Assumere prove mediante videoconferenza

Slovenia
Contenuto fornito da
European Judicial Network
Rete giudiziaria europea (in materia civile e commerciale)

1 È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente? In caso affermativo, quali sono le procedure o leggi nazionali applicabili?

È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un’autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente. L’articolo 114 bis della Zakon o pravdnem postopk (di seguito ZPP, legge in materia di procedura civile) si applica a tutte le cause civili e commerciali. In base a tale articolo, l’autorità giudiziaria, con il consenso delle parti, permette alle parti stesse e ai loro rappresentanti di trovarsi altrove durante l’audizione e di condurre da lì gli atti della procedura, purché la trasmissione audiovisiva sia garantita dal luogo in cui si tiene l’audizione verso il luogo o i luoghi in cui si trovano le parti e i loro rappresentanti, e viceversa (videoconferenza). A queste condizioni, il giudice può anche decidere di assumere le prove sentendo le parti e i testimoni, e assumendo le prove dai consulenti tecnici.

2 Vi sono restrizioni relative alla categoria di persone che possono essere sentite in videoconferenza? Ad esempio, possono essere interrogati solo testimoni o anche altre persone, quali esperti o parti in causa?

Possono essere sentiti in videoconferenza testimoni e parti in causa; è altresì possibile l’assunzione di prove da consulenti tecnici con questo mezzo. Le parti e i loro rappresentanti (per esempio, avvocati) possono svolgere tutti gli atti della procedura tramite videoconferenza.

3 Quali sono le eventuali restrizioni sul tipo di prove che possono essere acquisite tramite videoconferenza?

In linea di principio, le parti e i loro legali rappresentanti possono svolgere tutti gli atti della procedura in modalità remota. La ZPP limita i mezzi di prova che è possibile acquisire mediante videoconferenza a quelli indicati, in modo esaustivo, nella legge medesima (audizione di parti e testimoni, assunzione di prove presentate da consulenti tecnici). Non è possibile, pertanto, acquisire tramite videoconferenza mezzi di prova derivanti da sopralluogo, o di tipo documentale.

4 Esistono restrizioni circa il luogo in cui la persona dev’essere sentita in videoconferenza? Deve trattarsi di un tribunale?

In linea di principio, le parti e i loro legali rappresentanti possono svolgere tutti gli atti della procedura in modalità remota. Non vi sono restrizioni circa il luogo in cui possa trovarsi l’altra parte, al di fuori del tribunale.

5 È consentito registrare le audizioni mediante videoconferenza? In caso affermativo, è disponibile l’apposita apparecchiatura?

L’articolo 125 bis della ZPP determina la base giuridica per la registrazione audiovisiva delle audizioni. Ai sensi di tale articolo, il presidente del collegio giudicante può disporre la registrazione audiovisiva dell’audizione. In altre parole, è a discrezione del presidente del collegio giudicante decidere se procedere alla registrazione audiovisiva dell’audizione. Ai sensi dell’articolo 114 bis, una parte non può richiedere che l’autorità giudiziaria autorizzi la videoconferenza. L’autorità giudiziaria può prendere l’iniziativa di condurre una videoconferenza, ma deve ottenere l’approvazione delle parti. L’autorità giudiziaria deve adottare la decisione circa l’utilizzo della videoconferenza entro un termine ragionevole prima dell’inizio dell’audizione prevista, tenendo conto del tempo richiesto per i preparativi tecnici e per assicurare che le parti siano previamente informate della necessità o meno di recarsi in aula.

Dal 2011 almeno un’aula di tribunale presso ciascuna autorità giudiziaria distrettuale (11 sedi) in Slovenia dispone delle apparecchiature necessarie alla videoconferenza e alla registrazione di tali collegamenti. È possibile registrare esclusivamente l’audio o il video oppure procedere alla registrazione di entrambi contemporaneamente. Sono disponibili anche tre apparecchiature mobili per la videoconferenza che i giudici possono utilizzare presso i tribunali locali o di altro tipo. Dal momento che una videoconferenza viene organizzata attraverso un punto accessibile a livello centrale, ogni videoconferenza può essere registrata su ordine di un giudice.

6 In quale lingua devono essere svolte le audizioni a) in caso di richieste presentate ai sensi degli articoli 10, 11 e 12 e b) in caso di assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

Ai sensi degli articoli da 10 a 12 del regolamento, l’autorità giudiziaria richiesta può condurre l’audizione nella lingua utilizzata ufficialmente dall’autorità stessa (in sloveno e nelle lingue delle comunità nazionali utilizzate ufficialmente dalle autorità giudiziarie presenti nelle aree di tali comunità, vale a dire in italiano o ungherese) e, ove necessario, ricorrendo alla traduzione nella lingua compresa da una delle parti o altro partecipante al procedimento, se da loro suggerito o laddove l’autorità giudiziaria constati che la parte o un altro partecipante al procedimento non comprende lo sloveno.

Ai sensi dell’articolo 17 del regolamento, l’audizione è svolta direttamente dall’autorità giudiziaria richiedente. In tal caso, l’audizione può essere condotta in una lingua straniera, purché sia fornita un’idonea traduzione nella lingua compresa dalla parte o dagli altri partecipanti al procedimento.

