Trasferirsi/soggiornare legalmente all'estero con minori

Francia
Contenuto fornito da
European Judicial Network
Rete giudiziaria europea (in materia civile e commerciale)

1 In quali circostanze un genitore può trasferire lecitamente il minore in un altro Stato senza l'autorizzazione dell'altro genitore?

Nel caso in cui i genitori esercitino la responsabilità genitoriale congiuntamente, ciascuno può viaggiare con il figlio minore senza il consenso espresso dell'altro.

Qualora uno solo dei genitori eserciti la responsabilità genitoriale, non sarà necessario il consenso presunto o espresso dell'altro genitore.

2 In quali circostanze è necessaria l'autorizzazione dell'altro genitore per il trasferimento del minore in un altro Stato?

Viaggi per vacanze

Per opporsi a viaggi all'estero del figlio minore con uno solo dei genitori, l'altro può presentare presso le prefetture un'opposizione ad uscire dal territorio, valevole 15 giorni e/o fare istanza presso il giudice che si occupa di questioni di diritto di famiglia affinché emetta un divieto ad uscire dal territorio senza l'autorizzazione di entrambi i genitori (articolo 373, commi da 2 a 6, del codice civile) valevole fino alla maggiore età del figlio minore o fino a una nuova e diversa decisione. Il provvedimento di divieto di uscire dal territorio senza l'autorizzazione dei due genitori impedisce al minore di lasciare il territorio. I genitori possono tuttavia dare, volta per volta, il loro consenso per un viaggio particolare del figlio minore, da solo o con uno dei genitori, previa dichiarazione rilasciata presso un ufficiale di polizia giudiziaria (effettuata in linea di principio 5 giorni prima del viaggio). Qualora uno dei genitori rifiuti di procedere alla dichiarazione di autorizzazione, l'altro genitore può presentare istanza al giudice per ottenere la revoca del divieto di uscire dal territorio o un'autorizzazione particolare per il minore di uscire dal territorio.

Viaggi per cambio di residenza

Anche in mancanza di opposizione all'uscita dal territorio o di divieto di uscita dal territorio, qualora il viaggio del minore in un altro Stato abbia come finalità il cambio di residenza occorrerà il consenso dell'altro genitore.

Qualora il genitore abbia agito in difetto del consenso dell'altro genitore, sarà possibile presentare domanda di ritorno del minore basata sull'illecito compiuto con un viaggio non autorizzato.

Qualunque sia la natura del viaggio e al di là dei casi specifici di divieto e di opposizione ad uscire dal territorio, occorre rilevare che non si chiede al genitore che lascia il territorio con il figlio minore di provare il consenso espresso dell'altro genitore, poiché questo è presunto rispetto a terzi.

3 Se l'altro genitore non concede l'autorizzazione al trasferimento del minore in un altro Stato, sebbene sia necessario, come si può trasferire lecitamente il minore in un altro Stato?

In caso di rifiuto del genitore di dare il suo consenso al viaggio, allorché esista un divieto di uscire dal territorio senza l'autorizzazione di entrambi i genitori, spetta al genitore che intende viaggiare con il figlio minore presentare istanza al giudice affinché autorizzi il minore a lasciare il territorio.

Inoltre, nel caso in cui il viaggio del figlio minore consista in realtà in un cambio di residenza, il genitore che intende trasferirsi con il figlio minore, in caso di rifiuto dell'altro genitore, deve presentare istanza al giudice che si occupa di questioni di diritto di famiglia competente nel luogo in cui risiede il figlio minore prima di qualsiasi spostamento.

4 Per quanto riguarda il trasferimento temporaneo (ad esempio vacanze, cure mediche ecc.) si applicano le stesse norme del trasferimento definitivo? Se del caso, si prega di fornire i relativi moduli per l'autorizzazione.

Non esistono norme specifiche relativamente al motivo o alla durata del viaggio. Tuttavia, in caso di viaggio per cambiare residenza, il mancato consenso dell'altro genitore avrà come conseguenza la possibilità di attivare le procedure specifiche per il ritorno.

Ultimo aggiornamento: 20/06/2017

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata al rispettivo punto di contatto della Rete giudiziaria europea (RGE). Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea e l'RGE declinano ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.