La versione originale in lingua olandese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Il nuovo testo è stato già tradotto nelle lingue seguenti.
Swipe to change

Diritti delle vittime per paese

Belgio

Contenuto fornito da
Belgio

Come posso partecipare al processo?

Quali sono i miei diritti in qualità di testimone?

Sono un minore. Godo di diritti particolari?

Posso ottenere il gratuito patrocinio?

Come posso essere tutelato in caso di pericolo?

Come posso chiedere il risarcimento dei danni a carico dell’imputato o dello Stato?

Esistono opportunità di giungere a una transazione/conciliazione o di avviare una mediazione tra me e l’imputato?

Sono uno straniero. Come vengono tutelati i miei diritti e i miei interessi?

Maggiori informazioni

Come posso partecipare al processo?

In quanto parte lesa o parte civile (1) riceverete una comunicazione scritta relativa alla data in cui per la vostra causa inizierà il processo. Se non l'avete già fatto siete ancora in tempo in questa fase per costituirvi parte civile: avete diritto a costituirvi fino all'apertura del dibattimento. Se non siete rappresentati e intendete costituirvi parte civile all'udienza di un processo penale dovete agire come segue:

  • presentarvi per tempo;
  • registrarvi presso il cancelliere e chiedere informazioni sull'aula in cui avrà luogo l'udienza;
  • recarvi dal giudice con funzioni di presidente nel momento in cui questi chiama l'imputato da cui intendete essere risarciti;
  • presentare al giudice la vostra richiesta di risarcimento comprensiva di tutti i documenti attestanti il danno da voi subito;
  • fornire una copia della richiesta al legale dell'imputato;
  • conservare i documenti originali;
  • il giudice con funzioni di presidente potrà chiedere ulteriori informazioni ed emettere una nota formale in merito alla vostra richiesta di risarcimento.

In teoria il processo è pubblico e chiunque abbia un'età superiore ai 14 anni può assistere alle udienze. Pertanto, i vostri amici, vicini di casa e familiari (oltre ai membri della stampa e del settore pubblico) possono presenziare al processo. Solo in casi eccezionali (costituiti, ad esempio, dai reati sessuali) saranno previste udienze a porte chiuse e la presenza in aula di civili e dei media stampa non sarà ammessa. La legge prevede espressamente ciò nel caso in cui si tratti di vittime di determinati tipi di reati sessuali (come ad es. stupro o atti di libidine). Il giudice può anche ordinare che l'udienza sia tenuta a porte chiuse nell'interesse del minore o per proteggere la privacy delle parti. Tuttavia, il giudice emetterà sempre la sentenza in udienza pubblica.

Se presentate una richiesta di risarcimento (esercitando un'azione civile nell'ambito di un procedimento penale) siete tenuti a fornire le prove del danno subito. Il giudice valuterà la vostra richiesta alla fine del processo. Dovete essere rappresentati nel corso del processo. Per evitare il contatto diretto con l'imputato potete farvi rappresentare dal vostro avvocato (tuttavia non è possibile impedire all'imputato di presenziare alle udienze). Siete tenuti a presentarvi di persona solo quando siete chiamati a testimoniare.

Non potete affrontare la causa separatamente con il pubblico ministero.

Quali sono i miei diritti in qualità di testimone?

Se avete testimoniato durante le indagini penali, non è automatico il fatto che siate chiamati a confermare le vostre dichiarazioni dinanzi al giudice, tranne il caso in cui il giudice competente sia la Corte d'Assise (2).

Tuttavia, se siete chiamati a testimoniare di persona e godete di una misura di protezione e/o siete assenti dal paese in questione, il vostro interrogatorio può avvenire per videoconferenza o teleconferenza. Se necessario è possibile alterare la vostra voce e occultare il vostro volto.

In qualità di testimone avete diritto a un rimborso forfettario (per la cosiddetta indennità di comparizione) e a un rimborso per chilometro (per la cosiddetta indennità di viaggio). Per ottenere questi rimborsi occorre contattare la cancelleria dell'organo giurisdizionale di fronte al quale siete comparsi in qualità di testimone ed esibire la citazione che avete ricevuto dall'ufficiale giudiziario insieme a un documento d'identità. Potete ottenere l'indennità immediatamente dalla cancelleria durante l'orario di apertura.

Sono un minore. Godo di diritti particolari?

Se siete minorenni sarete tutelati contro la diffusione di notizie da parte dei media, ossia contro la pubblicazione e la divulgazione di foto, immagini e altro materiale volto a rivelare la vostra identità (tale diffusione costituirebbe un reato).

