Diritti delle vittime per paese

Repubblica ceca

Contenuto fornito da
Repubblica ceca

Quale tipo di procedimento occorre avviare per chiedere un risarcimento del danno da parte dell'autore del reato? (ad esempio, procedimento giudiziario, civile, procedimento di adesione)

Una vittima può chiedere il risarcimento dei danni da parte dell'autore del reato attraverso procedimenti civili; la vittima può altresì aderire all'istanza di risarcimento dei danni nel contesto dell'azione penale nei confronti dell'autore del reato ("procedimento di adesione").

La Corte ha condannato l'imputato al risarcimento dei danni/al pagamento di un indennizzo nei miei confronti. Come posso costringere il colpevole a pagare?

Se l'autore del reato non rispetta deliberatamente l'obbligo di fornire un risarcimento dei danni imposto dall'organo giurisdizionale, la persona che vanta un credito (la vittima) ha il diritto di adire l'organo giurisdizionale per ottenere l'esecuzione dell'obbligazione. Una legge, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2018, autorizza altresì le vittime di reati a richiedere che il loro diritto al risarcimento dei danni sia soddisfatto dallo Stato a fronte dei fondi che quest'ultimo ha recuperato dall'autore del reato sotto forma di sanzioni pecuniarie.

Se il colpevole non paga, lo Stato può versare un anticipo? A quali condizioni?

La Repubblica ceca non corrisponde anticipi per prestazioni derivanti dall'obbligo dell'autore del reato di fornire un risarcimento dei danni causati dal reato in questione. Il sistema giuridico ceco opera una netta separazione tra il diritto della vittima al risarcimento dei danni causati dall'autore del reato, che è considerato una responsabilità civile, e l'assistenza finanziaria in conformità alla legge n. 45/2013 sulle vittime di reati, che costituisce una prestazione in denaro concessa dallo Stato prevista per alleviare l'impatto sociale della vittimizzazione.

Ho diritto a un risarcimento da parte dello Stato?

Come affermato in precedenza, lo Stato non risarcisce i danni nel senso stretto del termine (non interferisce con le obbligazioni in materia di proprietà dell'autore del reato e non si fa carico delle stesse), tuttavia offre assistenza finanziaria alle vittime di reati. Conformemente alla legge n. 45/2013 sulle vittime di reati, l'assistenza finanziaria può essere corrisposta alle vittime che hanno subito danni minimi alla salute a causa di un reato, vittime di reati sessuali contro la dignità umana, minori torturati e sopravvissuti (appartenenti a un gruppo definito dalla legge) di coloro che sono deceduti a causa di un reato. Il più delle volte tale assistenza viene erogata secondo importi che variano da 10 000 CZK (circa 370 EUR) a 200 000 CZK (circa 7 400 EUR) ed è calcolata secondo un tasso forfettario stabilito dalla legge oppure corrisponde all'importo dei guadagni persi comprovati e dei costi di trattamento o, se del caso, dei costi della terapia specializzata impiegata per alleviare il danno morale subito. Il ministero della Giustizia decide in merito alle domande di corresponsione dell'assistenza finanziaria, che devono essere presentate entro 2 anni dalla data in cui la vittima ha appreso del danno causato dal reato e non oltre 5 anni dalla data del reato.

Ho diritto a un risarcimento se l'imputato non viene condannato?

Il risarcimento per danni causati da un autore del reato (ossia responsabilità civile) non può essere richiesto qualora l'autore del reato non sia stato condannato semplicemente perché sconosciuto, ovvero non vi è alcuna persona responsabile, oppure il suo atto illecito non è stato provato oppure l'autore del reato non è responsabile penalmente per le sue azioni, ossia l'imputato non può essere ritenuto responsabile per eventuali danni causati da atti da lui commessi che non hanno avuto la natura di un reato o per i quali l'imputato non è responsabile. Viceversa, tuttavia, una persona può avere diritto all'assistenza finanziaria offerta dallo Stato (cfr. sopra) anche prima della condanna dell'autore del reato; la vittima gode altresì di tale diritto anche se l'autore del reato è sconosciuto o se non è penalmente responsabile per le sue azioni, a condizione che non vi sia dubbio che la vittima ha subito un danno causato da atti che hanno la natura di un reato (o che il parente della vittima sia deceduto a causa di detto reato).

Ho diritto a un anticipo del pagamento, nell'attesa di una decisione sulla mia richiesta di indennizzo?

La legge n. 45/2013 sulle vittime di reati non consente al ministero della Giustizia di erogare anticipi per assistenza finanziaria soggetta a una decisione pendente; le esigenze vitali urgenti delle vittime sono affrontate in un altro modo dal sistema statale di assistenza o di sostegno sociali.

Ultimo aggiornamento: 02/07/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.
Gli Stati membri stanno provvedendo ad aggiornare i contenuti delle pagine nazionali di questo sito alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. L'eventuale presenza di contenuti che non riflettono tale uscita non è intenzionale e sarà corretta.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web