Responsabilità genitoriale - diritti di affidamento e visita dei figli

Rootsi
Sisu koostaja:
European Judicial Network
Euroopa õigusalase koostöö võrgustik (tsiviil- ja kaubandusasjades)

1 Qual é il significato nella pratica della nozione di "potestà genitoriale"? Quali sono i diritti e i doveri del titolare della potestà genitoriale?

La "responsabilità genitoriale" riguarda, tra le altre cose, i diritti e gli obblighi relativi al prendersi cura della persona fisica e dei beni di un figlio e comprende le questioni relative al suo affidamento e al luogo nel quale deve vivere, ai contatti con il figlio e alla sua tutela.

L'affidamento fa riferimento alla responsabilità legale in relazione alla persona fisica del minore. La persona affidataria ha il diritto e l'obbligo di prendere decisioni in merito a questioni personali in relazione al minore, ad esempio il luogo nel quale deve vivere e la scuola che deve frequentare. La persona affidataria è tenuta a garantire che le esigenze del minore in termini di assistenza, sicurezza e buona educazione siano soddisfatte. La persona affidataria del minore è altresì tenuta a garantire che il minore riceva la supervisione necessaria in considerazione della sua età, del suo sviluppo e di altre circostanze e deve altresì monitorare se il minore sta ricevendo o meno un sostegno e un'educazione soddisfacenti. Man mano che il minore cresce e si sviluppa, la persona affidataria dello stesso deve tener conto sempre più delle opinioni e dei desideri del minore.

2 Come regola generale, chi ha la potestà genitoriale sul figlio minore?

Solitamente la persona affidataria è costituita dai genitori del minore o da uno di loro. Se i genitori del minore sono sposati tra loro al momento della nascita del figlio, a entrambi i genitori spetta automaticamente la responsabilità genitoriale condivisa per il figlio. Se i genitori si sposano soltanto più tardi, acquisiscono congiuntamente la responsabilità genitoriale attraverso il matrimonio. Se i genitori di un minore non sono sposati tra loro al momento della sua nascita, la responsabilità genitoriale spetta alla madre. Tuttavia, i genitori possono ottenere facilmente l'esercizio congiunto della responsabilità genitoriale tramite una registrazione. Inoltre, il padre può rivolgersi a un organo giurisdizionale per ottenere l'esercizio condiviso o esclusivo della responsabilità genitoriale nei confronti del figlio.

3 Se i genitori sono incapaci o non desiderano esercitare la potestà genitoriale, un’altra persona può essere nominata al loro posto?

In taluni casi la responsabilità genitoriale di un minore può essere trasferita dai genitori del minore o da uno di essi, a un tutore appositamente nominato. Un trasferimento di questo tipo può essere pertinente se un genitore si rende colpevole di un abuso o di negligenza oppure se non presta altrimenti assistenza al minore e ciò costituisce un rischio permanente per la salute o lo sviluppo del minore. Un trasferimento può altresì rendersi opportuno se a uno o entrambi i genitori viene vietato in maniera permanente l'esercizio della responsabilità genitoriale nei confronti del figlio.

4 Se i genitori divorziano o si separano, le modalità di esercizio della potestà genitoriale come sono regolate per il futuro?

Se i genitori divorziano, la condivisione della responsabilità genitoriale perdura senza che l'organo giurisdizionale debba prendere alcuna decisione in merito, in sede di divorzio. Se uno dei genitori desidera apportare una variazione a tale riguardo deve presentare una domanda per richiedere lo scioglimento della condivisione della responsabilità genitoriale.

Se uno dei genitori desidera apportare una variazione alla responsabilità genitoriale, tale questione può essere risolta da un organo giurisdizionale. Se i genitori sono d'accordo in merito a una tale variazione, essi possono definire la questione tramite un accordo, senza il coinvolgimento di un organo giurisdizionale. Tale accordo, per essere valido, deve essere omologato dalla commissione per i socialnämd (servizi sociali). Lo stesso vale per le questioni quali la decisione del genitore con il quale il figlio dovrebbe vivere e la definizione delle modalità di contatto con l'altro genitore.

5 Se i genitori concludono un accordo sulle modalità di esercizio della potestà genitoriale, quali sono le formalità da rispettare perchè l’accordo sia per loro vincolante?

L'accordo deve essere definito in forma scritta e deve essere firmato da entrambi i genitori. Inoltre, deve essere omologato dalla commissione per i servizi sociali del comune presso il quale il figlio è registrato.