Se durante le indagini è stata effettuata una registrazione audiovisiva del vostro interrogatorio, non siete tenuti a presentarvi di persona, tranne nel caso in cui il giudice reputi necessaria la vostra presenza per poter dimostrare la verità. In tal caso il giudice vi chiederà di presenziare in aula, spiegando le ragioni di questa decisione. Potete chiedere al giudice di tenere un'udienza a porte chiuse. La legge prevede esplicitamente questa possibilità se siete vittime di un reato a sfondo sessuale come stupro o atti di libidine. Il giudice può anche decidere di tenere un'udienza a porte chiuse qualora lo ritenga opportuno per tutelare l'interesse di un minore o la vita privata delle parti..

Posso ottenere il gratuito patrocinio?

Nel caso in cui vi siate costituiti come parte civile potete scegliere di presenziare alle udienze da soli o rappresentati dal vostro legale.

Per l'assistenza iniziale potete ottenere il patrocinio a spese dello Stato per la fase preliminare che viene assicurato sotto forma di assistenza gratuita da parte di un team di avvocati che è possibile consultare in orari prefissati e in giorni specifici e che possono inviarvi verso specifici servizi ove necessario. Le consulenze sono organizzate negli edifici degli organi giudiziari, nelle sedi degli organi giudiziari civili, nei centri di giustizia, negli uffici del comune ecc. I centri di giustizia si trovano in qualsiasi distretto giudiziario (sono disponibili i recapiti in francese e in fiammingo) oppure potete contattare un servizio di sostegno alle vittime.

Per una consulenza legale circostanziata e assistenza giuridica durante il procedimento occorre chiedere di essere assistiti da un avvocato. A seconda del vostro reddito tale assistenza può essere assicurata (del tutto o in parte) gratuitamente in base a quanto previsto dalla convenzione sul patrocinio a spese dello Stato per la fase avanzata. Alcune categorie di persone in situazioni specifiche (come minori o persone con disabilità mentali) hanno sempre diritto ad essere rappresentati gratuitamente.

Se volete richiedere l'assistenza di cui al patrocinio a spese dello Stato per la fase avanzata occorre contattare l'ufficio del patrocinio a spese dello Stato, che si trova in ogni edificio di organo giudiziario. Dovrete presentare la documentazione atta a dimostrare che rientrate in una delle categorie speciali o che disponete di un reddito basso. L'ufficio di assistenza legale adotterà una decisione nell'arco di quindici giorni e vi invierà i recapiti dell'avvocato che vi è stato assegnato. Potete anche chiedere di essere rappresentati da un avvocato di vostra scelta disposto a prestare assistenza gratuita in base alla suddetta convenzione. Nel caso in cui accetti, il vostro avvocato contatterà l'ufficio di assistenza legale per ottenere l'approvazione della vostra richiesta.

Se disponete di un reddito basso, in alcuni casi potete anche chiedere l'esenzione da alcune spese procedurali (quali le spese dell'ufficiale giudiziario o quelle previste per ricevere copie di documenti probatori) in base alla convenzione sul patrocinio a spese dello Stato. La richiesta deve essere inviata all'ufficio del patrocinio a spese dello Stato dell'organo giudiziario competente per la vostra causa. Se vi siete già costituiti parte civile (v. infra) potete presentare oralmente o per iscritto la vostra richiesta dinanzi all'organo giudiziario competente.

Inoltre è opportuno che controlliate la vostra polizza assicurativa o che vi rivolgiate al vostro assicuratore per chiedere se l'assicurazione che avete stipulato copra anche le spese legali.

Nel corso del processo potete essere assistiti dai legali del centro di giustizia o dal servizio di sostegno alle vittime.

Come posso essere tutelato in caso di pericolo?

Se siete in pericolo e godete di anonimato parziale o totale, concessovi dal giudice istruttore nella fase delle indagini preliminari, durante il processo potete essere interrogati per videoconferenza o teleconferenza. Se necessario è possibile alterare la vostra voce e occultare il vostro volto.

Se dovete comparire in giudizio in veste di testimoni e non siete stati interrogati nel corso delle indagini preliminari, il giudice può ordinare di non rivelare la vostra identità nel verbale dell'udienza.

Qualora siate vittime di stupro o atti di libidine sarete anche tutelati dall'attacco dei media, ossia dalla pubblicazione o diffusione di foto, immagini o altro materiale che possa rivelare la vostra identità.

Se durante le indagini l'imputato non è sottoposto a custodia cautelare e vi preoccupa l'idea di avere un incontro diretto con lui durante il procedimento, potete rivolgervi a un centro di giustizia. In alcuni palazzi di giustizia sono state allestite sale di attesa distinte per consentirvi di evitare il contatto diretto con l'imputato.

Come posso chiedere il risarcimento dei danni a carico dell’imputato o dello Stato?

