Trova un esperto

I. Elenchi e registri di esperti

Ai sensi della legge estone sull'esame forense, un esperto è una persona che fornisce una consulenza come legale oppure in materia non giuridica nei casi in cui ciò sia consentito dalla legge. Taluni esperti sono assunti da istituzioni statali ("esperti forensi"), altri sono iscritti nell'elenco di un'istituzione di esperti.

In Estonia vi sono elenchi ufficiali di esperti. Tali elenchi sono accessibili a chiunque. Gli elenchi possono essere scaricati o letti a questo indirizzoa questo indirizzo.

L'istituto estone di scienza forense (EFSI), un laboratorio forense statale, è competente per il continuo aggiornamento di tali elenchi. Una persona che soddisfa i requisiti di cui all'articolo 6, primo comma, punti da 1) a 3), e secondo comma, punti 1) e 2), della legge sull'esame forense deve essere iscritta nel secondo elenco di cui sopra.

II. Qualifiche degli esperti

I requisiti minimi per il riconoscimento dello status di esperto forense si basano sulla legge sull'esame in materia forense. La competenza degli esperti forensi viene acquisita attraverso la formazione.

La formazione di esperti di medicina legale è fornita presso l'Università di Tartu nel contesto del percorso di studi quadriennale di medicina legale in sede. Gli studenti in sede acquisiscono competenze professionali presso l'EFSI che costituisce una delle sedi di formazione dell'Università di Tartu.

Non esiste un istituto di istruzione per la formazione di esperti forensi negli altri settori della scienza forense in Estonia. Gli esperti sono formati presso l'EFSI sotto la guida di professionisti esperti. Nella maggior parte dei casi, la formazione dura 2 anni. Il piano di formazione include argomenti generali e più specifici e il piano mira a consentire all'esperto di acquisire competenze professionali. Il piano di formazione è preparato sulla base delle caratteristiche specifiche di ciascun tipo di consulenza, tenendo conto anche del percorso di studi professionali e della precedente esperienza lavorativa dell'esperto in formazione.

Se un dipendente soddisfa i requisiti stabiliti per rivestire il ruolo di esperto forense di cui alla legge sull'esame forense, ha completato la formazione e ha acquisito un'esperienza sufficiente per fornire pareri indipendenti, gli viene riconosciuto lo status di esperto forense. Una persona può iniziare a lavorare come esperto forense dopo aver prestato il corrispondente giuramento previsto dalla legge sull'esame forense.

III. Remunerazione degli esperti

Il finanziamento degli esami è descritto nella legge sull'esame forense, capo 5. La conduzione di esami presso un istituto forense statale è finanziata dal bilancio statale annuale. I diritti riscossi per gli esami sono stabiliti nella legge sull'esame forense, articolo 26.

Non esiste un metodo specifico per la remunerazione degli esperti. Nella maggior parte dei casi, gli esperti sono tenuti a fornire un preventivo prima di essere nominati. Il diritto processuale prevede anche il rimborso delle spese dell'esperto.

I costi degli esami comprendono la totalità delle spese sostenute nel contesto dell'esame, comprese quelle sorte a causa del coinvolgimento di esperti o istituzioni che operano in subappalto. I costi di interventi stragiudiziali degli esperti possono essere inclusi nelle spese di giudizio.

Gli esperti possono ricevere un anticipo sui costi.

IV. Responsabilità degli esperti

Gli esperti devono informare qualsiasi parte coinvolta nel procedimento in merito all'avvio dell'esame. L'erogazione intenzionale di un parere falso da parte di un esperto è un reato ai sensi dell'articolo 321 del codice penale.

Gli esperti sono ritenuti responsabili ai sensi del contratto generale e della legge in materia di responsabilità civile. Inoltre, esiste una disposizione specifica del diritto penale che tratta la responsabilità degli esperti: false accuse: 1) la formulazione di accuse intenzionalmente false relative alla commissione di un reato da parte di un'altra persona è punibile con una pena pecuniaria o con una pena detentiva fino a un anno; 2) il medesimo atto, se implica la creazione fraudolenta di prove, è punibile con una pena pecuniaria o una pena detentiva fino a cinque anni.

Gli esperti non sono tenuti a munirsi di una copertura assicurativa per la loro responsabilità civile professionale.

