La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.

Diritti delle vittime per paese

Scozia

Contenuto fornito da
Scozia

Qual è la procedura da seguire per una domanda di risarcimento del danno da parte dell'autore del reato? (ad esempio, procedimento giudiziario, civile, procedura di adesione)

Procedimento giudiziario penale

A. "Condanna al risarcimento"

A norma delle disposizioni degli articoli da 249 a 253 del Criminal Procedure Act (codice di procedura penale) scozzese del 1995, ogni organo giurisdizionale penale scozzese ha il potere, nei casi appropriati, di condannare l'autore del reato a pagare un risarcimento alla vittima del suo reato per qualsiasi lesione, perdita o danno che tale vittima abbia subito a causa di detto reato, senza che sia richiesta un'azione civile separata.

La legge del 1995 non prevede che una vittima possa presentare personalmente una richiesta a un organo giurisdizionale per un ottenere una "condanna al risarcimento"; tuttavia, il Procurator Fiscal (pubblico ministero) può sollevare la questione dinanzi all'organo giurisdizionale, se del caso, e in ogni caso, il pubblico ministero dovrebbe fornire a detto organo informazioni disponibili sull'entità e sul valore di eventuali lesioni, perdite o danni subiti.

Ai sensi della legge vigente, una vittima ha il diritto di citare in giudizio l'autore del reato per danni dinanzi un organo giurisdizionale civile oppure (nel caso in cui abbia subito lesioni fisiche o psichiche) a richiedere una decisione da parte della Criminal Injuries Compensation Authority (CICA, Autorità per il risarcimento dei danni derivanti da reato) (sito in inglese). La condanna al risarcimento dei danni comminata da organi giurisdizionali penali non incide su tali diritti, sebbene qualsiasi decisione a favore della vittima emessa dagli organi giurisdizionali civili o dalla CICA sarà ridotta dell'importo corrisposto ai sensi della "condanna al risarcimento".

Nei procedimenti penali solenni, non vi è alcun limite in relazione all'importo che può essere riconosciuto ai sensi di una "condanna al risarcimento".

In sintesi, nei procedimenti penali si applicano i seguenti limiti:

  • presso lo Sheriff Court (organo giurisdizionale di primo grado), l'importo massimo riconosciuto per ciascun reato è la somma prescritta (10 000 GBP) (tuttavia per i reati commessi a partire dal 28 marzo 2011, nei quali la sanzione pecuniaria massima che può essere inflitta supera la somma prescritta, la condanna massima al risarcimento che può essere inflitta corrisponde all'importo di tale sanzione pecuniaria massima);
  • i giudici di pace possono riconoscere invece un importo massimo per ciascun reato di livello 4 sulla scala standard (2 500 GBP).

Il pagamento di qualsiasi importo ai sensi di una "condanna al risarcimento" avviene a favore del cancelliere dell'organo giurisdizionale, il quale provvederà quindi a trasferire detto importo alla persona avente diritto.

B. "Obbligo di risarcimento" ai sensi di un Community Payback Order (CPO, condanna a un risarcimento socialmente utile)

Quando un imputato viene condannato per un reato, l'organo giurisdizionale può, in determinate circostanze, imporre una condanna a un risarcimento socialmente utile. A norma dell'articolo 227H del codice di procedura penale scozzese del 1995, il pagamento di un risarcimento (unitamente all'obbligo di sorveglianza sull'autore del reato) può essere un requisito previsto dalla condanna a un risarcimento socialmente utile.

Agli "obblighi di risarcimento" si applicano i medesimi limiti per quanto riguarda l'ammontare degli importi riconosciuti a titolo di risarcimento previsti per le "condanne al risarcimento" (di cui sopra).

Il risarcimento può essere versato in un'unica soluzione oppure mediante rate al cancelliere dell'organo giurisdizionale, il quale provvederà quindi a trasferire detto importo alla persona avente diritto. Il risarcimento deve essere pagato interamente entro non oltre 18 mesi dal momento della condanna a un risarcimento socialmente utile oppure entro non oltre due mesi prima della fine del periodo di sorveglianza, a seconda di quale dei due termini scada per primo. Il mancato pagamento da parte dell'autore del reato può costituire una violazione della condanna a un risarcimento socialmente utile.

C. "Offerta di risarcimento" da parte del pubblico ministero

A norma dell'articolo 302A del codice di procedura penale scozzese del 1995, il pubblico ministero può inviare una "offerta di risarcimento" al presunto autore di un reato qualora risulti che sia stato commesso un reato rilevante. Tale "offerta di indennizzo" è una misura diretta efficace per i reati nel contesto dei quali una persona ha subito danni pecuniari, lesioni personali, uno stato di allarme o di angoscia.