6 Se i genitori non raggiungono un accordo sulle questioni relative all’esercizio della potestà genitoriale, quali sono i mezzi alternativi di soluzione delle controversie?

Il comune ha l'obbligo, attraverso la commissione per i servizi sociali, di offrire ai genitori una mediazione professionale destinata al raggiungimento di un accordo in materia di affidamento, residenza e contatto. La mediazione è volontaria; di conseguenza, per potervi accedere è necessario che entrambi i genitori ne facciano domanda. Se i genitori riescono ad accordarsi in materia di affidamento, residenza e contatto, possono firmare un accordo che, una volta omologato dalla commissione per i servizi sociali avrà il medesimo effetto di una sentenza di un organo giurisdizionale.

Se i genitori adiscono un organo giurisdizionale, quest'ultimo può deferirli a una mediazione da parte della commissione per i servizi sociali, qualora tale mediazione non abbia avuto luogo in precedenza e l'organo giurisdizionale ritenga che vi siano le condizioni per il raggiungimento di soluzioni concordate. Se i genitori hanno partecipato a una mediazione ma non hanno raggiunto un accordo, l'organo giurisdizionale può invece nominare qualcuno che faccia da mediatore tra i genitori. L'organo giurisdizionale ha il dovere generale di sforzarsi a sostegno di soluzioni concordate nei casi in materia di affidamento, residenza e contatto.

7 Se i genitori fanno ricorso all’autorità giudiziaria, su quali questioni relative ai figli il giudice può pronunciarsi?

L'organo giurisdizionale può decidere in materia di:

  • affidamento (esclusivo o condiviso);
  • residenza del figlio (con quale dei genitori deve vivere il figlio oppure se il figlio dovrebbe vivere con ciascun genitore alternativamente); e
  • contatto (il diritto del figlio al contatto con il genitore con il quale non vive).

8 Se il tribunale dispone l’affidamento del minore in via esclusiva ad uno dei coniugi, questo significa che il coniuge affidatario potrà assumere decisioni concernenti il minore senza prima consultare l’altro genitore?

Il genitore che dispone dell'affidamento esclusivo ha il diritto di prendere autonomamente decisioni in merito a questioni personali in relazione al figlio. La persona affidataria non è tenuta a consultare l'altro genitore o a ricevere l'approvazione da quest'ultimo in tali materie. Tuttavia, il minore ha il diritto di avere contatti con l'altro genitore e la persona affidataria ha il dovere di consentire l'esercizio di tale diritto. La persona affidataria è tenuta altresì a fornire all'altro genitore informazioni per facilitare il contatto con il minore.

9 Se il tribunale dispone l’affidamento congiunto del minore, cosa significa questo nella pratica?

L'affidamento condiviso comporta l'adozione congiunta di decisioni da parte dei genitori in merito a questioni personali del figlio. Il punto di partenza è costituito dal fatto che i genitori devono accordarsi su tutte le questioni relative al figlio. Tuttavia, il disaccordo su questioni relative al contatto e alla residenza del figlio può essere deciso da un organo giurisdizionale (cfr. sopra).

10 Qual è il tribunale (o altra autorità) competente a decidere in materia di potestà genitoriale?

In materia di affidamento, residenza o contatto, un genitore può avviare un'azione giuridica dinanzi al tingsrätt (tribunale circoscrizionale) dove il figlio ha il suo domicilio. Qualora non vi sia alcun tribunale circoscrizionale competente, la competenza giurisdizionale spetta al Stockholms tingsrätt (tribunale circoscrizionale di Stoccolma). Le questioni relative all'affidamento, alla residenza e al contatto possono essere affrontate anche nel contesto di un procedimento di divorzio.

Una domanda di citazione deve avere forma scritta e deve essere firmata personalmente dal richiedente o dal suo rappresentante. La domanda deve contenere informazioni sulle parti, una richiesta specifica (ad esempio, descrizione della questione che viene chiesto all'organo giurisdizionale di dirimere), il contesto della richiesta, informazioni sulle prove sulle quali essa si basa e su cosa ogni prova intende dimostrare, nonché informazioni sulle circostanze sulla base delle quali l'organo giurisdizionale è competente. Le prove scritte sulle quali si fonda la richiesta devono essere presentate unitamente alla domanda.

11 Qual è la procedura applicabile in questi casi? Esiste una procedura di urgenza?

Le questioni relative ad affidamento, residenza e contatto sono non discrezionali.

In generale, le questioni relative ad affidamento, residenza e contatto devono essere prese in considerazione tempestivamente. L'organo giurisdizionale può adottare una decisione provvisoria in merito a tali aspetti. Una decisione provvisoria può riguardare ad esempio il luogo presso il quale il minore deve vivere durante lo svolgimento della controversia e applicarsi fino a quando la questione viene decisa mediante una decisione passata in giudicato.

