La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti.
Swipe to change

Spese di giudizio per l’ingiunzione di pagamento europea

Croazia

Contenuto fornito da
Croazia

Introduzione

Quali spese si devono pagare?

Quanto dovrò pagare?

Cosa succede se non pago le spese di giudizio per tempo?

Come posso pagare?

Cosa devo fare dopo il pagamento?

Introduzione

Nella Repubblica di Croazia le spese processuali sono disciplinate dalla legge sulle spese di giudizio, pubblicata nella Narodne novine (Gazzetta ufficiale della Repubblica di Croazia, di seguito "NN") nn. 74/1995, 57/1996, 137/2002, 125/2011, 112/2012 e 157/2013, che contiene il tariffario delle spese di giudizio.

Ai sensi dell'articolo 6 della legge sulle spese di giudizio, i diritti previsti dal relativo tariffario devono essere versati in forma di marche da bollo emesse dalla Repubblica di Croazia; possono essere pagati in contanti soltanto se la somma dovuta eccede l'importo di 100 HRK.

Quali spese si devono pagare?

Le spese di giudizio sono dovute per tutti i procedimenti giudiziari civili e ai sensi dell'articolo 16 della legge sulle spese di giudizio. Sono esentati dal pagamento:

  1. la Repubblica di Croazia e i suoi organi governativi;
  2. le persone e gli enti che fungono da pubbliche autorità nell'esercizio di tali poteri;
  3. i lavoratori e i dipendenti nelle cause di lavoro e i funzionari nelle cause amministrative relative all'esercizio dei loro diritti derivanti da rapporti ufficiali;
  4. i lavoratori nelle cause amministrative conseguenti a un accordo prefallimentare;
  5. gli invalidi della guerra di indipendenza croata, sulla base di idonea documentazione attestante il loro status;
  6. i coniugi, i figli e i genitori di soldati uccisi, dispersi o imprigionati durante la guerra di indipendenza croata, sulla base di idonea documentazione attestante il loro status;
  7. i coniugi, i figli e i genitori delle persone uccise, disperse o imprigionate durante la guerra di indipendenza croata, sulla base di idonea documentazione attestante il loro status;
  8. i rifugiati, gli sfollati e i rimpatriati, sulla base di idonea documentazione attestante il loro status;
  9. i beneficiari di assistenza sociale che ricevono assegni di sussistenza;
  10. le organizzazioni umanitarie e quelle che si occupano della protezione delle persone disabili e delle famiglie delle persone uccise, disperse o imprigionate nello svolgimento di attività umanitarie;
  11. i minori che sono parti di procedimenti in materia di mantenimento o di procedimenti relativi a richieste avanzate sulla base del diritto di mantenimento;
  12. gli attori in cause per il riconoscimento della maternità e paternità e relative ai costi sostenuti per gravidanze e parti al di fuori del matrimonio;
  13. le parti nei procedimenti per il ripristino della capacità giuridica;
  14. i minori che, essendo diventati genitori, chiedono l'autorizzazione ad acquisire la capacità giuridica;
  15. le parti nei procedimenti di affido di minori e per l'attuazione di decisioni sui diritti di visita dei minori;
  16. gli attori in cause relative ai diritti connessi all'assicurazione pensionistica e sanitaria di base obbligatorie, ai diritti dei disoccupati previsti dalle norme sul lavoro e ai diritti sociali e previdenziali;
  17. gli attori, ossia i richiedenti, in procedimenti volti a tutelare le libertà e i diritti umani costituzionalmente garantiti da atti individuali finali o per la tutela da un'azione illecita;
  18. gli attori in controversie relative al risarcimento di danni causati dall'inquinamento ambientale;
  19. i sindacati e le organizzazioni sindacali nei procedimenti civili relativi all'autorizzazione giudiziaria per lo spostamento di un dipendente ad altre mansioni e nelle vertenze sindacali collettive, nonché i rappresentanti sindacali in procedimenti civili nell'esercizio dei poteri attribuiti al consiglio di fabbrica.

Gli Stati esteri sono esentati dal pagamento delle spese di giudizio se previsto da trattati internazionali o in regime di reciprocità.

In caso di dubbi sulle condizioni descritte al paragrafo 2 del presente articolo, l'organo giurisdizionale chiede chiarimenti al ministero della Giustizia.

Le disposizioni del paragrafo 1, punto 10, del presente articolo si applicano alle organizzazioni umanitarie individuate dal ministro responsabile della previdenza sociale.

Le disposizioni di cui al paragrafo 1 del presente articolo non si applicano agli enti delle amministrazioni municipali e cittadine, tranne nei casi in cui tali enti esercitano poteri pubblici in forza di leggi speciali.