Se una "offerta di risarcimento" viene accettata o ritenuta accettata (nel caso in cui l'autore del reato non respinga formalmente l'offerta) non può aver luogo alcuna azione penale e non viene registrata alcuna condanna.

L'importo massimo disponibile come offerta di risarcimento è pari a 5 000 GBP a norma dell'ordinanza (sull'importo massimo) delle condanne di risarcimento del 2008 basata sul codice di procedura penale scozzese del 1995.

Il pagamento di qualsiasi importo ai sensi di una "offerta di risarcimento" avviene a favore del cancelliere dell'organo giurisdizionale, il quale provvederà quindi a trasferire detto importo alla persona avente diritto.

Procedimento giudiziario civile

Ai sensi della legge in vigore, una vittima ha il diritto di citare in giudizio l'autore del reato dinanzi a un organo giurisdizionale civile al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti. Nel caso in cui la vittima decida di avviare un'azione adendo gli organi giurisdizionali civili, esistono diversi procedimenti disciplinati da serie differenti di norme giudiziarie, le quali dipendono altresì dal fatto che tali procedimenti siano avviati dinanzi una Sheriff Court oppure la Court of Session (organo giurisdizionale di grado superiore). Le varie norme sono riportate sul sito web dello Scottish Courts and Tribunals Service (Ufficio dei servizi giudiziari della Scozia) nella sezione "Rules and Practice" (Norme e prassi). (in inglese).

La stesura di qualsiasi atto o istanza e le varie procedure giudiziarie sono piuttosto complesse, di conseguenza, si consiglia di consultare un legale.

Procedura di adesione - non applicabile in Scozia:

si tratta di una procedura attraverso la quale un organo giurisdizionale può decidere in merito al risarcimento a favore della vittima di un reato. Anziché perseguire il risarcimento dei danni tramite un'azione civile separata, la vittima deposita una domanda civile nei confronti dell'autore del reato nel contesto di un procedimento penale. Va osservato che sebbene questo sistema sia disponibile in alcune giurisdizioni di diritto civile, ciò non si applica in Scozia.

La Corte ha condannato l'imputato al risarcimento dei danni/al pagamento di un indennizzo nei miei confronti. Come posso costringere il colpevole a pagare?

Esecuzione del risarcimento previsto in una causa penale

Il pagamento di qualsiasi importo ai sensi di:

  • una "condanna al risarcimento";
  • un "obbligo di risarcimento" ai sensi di una condanna a un risarcimento socialmente utile; oppure di
  • una "offerta di risarcimento" del pubblico ministero,

avviene a favore del cancelliere il quale deve quindi provvedere a trasferire l'importo alla persona avente diritto.

Il pagamento può essere oggetto di esecuzione soltanto da parte dell'organo giurisdizionale e, in nessun caso, l'avente diritto al rimborso deve contattare o tentare di contattare direttamente l'autore del reato o accettare personalmente il pagamento eseguito da quest'ultimo.

Qualora non venga eseguito il pagamento previsto in relazione a una "condanna al risarcimento" o a una "offerta di risarcimento", l'organo giurisdizionale può adottare ulteriori provvedimenti per recuperare l'importo dovuto ricorrendo a una serie di sanzioni, tra le quali:

  • detrazione da ordini di prestazioni;
  • ingiunzioni di pignoramento presso terzi dei guadagni;
  • ingiunzioni di pignoramento presso terzi di fondi; nonché
  • ingiunzioni di pignoramento di veicoli.

Qualora non venga effettuato il pagamento in relazione a un "obbligo di risarcimento" ai sensi di una condanna a un risarcimento socialmente utile, ciò può costituire una violazione di tale condanna e l'autore del reato può essere ricondotto dinanzi all'organo giurisdizionale. L'articolo 227 del codice di procedura penale scozzese del 1995 contiene disposizioni relative alle violazioni delle condanne a un risarcimento socialmente utile e alle azioni che l'organo giurisdizionale può intraprendere.

Ottenimento del risarcimento stabilito in una causa civile

Se la vittima ottiene una sentenza favorevole nel contesto di un'azione civile e l'organo giurisdizionale emette un decreto affinché le venga corrisposta una somma di denaro, la vittima dovrebbe contattare uno studio degli sheriff officer che le fornirà consulenza in merito a come procedere per recuperare il credito. Ulteriori informazioni sono riportate (in inglese) sul sito web della Society of Messengers-at-Arms and Sheriff Officers. (l'associazione professionale degli ufficiali giudiziari).

Se il colpevole non paga, lo Stato può versare un anticipo? A quali condizioni?

Pagamento del risarcimento riconosciuto da CICA

Lo stato non pagherà alcun anticipo alla vittima di un reato nel caso in cui l'autore di un reato sia stato condannato da un organo giurisdizionale a pagare ma non abbia provveduto a farlo. Cfr. altresì la sezione Esecuzione del risarcimento di cui sopra.