Sebbene non esista una procedura formale speciale per accelerare l'esame di questioni relative ad affidamento, residenza e contatto, viene effettuata una valutazione dell'urgenza della questione nell'ambito di ciascun singolo caso.

12 È possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato per coprire i costi del procedimento?

Nei casi in materia di affidamento, residenza e contatto, la regola generale prevede che ciascuna parte sostenga le proprie spese di giudizio.

Il patrocinio a spese dello Stato può essere concesso se sono soddisfatte le condizioni pertinenti.

13 È possibile proporre appello avverso una decisione sulla potestà genitoriale?

Una sentenza o la decisione di un tribunale circoscrizionale in materia di affidamento, residenza o contatto può essere impugnata dinanzi alla hovrätt (corte d'appello). Tuttavia, affinché la corte d'appello prenda in considerazione tale impugnazione, deve essere stata innanzitutto concessa l'autorizzazione all'impugnazione.

Una sentenza o una decisione della corte d'appello può essere impugnata dinanzi la Högsta domstolen (Corte suprema). Affinché la Corte suprema prenda in considerazione tale impugnazione, deve essere stata innanzitutto concessa l'autorizzazione all'impugnazione.

14 In certi casi potrebbe essere necessario rivolgersi ad un giudice o ad altra autorità per avere una decisione sulla potestà genitoriale da far valere come titolo esecutivo? Quali procedure si applicano in tali casi?

È possibile dare esecuzione a sentenze, decisioni o accordi in materia di affidamento, residenza o contatto. L'esecuzione va richiesta presso il tribunale circoscrizionale del luogo nel quale il minore ha il suo domicilio. Se non esiste un organo giurisdizionale competente, la questione dell'esecuzione viene esaminata dal tribunale circoscrizionale di Stoccolma.

Il tribunale circoscrizionale può decidere in merito a vari provvedimenti. Innanzitutto, tale organo giurisdizionale cercherà di ottenere la consegna volontaria del minore. Qualora ciò non fosse possibile, detto organo potrebbe decidere in ultima analisi di imporre una sanzione pecuniaria condizionale o il prelievo del minore. L'imposizione di una sanzione pecuniaria condizionale fa sì che la persona che si sta prendendo cura del minore possa vedersi infliggere una pena pecuniaria consistente nel pagamento di un importo considerevole qualora non consegni il minore. Il prelievo del minore è un provvedimento molto insolito che viene deciso soltanto se non è possibile risolvere la situazione in altro modo e al fine di evitare che il minore subisca un danno grave. Implica che la polizia prelevi il minore e lo consegni alla persona affidataria.

15 In che modo si deve agire per far riconoscere ed eseguire in questo Stato membro una decisione sulla responsabilità genitoriale emessa dal giudice di un altro Stato membro?

In taluni casi si applica il regolamento Bruxelles II. In Svezia le domande di dichiarazione di esecutività vanno presentate alla Svea hovrätt (Corte d'appello di Svea).

In altri casi, per i paesi che hanno firmato la convenzione europea del 1980 e la convenzione dell'Aia del 1996, si applicano tali convenzioni. Ai sensi della convenzione europea del 1980, le domande di esecuzione vanno presentate al tribunale circoscrizionale nel luogo in cui il minore ha il suo domicilio. Ai sensi della convenzione dell'Aia del 1996, le domande di esecuzione vanno presentate alla Corte d'appello di Svea.

16 A quale giudice di questo Stato membro occorre rivolgersi per opporsi al riconoscimento di una decisione sulla responsabilità genitoriale emessa dal giudice di un altro Stato membro? Quale procedura si applica in questi casi?

Le disposizioni che disciplinano questo aspetto sono contenute nel regolamento Bruxelles II.

È possibile altresì presentare un'opposizione nella quale si sostenga che una decisione non è applicabile o non è esecutiva nei casi in cui possa sollevarsi tale eccezione.

17 A quale diritto deve fare riferimento il giudice in un procedimento relativo alla responsabilità genitoriale, in cui il minore o le parti non risiedono in questo Stato membro oppure hanno cittadinanze diverse?

In linea di principio, si applica la legge del paese nel quale il minore è domiciliato.

Ultimo aggiornamento: 19/07/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Tagasiside

Kasutage allpool esitatud vormi oma märkuste ja tagasiside esitamiseks meie uue veebisaidi kohta