Diritti delle vittime per paese

Posso proporre appello contro la sentenza ovvero nel caso in cui l’imputato sia stato assolto?

È possible proporre un’ulteriore impugnazione?

Di quali diritti dispongo dopo che la sentenza è divenuta definitiva?

Ulteriori informazioni

Posso proporre appello contro la sentenza ovvero nel caso in cui l’imputato sia stato assolto?

Se sei parte civile (1), puoi proporre appello contro una sentenza penale dinanzi al giudice penale, ma tale appello può riguardare solo gli “aspetti civili” della sentenza impugnata. Nel caso in cui sia tu che il pubblico ministero proponiate appello, il procedimento d’appello riguarderà sia gli aspetti civili che quelli penali della questione.

Puoi proporre appello entro:

  • 30 giorni nel caso dei processi in cui le motivazioni della sentenza devono essere pubblicate dal giudice entro 15 giorni dalla lettura della dispositivo;
  • 45 giorni nel caso dei processi in cui le motivazioni della sentenza devono essere pubblicate dal giudice – a causa della complessità della questione - entro 90 giorni dalla lettura della decisione.

Se non sei d’accordo con l’esito del processo sul piano penale (per esempio perchè l’imputato è stato assolto, o la condanna inflitta è troppo lieve), puoi chiedere al pubblico ministero di proporre appello. Tuttavia, il pubblico ministero non è obbligato ad adempiere alla tua richiesta.

È possible proporre un’ulteriore impugnazione?

Se sei parte civile (1), puoi proporre una terza impugnazione dinanzi alla Corte di Cassazione per violazioni di legge, tra cui violazioni di disposizioni concernenti l’ammissibilità delle prove, o concernenti l’illogicità o la contraddittorietà della motivazione, ecc.

Puoi proporre ricorso in cassazione entro:

  • 30 giorni nel caso dei processi in cui le motivazioni della sentenza devono essere pubblicate dal giudice entro 15 giorni dalla lettura della decisione;
  • 45 giorni nel caso dei processi in cui le motivazioni della sentenza devono essere pubblicate dal giudice – a causa della complessità della questione - entro 90 giorni dalla lettura della decisione.

Di quali diritti dispongo dopo che la sentenza è divenuta definitiva?

Non esiste un sistema che ti garantisca informazioni nella fase successiva alla condanna del colpevole. Dopo che la sentenza del tribunale viene eseguita, non hai alcun diritto ad essere informato sul rilascio del condannato.

Non ti sarà fornita nè una interpretazione nè una traduzione gratuita di documenti, nè ulteriore accesso a dati o documenti, nè ulteriore protezione.

Nonostante il tuo precedente ruolo nel procedimento, non avrai diritto ad accedere ai procedimenti dinanzi alle autorità giudiziarie (il Tribunale di Sorveglianza e il Magistrato di Sorveglianza) deputate al controllo del regime penitenziario del condannato.

In caso di affidamento in prova al servizio sociale i tuoi interessi sono invece ancora considerati. Ai detenuti cui può essere concesso l’ affidamento in prova vengono impartiti una serie di ordini “di comportamento” dal Tribunale di Sorveglianza. Questi ordini devono essere rispettati al fine di completare con successo la messa alla prova e ottenere conseguentemente la liberazione definitiva. Questi ordini possono anche obbligare il condannato a adoperarsi a favore della persona offesa, per quanto possibile.

Ulteriori informazioni:

  • La Costituzione della Repubblica Italiana – in Inglese e Italiano
  • Codice di Procedura Penale – in Italiano
  • Codice Penale – in Italiano
  • Legge 26 luglio 1975 n. 354, Norme sull'ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà)– in Italiano

1. Parte Civile
Puoi partecipare al processo penale come parte civile fin dall’apertura ufficiale dell’udienza preliminare (per i procedimenti che hanno ad oggetto reati per cui la legge impone obbligatoriamente l’udienza preliminare), del processo o in fase di giudizio d’appello. In questo modo avrai i medesimi diritti delle altre parti del processo – partecipare, proporre istanze, presentare prove, esaminare i testimoni, ecc.
Tuttavia, se non partecipi alla prima udienza, corri il rischio che il processo si trasformi in un procedimento abbreviato, al quale non potrai più partecipare come parte.
Al fine di diventare parte civile durante il processo, devi presentare un’istanza scritta al tribunale, con la specifica indicazione delle tue richieste.
Come parte civile hai pieno accesso agli atti del procedimento e a tutti i documenti che verranno successivamente depositati nell’ambito del procedimento. Hai anche il diritto all’interpretazione e alla traduzione sia durante l’udienza preliminare, sia durante il giudizio.
Ultimo aggiornamento: 13/10/2020

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.
Gli Stati membri stanno provvedendo ad aggiornare i contenuti delle pagine nazionali di questo sito alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. L'eventuale presenza di contenuti che non riflettono tale uscita non è intenzionale e sarà corretta.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web