Ho diritto a un risarcimento da parte dello Stato?

L'Autorità per il risarcimento dei danni derivanti da reato si occupa delle domande di risarcimento presentate da persone che hanno subito lesioni fisiche e psichiche essendo state vittime innocenti di reati violenti commessi in Inghilterra, Scozia o Galles. Il regime di risarcimento dei danni derivanti da reato del governo stabilisce i criteri e gli importi per il risarcimento.

Il regime di risarcimento dei danni derivanti da reato del 2012 è un regime finanziato dal governo che esiste per risarcire le vittime innocenti di reati violenti che hanno subito gravi lesioni fisiche o psichiche direttamente attribuibili al fatto che sono state vittime dirette di un reato violento. Le norme del regime e il valore degli importi riconosciuti pagati sono approvati dal parlamento del Regno Unito e la CICA è competente per l'amministrazione del regime e per tutte le decisioni prese in merito alle singole domande. Il regime contiene una tariffa per gli infortuni che stabilisce il risarcimento pagabile in relazione alle lesioni subite.

Esistono due tipi di risarcimento, quelli riconosciuti per lesioni personali e quelli per lesioni mortali, con un'ulteriore compensazione dovuta in alcuni casi per incapacità di guadagno, necessità di accompagnamento o spese speciali, se del caso.

I pagamenti possono essere riconosciuti alle vittime che hanno subito lesioni molto gravi, alle vittime di stupri e altri abusi sessuali, alle vittime di abusi sui minori e ai familiari delle vittime. Il regime non effettua pagamenti compensativi per lesioni di lieve entità.

Non tutte le richieste di risarcimento saranno accolte, infatti, un richiedente deve risultare essere idoneo ai sensi delle norme previste dal regime. Esistono criteri di cittadinanza e residenza che devono essere soddisfatti (articoli da 10 a 16). Le domande devono essere presentate non appena ragionevolmente possibile e, in ogni caso, altresì entro due anni dall'incidente che ha causato il danno derivante da reato (sebbene in circostanze eccezionali, in taluni casi, detto termine possa essere esteso, cfr. articoli da 87 a 89). Esistono altresì norme che impongono a un richiedente di aver segnalato l'incidente che ha causato il danno derivante da reato non appena ragionevolmente fattibile e di cooperare, per quanto ragionevolmente possibile, nel consegnare l'aggressore alla giustizia (articoli 22 e 23). Gli importi riconosciuti possono essere trattenuti o ridotti in varie altre circostanze, ad esempio laddove il comportamento del richiedente renda inappropriato il riconoscimento di un risarcimento (articolo 25) e nel caso in cui a carico del richiedente vi siano condanne penali non scontate al momento della presentazione della richiesta alla CICA (articolo 26 e allegato D). Ulteriori informazioni su questo regime sono disponibili qui (in inglese).

Ho diritto a un anticipo del pagamento, nell'attesa di una decisione sulla mia richiesta di indennizzo?

Il regime di risarcimento dei danni derivanti da reato del 2012 è concepito come ultima possibilità a disposizione. I risarcimenti riconosciuti ai sensi di tale regime non sono pensati per soddisfare bisogni immediati; nella maggior parte dei casi, la domanda del richiedente sarà soddisfatta soltanto qualche tempo dopo l'incidente. Il pagamento sarà effettuato soltanto dopo l'accertamento da parte dell'Autorità per il risarcimento dei danni derivanti da reato (CICA) che il richiedente è idoneo a beneficiare del regime. Tale autorità presenterà infatti richieste di informazioni alla polizia al fine di ottenere informazioni sull'incidente e sul richiedente per assicurarsi che la domanda soddisfi i criteri di ammissibilità. Qualora la CICA ritenga che un richiedente sia idoneo a ricevere un pagamento ma non sia in grado di prendere una decisione definitiva, può prendere in considerazione la possibilità di procedere con il pagamento. Ciò può accadere nel caso in cui la CICA stia attendendo che l'impatto a lungo termine del danno causato al richiedente venga definito.

Ho diritto a un risarcimento se l'imputato non viene condannato?

Non è necessario che l'autore del reato sia identificato o condannato affinché la vittima di un reato violento possa avere diritto al risarcimento (articolo 9 del regime di risarcimento dei danni derivanti da reato). Tuttavia, tale regime impone che un richiedente abbia denunciato l'incidente alla polizia non appena ragionevolmente possibile e abbia cooperato, per quanto ragionevolmente possibile, nel consegnare l'autore del reato alla giustizia (articoli 22 e 23). Di conseguenza i richiedenti non potranno beneficiare del regime a meno che non abbiano cooperato pienamente con l'indagine relativa al reato e con qualsiasi azione giudiziaria conseguente.

Ultimo aggiornamento: 29/01/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web