Divorzio e separazione legale

Slovacchia
Contenuto fornito da
European Judicial Network
Rete giudiziaria europea (in materia civile e commerciale)

1 Quali sono le condizioni per ottenere il divorzio?

Nella Repubblica slovacca il vincolo matrimoniale può essere sciolto esclusivamente da un giudice.

2 Quali sono le cause del divorzio?

L'autorità giudiziaria può sciogliere un matrimonio su istanza di un coniuge, qualora i rapporti tra i coniugi siano deteriorati in maniera talmente grave e permanente che il matrimonio non può più assolvere la propria funzione e non vi sia motivo di sperare in una riconciliazione dei coniugi.

Il tribunale accerta quali siano state le cause che hanno portato a tale grave deterioramento dei rapporti coniugali e ne tiene conto al fine di prendere una decisione. Quando decide in merito a una domanda di divorzio, il giudice tiene sempre conto degli interessi di eventuali figli minorenni.

3 Quali sono gli effetti giuridici di un divorzio per quanto riguarda:

3.1 i rapporti personali tra coniugi (ad esempio, il cognome)?

Il coniuge che nel contrarre matrimonio ha assunto il cognome dell'altro coniuge può, entro tre mesi dall'entrata in vigore della decisione di divorzio, comunicare all'anagrafe (matričný úrad) che intende riprendere il proprio cognome da nubile/celibe.

Il coniuge che nel contrarre matrimonio ha assunto il cognome dell'altro coniuge e contemporaneamente ha mantenuto, come secondo cognome, il proprio cognome può, entro tre mesi dall'entrata in vigore della decisione di divorzio, comunicare all'anagrafe che non utilizzerà più il cognome dell'ex coniuge.

3.2 la divisione dei beni dei coniugi?

Il divorzio pone fine al regime di comunione dei beni. Le questioni relative alla divisione dei beni sono disciplinate dalle disposizioni dell'articolo 150 del Codice civile. Il regime di comunione dei beni può essere regolato: a) mediante un accordo, b) mediante una decisione giudiziaria, c) alla scadenza del termine impartito.

3.3 i figli minori dei coniugi?

Nella decisione di divorzio dei genitori di un figlio minorenne, il giudice specifica i diritti e gli obblighi dei genitori nei confronti del figlio nel periodo successivo al divorzio, stabilendo, in particolare, a quale genitore sarà affidata la custodia del figlio, chi ne assumerà la tutela e ne amministrerà i beni. Tale decisione sui diritti e sulle responsabilità dei genitori può essere sostituita da un accordo tra gli stessi.

Se i genitori non pervengono a un accordo sui diritti di visita del figlio minorenne, è il giudice a stabilire quali siano tali diritti nella decisione di divorzio. Qualora si renda necessario nell'interesse del bambino, il giudice limita i diritti di visita di un genitore o li vieta.

Inoltre, il giudice stabilisce in che modo il genitore che non ha ottenuto l'affidamento del figlio minore debba contribuire al suo mantenimento; in alternativa, il giudice approva l'accordo dei genitori sull'importo degli alimenti.

3.4 l’obbligo alimentare nei confronti dell’altro coniuge?

Il coniuge divorziato che non sia in grado di provvedere al proprio sostentamento può chiedere all'ex-coniuge di contribuirvi, secondo le possibilità di quest'ultimo. Qualora i coniugi non pervengano a un accordo sull'entità degli alimenti da corrispondere, la decisione relativa al pagamento degli stessi è adottata dall'autorità giudiziaria su richiesta di uno dei coniugi.

4 Cosa significa "separazione legale" in termini pratici?

L'ordinamento giuridico slovacco non prevede la separazione legale.

5 Quali sono le condizioni per la separazione legale?

6 Quali sono gli effetti giuridici della separazione legale?

7 Cosa significa "annullamento del matrimonio" in termini pratici?

Oltre al divorzio, è anche possibile procedere all'annullamento di un matrimonio mediante una decisione giudiziaria. In tale caso, si considera che il matrimonio non sia stato contratto fin dall'inizio (matrimonium nullum). Inoltre, il giudice può dichiarare che il matrimonio non è mai esistito (non matrimonium).