Per chiedere il risarcimento dei danni a carico dell'imputato dovete costituirvi parte civile e presentare un'istanza nell'ambito del processo penale. Potete chiedere il risarcimento per lesioni fisiche, spese mediche, danni morali, perdite materiali (relative, ad esempio, alla retribuzione, a un anno scolastico, al lavoro, nonché danni causati a veicoli o capi di abbigliamento), spese funerarie, ecc.

Se l'imputato viene dichiarato colpevole il giudice si pronuncerà sulla vostra richiesta di risarcimento, dichiarando se avete diritto ad essere risarciti. Il giudice valuterà quindi il contenuto della vostra istanza..

Se per un motivo qualsiasi non avete preso parte al processo penale potete scegliere di avviare un'azione di risarcimento dinanzi al giudice civile. Ciò resta possibile anche se il pubblico ministero abbia deciso di non procedere (a livello di procedimento penale). Potete adire il giudice civile citando la persona che vi ha procurato il danno, a meno che tutte le parti siano disposte a comparire volontariamente. Nel caso in cui sia coinvolta un'assicurazione (ad esempio in seguito un incidente stradale) quest'ultima può essere direttamente citata in giudizio. Il procedimento civile differisce profondamente da quello penale. L'azione civile può essere avviata dinanzi al giudice civile(ad esempio se non siete intervenuti nel procedimento penale o se il vostro caso stato archiviato). Dinanzi al giudice civile dovete provare che sia stato commesso un illecito. Nel caso in cui si stia svolgendo contemporaneamente un procedimento penale, il giudice civile dovrà sospendere la causa fino alla pronuncia del giudice penale. Inoltre, il giudice civile è tenuto a conformarsi alla sentenza emessa dal giudice penale. Occorre tener conto del fatto che anche per avviare una causa civile sono previste delle spese.

Nel caso in cui il pubblico ministero abbia avviato un'azione penale che è stata risolta con un patteggiamento o una mediazione nell'ambito dei procedimenti penali c'è un'altra possibilità per voi di ottenere risarcimento dall'autore del reato: potete ottenere il risarcimento dei danni dall'autore del reato attraverso la mediazione. Ad esempio nella maggior parte dei casi riceverete un risarcimento qualora il pubblico ministero proponga la mediazione nell'ambito dei procedimenti penali o un patteggiamento con l'autore del reato.

Non sempre è possibile chiedere il risarcimento dei danni a carico dell'imputato (quando quest'ultimo, ad esempio, non può essere identificato o trovato) oppure ottenere il rimborso delle spese da parte di compagnie assicurative. Peraltro, in presenza di determinate circostanze, potete ottenere il risarcimento dallo Stato. Per ricevere informazioni sul risarcimento a carico dello Stato consultate la nota informativa della rete giudiziaria europea sul risarcimento per le vittime e/o persone offese da un reato in Belgio (disponibile in francese, fiammingo, tedesco e inglese e in altre lingue).

Se l'imputato viene riconosciuto colpevole sarà obbligato a rimborsarvi i costi che avete sostenuto per costituirvi parte civile, compresi (in parte) gli onorari pagati all'avvocato. Il giudice stabilisce l'importo del risarcimento al momento della pronuncia della sentenza.

Se l'autore del reato non viene dichiarato colpevole al termine di un processo in seguito a una vostra querela oppure a una vostra denuncia con una richiesta di risarcimento, il giudice può ordinarvi di rimborsare interamente o parzialmente (in proporzione) i costi sostenuti dallo Stato e dall'imputato.

Esistono opportunità di giungere a una transazione/conciliazione o di avviare una mediazione tra me e l’imputato?

Durante il procedimento penale avete la possibilità di chiedere una mediazione per il risarcimento dei danni in qualsiasi fase: prima dell'inizio del processo, durante il processo e dopo la sentenza emessa dal giudice. Peraltro, le autorità giudiziarie rimangono responsabili per qualsiasi decisione che riguardi l'azione penale, l'emissione di una sentenza e l'applicazione della stessa.

Questa mediazione non viene eseguita da autorità statali, ma da due organizzazioni non governative, ossia, Suggnomè per la regione fiamminga e Médiante per la regione vallona. Si tratta di organizzazioni che offrono servizi locali in tutti i distretti giudiziari.

L'accordo raggiunto durante il processo di mediazione è riservato e pertanto non viene trasmesso al giudice, tranne nel caso in cui entrambe le parti concordino di comunicare i suoi contenuti. Al momento dell'emissione della condanna, il giudice è tenuto a menzionare la presenza di un accordo di mediazione all'interno del fascicolo giudiziario, ma non è obbligato a prendere realmente in considerazione i contenuti di detto accordo.