V. Informazioni aggiuntive sui procedimenti giudiziari che coinvolgono esperti

Le disposizioni giuridiche concernenti l'intervento di esperti in Estonia sono disponibili presso le seguenti fonti:

Non vi sono differenze nella nomina di esperti nel contesto di procedimenti civili o amministrativi. Nei procedimenti penali, un esperto forense viene nominato su richiesta presentata all'EFSI di assistenza al pubblico ministero e all'organo giurisdizionale, se necessario.

Il titolo di esperto non è protetto in Estonia. Oltre il 70 % delle controversie penali, il 30 % dei procedimenti civili e il 10 % dei procedimenti amministrativi coinvolgono esperti.

V.1 Nomina di esperti

Gli esperti possono essere nominati dall'organo giurisdizionale e, in alcuni casi, anche dalle parti. È possibile nominare esperti anche ai fini di procedimenti preliminari o istruttori. Non vi è alcun obbligo di nominare un esperto iscritto in uno degli elenchi. Nei procedimenti penali durante la fase preliminare, un esperto può essere nominato dalla polizia (autorità incaricata dell'indagine) o da un pubblico ministero.

Se le parti non nominano un esperto o se non raggiungono un accordo su chi nominare oppure nel caso in cui vi sia una relazione di un esperto prodotta prima del dibattimento, l'organo giurisdizionale può nominare un esperto. Nei contenziosi in materia civile, le parti devono versare un deposito per i costi della consulenza prima della nomina dell'esperto. Le parti possono presentare le loro proposte in merito alla persona da nominare come esperto, tuttavia tali proposte non sono vincolanti per l'organo giurisdizionale.

Non vi sono differenze significative per quanto concerne la nomina di un esperto da parte dei diversi organi giurisdizionali e nei diversi settori della giustizia.

Gli esperti nominati da organi giurisdizionali sono tenuti per legge a segnalare qualsiasi conflitto di interessi.

V.2 Procedura

Procedura civile

Esiste un requisito generale che prevede che gli esperti svolgano il loro lavoro in maniera esaustiva, completa e oggettiva e garantiscano che i pareri formulati siano scientificamente validi. Ciò è applicabile per tutti i tipi di procedimenti giudiziari.

Le parti possono impugnare la relazione di un esperto mediante dichiarazioni o fornendo un controparere.

L'organo giurisdizionale non è vincolato dal parere formulato dall'esperto. L'organo giurisdizionale può seguire il parere dell'esperto anche se una delle parti ha contestato tale parere durante il dibattimento.

Anche in questo caso, dato che la relazione di un esperto costituisce soltanto una prova tra le altre, l'organo giurisdizionale considererà il valore probatorio del parere di un esperto in relazione ad altre prove.

Non esiste una procedura secondo la quale gli esperti si incontrano prima del processo o vengono sottoposti a un esame in contradditorio.

Un esperto può entrare in contatto con le parti durante il procedimento giudiziario qualora necessiti di maggiori informazioni.

1. Relazione dell'esperto

In Estonia le relazioni di esperti possono essere presentate per iscritto e talvolta per via orale. Fatta eccezione per i procedimenti penali, l'esperto non deve seguire una struttura specifica nel fornire la propria relazione.

L'esperto è tenuto ad affrontare le argomentazioni delle parti nella relazione finale. Se le parti richiedono una relazione aggiuntiva in ragione di problemi riscontrati nella relazione originaria, un organo giurisdizionale può ordinare la redazione di una relazione aggiuntiva. In caso di ambiguità, contraddizione o insufficienza di un parere di un esperto che non possa essere risolta mediante ulteriori domande, l'organo giurisdizionale ha il diritto di ordinare un altro esame. Il riesame viene effettuato dal medesimo esperto o da un altro esperto.

2. Udienza

Gli esperti non partecipano ad un'udienza preliminare ma sono invitati alle udienze al fine di rispondere alle domande formulate dall'organo giurisdizionale o dalle parti. È prassi comune che gli esperti vengano esaminati in contradditorio. Gli esperti possono essere esaminati tramite una conferenza telefonica qualora le parti concordino a procedere in tal senso prima dell'udienza.

 

Le informazioni qui presentate sono state raccolte durante l'attuazione del progetto "Find an expert" (Trovare un esperto) da contatti per paese selezionati dallo European Expertise & Experts Institute (EEEI, Istituto europeo della perizia e del perito).

Ultimo aggiornamento: 22/09/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web