Per quanto riguarda i procedimenti relativi a ingiunzioni di pagamento europee sono dovuti i seguenti diritti:

  • nei procedimenti relativi a proposte di ingiunzioni di pagamento europee: i diritti sono a carico degli attori;
  • nei procedimenti relativi a decisioni di ingiunzioni di pagamento europee: i diritti sono a carico degli attori;
  • nei ricorsi contro un'ingiunzione di pagamento europea: i diritti sono a carico dei convenuti.

In caso di contenzioso:

  • per il primo grado di giudizio: i diritti sono a carico degli attori;
  • per il secondo grado di giudizio: i diritti sono a carico dei ricorrenti;
  • per la comparsa di risposta: i diritti sono a carico dell'istante (la risposta è un atto facoltativo);
  • mezzo d'impugnazione straordinario: è ammesso presentare istanza di revisione della decisione del giudice di secondo grado se il valore della controversia eccede l'importo di 200 000,00 HRK;
  • le spese di giudizio sono a carico del soggetto che presenta istanza di revisione e del soggetto che risponde alla revisione (la risposta è un atto facoltativo).

Quanto dovrò pagare?

II. Nei procedimenti relativi a proposte di ingiunzioni di pagamento europee e a decisioni di ingiunzioni di pagamento europee, nonché per le comparse di risposta e le revisioni è dovuto un importo pari alla metà dei diritti indicati al punto I.

III. Nei procedimenti relativi a ricorsi avverso una sentenza o una revisione è dovuto un importo pari al doppio dei diritti indicati al punto I.

IV. Non sono previste spese di giudizio se durante un procedimento è raggiunta una composizione giudiziaria.

Cosa succede se non pago le spese di giudizio per tempo?

Le spese di giudizio sono riscosse mediante esecuzione forzata e, se non sono versate immediatamente, è prevista l'applicazione di una sovrattassa pari a 100,00 HRK.

Ai sensi dell'articolo 39 della legge sulle spese di giudizio, l'organo giurisdizionale deve innanzi tutto comunicare alla parte interessata l'obbligo di pagare la somma dovuta entro tre giorni; successivamente, in caso di mancato adempimento, adotta una decisione riguardante le spese di giudizio con l'applicazione della sovrattassa di 100 HRK.

Come posso pagare?

I diritti di cancelleria di importo superiore a 100 HRK devono essere versati alle casse statali tramite qualsiasi banca o ufficio postale sul conto del Bilancio nazionale della Repubblica di Croazia.

Per il versamento dei diritti dall'estero devono essere comunicate anche le seguenti informazioni:

SWIFT: NBHRHR2X

IBAN: HR1210010051863000160

Conto corrente:1001005-1863000160

Modulo: HR64

Numero di riferimento: 5045-20735-Numero di identificazione personale (o altro numero identificativo di chi effettua il pagamento).

Beneficiario: ministero delle Finanze della Repubblica di Croazia, per conto della Corte commerciale di Zagabria.

Nella causale del versamento occorre indicare il numero della causa per la quale sono pagati i diritti di cancelleria (numero del fascicolo e descrizione del pagamento, ad esempio spese giudiziarie per una proposta di emissione di un'ingiunzione di pagamento europea).

Cosa devo fare dopo il pagamento?

Dopo aver effettuato il pagamento occorre inviare la ricevuta dello stesso all'organo giurisdizionale che conduce il procedimento per cui sono stati versati i diritti di cancelleria, unitamente all'indicazione del numero della causa in discussione (se tale numero è noto); se è stata presentata una domanda di emissione di un'ingiunzione di pagamento europea, alla domanda deve essere allegata la ricevuta del pagamento bancario.

Di norma le parti trasmettono la documentazione all'organo giurisdizionale mediante posta (raccomandata o pacco ordinario).

I. Per le istanze, le domande riconvenzionali, le sentenze e le opposizioni a ingiunzioni di pagamento, le spese previste sono proporzionali al valore della causa (determinato in base all'importo della domanda principale, senza interessi e spese) nelle seguenti modalità:

Da

A HRK

HRK

0,00

3 000,00

100,00

3 000,00

6 000,00

200,00

6 000,00

9 000,00

300,00

9 000,00

12 000,00

400,00

12 000,00

15 000,00

500,00

Per le cause di valore superiore a 15 000,00 HRK sono dovuti diritti di cancelleria pari a 500,00 HRK; sulla differenza eccedente l'importo di 15 000,000 HRK sono dovuti diritti di cancelleria in misura pari all'1%, fino a un massimo di 5 000,00 HRK.

Ultimo aggiornamento: 08/12/2015

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web