8 Quali sono le cause di annullamento del matrimonio?

a. I motivi per chiedere l'annullamento del matrimonio sono i seguenti:

  • l'esistenza di un matrimonio precedente;
  • l'esistenza di un vincolo di parentela (ascendenti-discendenti diretti, fratelli e sorelle e vincoli creati con l'adozione);
  • difetto di età, quando si tratta di un minore che ha più di 16 anni ma meno di 18;
  • infermità di mente che determini la limitazione dell'esercizio della capacità giuridica;
  • una dichiarazione da cui risulti che il matrimonio non è stato contratto liberamente, in maniera seria, determinata e comprensibile.

Quando un matrimonio viene contratto nonostante l'esistenza di uno dei suddetti impedimenti, si ritiene che esista finché il giudice non emette una decisione di annullamento.

b. Il matrimonio è nullo nei seguenti casi:

  • se è stato contratto con la coercizione;
  • se è stato contratto da un minore di 16 anni;
  • se è stato contratto presso un ufficio dell'anagrafe non competente, tranne che per i casi di cui all'articolo 4, paragrafi 2 e 3, della legge n. 36/2005 sulla famiglia, o se è stato contratto dinanzi a un sindaco o a un membro del consiglio municipale privi della competenza necessaria;
  • se è stato contratto dinanzi ad un'autorità ecclesiastica o presso una comunità religiosa non registrate sulla base delle disposizioni specifiche in materia oppure dinanzi a una persona, appartenente a una chiesa o a una comunità religiosa registrata, ma non autorizzata a svolgere funzioni ecclesiastiche;
  • se è stato contratto all'estero, dinanzi ad un'autorità non designata a tale fine;
  • se a contrarre matrimonio è stato un sostituto senza una procura valida o se la procura è stata revocata, conformemente alla legge sulla famiglia.

9 Quali sono gli effetti giuridici dell’annullamento del matrimonio?

Quando il giudice dichiara l'invalidità di un matrimonio, esso viene considerato come non contratto.

I diritti e i doveri dei coniugi nei confronti dei figli comuni e le loro relazioni patrimoniali a seguito della decisione giudiziaria di annullamento sono regolamentati dalle stesse disposizioni che disciplinano i diritti e i doveri dei coniugi divorziati nei confronti dei figli comuni e le loro relazioni patrimoniali. Quando un matrimonio viene annullato mediante decisione giudiziaria, anche le dichiarazioni dei coniugi in merito al cognome comune non sono più valide e ciascuno dei coniugi deve riassumere il proprio cognome originale.

10 Vi sono procedure alternative stragiudiziali per risolvere questioni relative al divorzio senza adire l’autorità giudiziaria?

Una decisione di divorzio può essere pronunciata solo da un giudice. Per la soluzione delle questioni relative al divorzio occorre fare riferimento alla legge n. 420/2004 sulla mediazione.

11 A quale autorità va presentata una domanda di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio? Quali sono le formalità da rispettare e i documenti da allegare alla domanda?

Le domande di divorzio, di annullamento del matrimonio e di accertamento dell'inesistenza del matrimonio devono essere presentate al tribunale distrettuale (okresný súd).

L'organo giurisdizionale competente a deliberare in materia è il tribunale nella cui area di giurisdizione i coniugi hanno avuto l'ultima residenza comune, purché almeno uno di essi vi risieda. In caso contrario, l'organo giurisdizionale territorialmente competente è il giudice ordinario del coniuge che non ha presentato la domanda. Se non è possibile stabilire in tal modo la competenza, l'organo giurisdizionale competente è il tribunale ordinario del ricorrente.

La domanda deve contenere gli elementi previsti dalla legge n. 160/2015 - codice di procedura civile contenziosa (articolo 127) e dalla legge n. 161/2015 - codice di procedura civile non contenziosa (articoli 25 e 26).

Nella domanda, debitamente firmata e datata, deve essere indicato chiaramente il giudice cui ci si rivolge, le generalità del richiedente, l'oggetto della domanda e il fine perseguito. Essa deve essere firmata e deve inoltre indicare le parti ed eventualmente i loro rappresentanti, una descrizione fedele ed esaustiva dei fatti salienti nonché le prove corrispondenti e deve esporre chiaramente l'obiettivo perseguito dal ricorrente. Il ricorrente è tenuto ad allegare alla domanda le prove documentali cui fa riferimento.

