio per l'assistenza ai giovani in relazione alle domande di alimenti non comporta una pretesa separata da parte dell'ente pubblico. In questo caso, infatti, l'ente pubblico si limita ad aiutare l'avente diritto a far valere e a realizzare il credito alimentare.

14 Nel caso in cui il ricorrente si trovi in questo Stato membro e il debitore risieda in un altro paese:

14.1 Posso ottenere l'assistenza di un'autorità o di un'organizzazione privata in questo Stato membro?

Se l'avente diritto desidera far valere un credito alimentare nei confronti di un debitore residente all'estero, può chiedere assistenza al Bundesamt für Justiz (Ufficio federale di giustizia) a Bonn. La Repubblica federale di Germania ha designato l'Ufficio federale di giustizia quale autorità centrale ai fini dei procedimenti transfrontalieri in materia di alimenti.

14.2 In caso affermativo, come si può contattare l'autorità o l'organizzazione privata?

Le domande presentate ai sensi dell'articolo 55 del regolamento UE sulle obbligazioni alimentari, dell'articolo 9 della convenzione dell'Aia del 2007 sulle obbligazioni alimentari o dell'articolo 2, paragrafi 1 e 2, della convenzione delle Nazioni unite del 1956 da un avente diritto residente in Germania devono essere inviate all'Ufficio federale di giustizia di Bonn affinché le inoltri all'autorità centrale. Per maggiori informazioni, cfr.: https://www.bundesjustizamt.de/DE/Themen/Buergerdienste/AU/AU_node.html.

I dati di contatto dell'autorità centrale sono:

Bundesamt für Justiz
Unit II 4

53094 Bonn
Germania

Indirizzo di posta elettronica: auslandsunterhalt@bfj.bund.de

Tel.: +49(0)228 99410 6434

Fax: +49(0)228 99410 5202

15 Nel caso in cui provenga da un altro paese e il debitore sia in questo Stato membro:

15.1 È possibile rivolgere una richiesta direttamente a tale autorità o organizzazione privata in questo Stato membro?

Gli aventi diritto residenti all'estero possono rivolgersi all'autorità centrale del loro Stato di residenza ai sensi dell'articolo 55 del regolamento UE sulle obbligazioni alimentari, dell'articolo 9 della convenzione dell'Aja del 2007 sulle obbligazioni alimentari o dell'articolo 2, paragrafi 1 e 2, della convenzione delle Nazioni Unite del 1956.

15.2 In caso affermativo, come posso mettermi in contatto con tale autorità o organizzazione privata e quale tipo di assistenza posso ricevere?

Le domande vanno presentate attraverso l'autorità centrale nel paese di residenza, che provvede a inoltrarle all'autorità centrale della Repubblica federale di Germania (cfr. punto 14.2).

16 Questo Stato membro è vincolato al protocollo dell'Aia del 2007?

Sì.

17 Qualora questo Stato membro non sia vincolato dal protocollo dell'Aia del 2007, quale legge sarà applicabile alla domanda di mantenimento in base alle norme di diritto private internazionale? Quali sono le corrispondenti norme di diritto privato internazionale?

Non applicabile.

18 Quali sono le norme sull'accesso alla giustizia nei casi transfrontalieri nell'ambito dell'UE secondo la struttura del Capo V del regolamento sugli alimenti?

Di norma, le tasse previste per i procedimenti in materia di alimenti devono essere corrisposte in anticipo. Nell'ambito di applicazione del regolamento sulle obbligazioni alimentari, il gratuito patrocinio è garantito a norma degli articoli da 44 a 47 del regolamento. L'obbligo di pagare in anticipo non vige in determinate circostanze, in particolare qualora sia concesso il patrocinio a spese dello Stato.

19 Quali sono le misure adottate da questo Stato membro per assicurare il funzionamento delle attività descritte all'articolo 51 del regolamento sugli alimenti?

La Germania ha attribuito all'autorità centrale – l'Ufficio federale di giustizia – i poteri necessari per garantire l'efficacia delle misure descritte all'articolo 51.

Ultimo aggiornamento: 22/06/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.
Gli Stati membri stanno provvedendo ad aggiornare i contenuti delle pagine nazionali di questo sito alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. L'eventuale presenza di contenuti che non riflettono tale uscita non è intenzionale e sarà corretta.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web