7 A chi spetta la responsabilità di procurare gli interpreti, in caso di necessità, in entrambi i tipi di audizione? In quale luogo devono operare gli interpreti?

Se si ricorre a interpreti, la responsabilità di procurare questo servizio spetta all’autorità giudiziaria richiesta o all’autorità giudiziaria richiedente (a seconda dell’accordo in essere tra le due autorità). Inoltre, gli interpreti possono operare nella sede dell’autorità giudiziaria richiesta, dell’autorità giudiziaria richiedente o altrove.

Nella prassi, gli interpreti operano presso i soggetti che richiedono l’interpretariato e pertanto presso la sede dell’autorità giudiziaria richiesta, se l’autorità giudiziaria richiedente sta conducendo l’audizione nella propria lingua ai sensi dell’articolo 17 del regolamento, o presso la sede dell’autorità giudiziaria richiedente, se l’autorità giudiziaria richiesta sta conducendo l’audizione ai sensi degli articoli da 10 a 12 del regolamento.

8 Quali procedure si applicano alle intese relative alle audizioni e per quanto riguarda l’obbligo di notificare alle persone da sentire la data e il luogo del procedimento? Al momento di fissare la data dell’audizione, quanto tempo occorre prevedere affinché la persona da sentire possa essere informata con sufficiente anticipo?

Il soggetto da sentire deve essere personalmente convocato presso l’autorità giudiziaria mediante citazione scritta. La citazione deve indicare, tra le altre cose, la data e il luogo dell’audizione. Alcuni testimoni possono essere sentiti presso la rispettiva residenza, per motivi di età, infermità o grave disabilità fisica. La ZPP non specifica con quanto preavviso deve avvenire la convocazione dei testimoni, ma le parti devono disporre di almeno quindici giorni dalla ricezione della citazione per prepararsi all’audizione. Questo termine non si applica se la parte è convocata come testimone.

9 Quali sono i costi collegati all’uso della videoconferenza e quali le modalità di pagamento?

Ai sensi dell’articolo 153 ZPP, una parte che richiede l’assunzione delle prove deposita l’importo per coprire le spese sostenute nell’assunzione delle prove stesse. Se l’assunzione delle prove è proposta da entrambe le parti, l’autorità giudiziaria può decidere che entrambe le parti depositino parti uguali dell’importo. I costi sono rimborsati in base al risultato della questione.

Nella Repubblica di Slovenia l’uso della videoconferenza è gratuito.

10 Quali sono gli eventuali requisiti applicabili per garantire che la persona sentita direttamente dall’autorità giudiziaria richiedente sia a conoscenza del fatto che l’assunzione delle prove viene eseguita su base volontaria?

La ZPP non stabilisce ulteriori requisiti.

11 Quali procedure si applicano per verificare l’identità della persona da sentire?

Prima dell’audizione viene richiesto ai testimoni di dichiarare nome, cognome, nome del proprio padre, professione, indirizzo, luogo di nascita, età e rapporto con le parti (articolo 238, paragrafo 3, ZPP).

12 Quali requisiti si applicano alla prestazione di giuramenti e quali informazioni deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente quando è richiesto un giuramento durante l’assunzione diretta di prove ai sensi dell’articolo 17?

La ZPP non prevede la necessità di prestare giuramento. Conformemente all’articolo 238, l’autorità giudiziaria ricorda ai testimoni, prima dell’inizio dell’audizione, che sono tenuti a dire la verità e a non nascondere alcuna informazione. Successivamente vengono informati delle conseguenze della resa di false dichiarazioni.

13 Quali sono le disposizioni in vigore per garantire che nel luogo in cui si svolge la videoconferenza vi sia una persona da contattare a cui l’autorità giudiziaria richiedente possa rivolgersi il giorno dell’audizione per mettere in funzione le apparecchiature di videoconferenza e per risolvere eventuali problemi tecnici?

La ZPP non prevede alcuna disposizione in tal senso.

Nella prassi, almeno una settimana prima di una videoconferenza, viene testata la connessione per verificare che funzioni e sia di qualità soddisfacente nonché per porre rimedio a eventuali carenze riscontrate. Ciò garantisce al tecnico presente durante l’audizione di poter gestire le apparecchiature per la videoconferenza senza difficoltà, poiché le verifiche si sono già svolte in precedenza. Le autorità giudiziarie, o nella richiesta in questione o successivamente, scambiano informazioni di contatto delle persone che saranno responsabili per gli aspetti tecnici della videoconferenza.

14 Quali eventuali informazioni aggiuntive deve fornire l’autorità giudiziaria richiedente?

La ZPP non prevede alcuna disposizione in tal senso.

In pratica, l’autorità giudiziaria richiedente invia all’autorità giudiziaria richiesta, unitamente alla richiesta, un modulo con tutte le informazioni tecniche sul sistema di videoconferenza e i recapiti del consulente tecnico che sarà responsabile per gli aspetti tecnici della videoconferenza. Entrambe le autorità giudiziarie hanno bisogno di informazioni sui sistemi di videoconferenza, sul tipo di connessione (ISDN, IP), la velocità di connessione, l’indirizzo (numero di telefono), la lingua da utilizzare per i test, la data e l’ora dei test, qualsiasi differenza di fuso-orario e le informazioni di contatto del tecnico responsabile delle questioni tecniche.

Ultimo aggiornamento: 16/03/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web