12 Posso ottenere il patrocinio a spese dello Stato a copertura dei costi del procedimento?

Il patrocinio gratuito a spese dello Stato è disciplinato dalla legge n. 327/2005 sul patrocinio gratuito a spese dello Stato agli indigenti.

La procedura di divorzio comporta spese giudiziarie. Le parti possono chiedere di essere esentate da tali spese.

Su richiesta il giudice può concedere a una parte l'esenzione totale o parziale dalle spese giudiziarie se la situazione lo giustifica e se tale azione non costituisce la rivendicazione o la difesa di un diritto arbitrario o manifestamente destinata a fallire. Salvo decisione contraria del giudice, l'esenzione riguarda l'integralità della procedura e ha effetto retroattivo. le spese pagate prima della decisione di esenzione non sono tuttavia rimborsate.

13 È possibile ricorrere in appello contro una decisione relativa alla pronuncia di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio?

Si può ricorrere in appello entro 15 giorni dalla notifica della decisione giudiziaria.

14 Che cosa occorre fare per ottenere il riconoscimento in questo Stato membro, di una decisione di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio pronunciata da un’autorità giudiziaria di un altro Stato membro?

Occorre presentare una domanda per ottenere il riconoscimento della decisione. Il tribunale competente territorialmente e nel merito è il tribunale regionale (Krajský súd) di Bratislava.

Le decisioni definitive in materia matrimoniale emanate dopo il 1° maggio 2004 in altri Stati membri (con l'esclusione della Danimarca) vengono riconosciute conformemente al regolamento (CE) n. 2201/2003 del Consiglio, del 27 novembre 2003, relativo alla competenza, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, che abroga il regolamento (CE) n. 1347/2000. Non è richiesta alcuna procedura particolare per il riconoscimento delle decisioni e, soprattutto, non è richiesta alcuna procedura particolare per modificare un'iscrizione all'anagrafe. La persona interessata può tuttavia chiedere che venga emessa una decisione speciale sul riconoscimento di una decisione giudiziaria di un altro Stato membro in materia matrimoniale. L'organo giurisdizionale competente per il riconoscimento di una decisione estera è il tribunale regionale di Bratislava.

Nel caso di una decisione emessa in Danimarca oppure in uno Stato membro prima del 1º maggio 2004, occorre presentare una domanda per il riconoscimento della decisione di un giudice straniero in materia matrimoniale se almeno una delle parti in causa è cittadina slovacca. Tale procedimento è avviato sulla base della domanda, che può essere presentata da una persona designata come parte nella decisione del giudice di un altro Stato membro. L'organo giurisdizionale competente per il riconoscimento di una decisione estera è il tribunale regionale di Bratislava.

15 Qual è il giudice competente per l'opposizione al riconoscimento di una decisione relativa alla pronuncia di divorzio/separazione legale/annullamento di matrimonio pronunciata in un altro Stato membro? Quali procedure si applicano in questi casi?

È possibile impugnare una decisione relativa al riconoscimento o al mancato riconoscimento di una decisione pronunciata in un altro Stato membro. L'impugnazione deve essere presentata al tribunale regionale di Bratislava e a decidere nel merito è la Corte suprema (Najvyšší súd).

16 Qual è la legge applicabile da parte del giudice nel quadro di una procedura di divorzio tra coniugi che non vivono in questo Stato membro o che sono di nazionalità diversa?

Lo scioglimento del matrimonio mediante divorzio è disciplinato dal diritto applicabile dello Stato di cui erano cittadini i coniugi all'epoca in cui è stato avviato il procedimento. Qualora i coniugi non abbiano la stessa cittadinanza, il divorzio è disciplinato dal diritto slovacco.

Ultimo aggiornamento: 12/05/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.
Gli Stati membri stanno provvedendo ad aggiornare i contenuti delle pagine nazionali di questo sito alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. L'eventuale presenza di contenuti che non riflettono tale uscita non è intenzionale e sarà corretta.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web