La mediazione e le attività di conferenza possono essere attuate anche nel sistema della giustizia minorile dinanzi al giudice dei minori.

Sono uno straniero. Come vengono tutelati i miei diritti e i miei interessi?

Se in quanto parte civile (1) o testimoni non parlate la lingua ufficiale della regione in cui avviene il procedimento, potete avvalervi dell'assistenza di un interprete. Tuttavia non potete ottenere la traduzione gratuita dei vostri documenti.

Maggiori informazioni:

  • legge del 1° agosto 1985 recante misure fiscali e altre misure– in fiammingo e in francese
  • legge dell'8 aprile 1965 sulla tutela dei giovani, la responsabilità dei minori che commettono un azione che costituisce un'azione e il risarcimento dei danni provocati da questa azione in fiammingo
  • Costituzione– in fiammingo e in francese
  • codice di procedura penale in fiammingo, francese e in inglese
  • codice giudiziario – in fiammingo e in francese
  • Regio decreto del 28 dicembre 1950 che stabilisce norme generali sui costi delle misure di esecuzione

1. Parte civile
Potete costituirvi parte civile dinanzi a un giudice in qualsiasi fase del procedimento, anche nel caso in cui non abbiate segnalato il reato alla polizia. Questo status vi conferisce i seguenti ulteriori diritti:
  • chiedere il risarcimento dei danni;
  • rendere dichiarazioni nel corso del processo;
  • ottenere il rimborso dei costi al termine del processo;
  • beneficiare dell'assistenza gratuita di un interprete durante il procedimento;
  • nel caso in cui la vostra azione come parte civile sia ritenuta ammissibile e fondata godrete di una serie di diritti nell'ambito del processo penale senza dover presentare una domanda al fine di venir riconosciuto come vittima del reato dinanzi al giudice per l'applicazione delle sentenze.
Potete registrarvi come parte civile nell'ambito del processo penale con una dichiarazione espressa se il processo è già stato avviato dall'ufficio del pubblico ministero. Questa possibilità vi sarà concessa per tutta la durata delle indagini e nel corso del processo ma non in sede d'appello. In caso di contravvenzioni o delitti di relativa gravità potete costituirvi parte civile in sede di istruttoria. Il giudice istruttore, di conseguenza, è tenuto ad aprire un'istruttoria. Dovete tener conto del fatto che alla fine dell'istruttoria la camera di consiglio può comunque decidere che le prove non sono sufficienti a rinviare a giudizio l'indagato.
Se presentate una richiesta di risarcimento dovete fornire le prove a dimostrazione del danno subito. Il tribunale valuterà l'ammissibilità della vostra richiesta e deciderà se accoglierla o respingerla. Se agite in qualità di parte civile e l'indagine preliminare non si è ancora conclusa, a distanza di un anno dall'avvio dell'indagine avete il diritto di ricorrere alla "chambres de mises en accusation". Questo vi consente di esercitare una forma di controllo indiretto sull'evoluzione delle indagini.

2. Corte d'assise
La Corte d'assise del Belgio si riunisce temporaneamente in tutte le province, nonché nel distretto giudiziario di Bruxelles (i recapiti sono disponibili in fiammingo e in francese). Le corti d'assise hanno competenza per quanto riguarda tutti i reati gravi punibili con una pena detentiva superiore a cinque anni, delitti politici e reati legati al settore della stampa (tranne quelli ispirati da razzismo e xenofobia), nonché reati contemplati dal diritto internazionale, come genocidio e crimini contro l'umanità. A differenza delle altre corti, che presentano una struttura fissa, la Corte d'assise deve essere istituita per ogni singolo caso. Il presidente è un giudice della corte d'appello. Il presidente è assistito da due giudici del tribunale di primo grado La giuria è sempre formata da dodici membri, nominati a sorte fra tutti i cittadini e non più di due terzi dei membri iniziali saranno dello stesso sesso. I membri devono essere in grado di esercitare il diritto di voto durante le elezioni e devono godere pienamente dei diritti civili e politici. I membri della giuria devono avere un'età compresa tra i 28 e i 65 anni. Inoltre devono essere in grado di leggere e scrivere e non possono avere condanne penali per le quali sono stati condannati alla reclusione per più di quattro mesi o al servizio per la comunità per più di 60 ore. La giuria esprime da sola la propria decisione sulla colpevolezza o l'innocenza dell'imputato. Per la decisione sulla condanna la giuria sentenza insieme ai giudici togati. Non è possibile presentare ricorso contro i verdetti emessi, tranne dinnanzi alla Corte di cassazione, ma solo in punto di legittimità.
Ultimo aggiornamento: 16/12/2015

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web