La versione originale in lingua tedesco di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Swipe to change

Imputati (procedimenti penali)

Germania

La presente nota informativa descrive la fase delle indagini, che inizia quando le autorità di contrasto delle attività criminali effettuano le prime indagini e si conclude quando il pubblico ministero procede all’incriminazione o archivia il procedimento.

Contenuto fornito da
Germania
Non esiste una traduzione ufficiale della versione linguistica che state consultando.
Qui è possibile consultare una versione del testo tradotta automaticamente. Attenzione: la traduzione è fornita esclusivamente a titolo informativo. Il proprietario della pagina non si assume alcuna responsabilità circa la qualità della traduzione automatica.

Quali sono le fasi del procedimento penale?

Le autorità giudiziarie (il pubblico ministero o la polizia) avviano un’indagine se siete sospettati di un reato. Lo scopo delle indagini è stabilire se i sospetti a vostro carico sono giustificati. Devono inoltre indagare su eventuali prove a vostro discarico. Se il pubblico ministero ritiene che i sospetti siano giustificati, procede alla vostra incriminazione (o presenta una richiesta di emissione di decreto penale (Strafbefehl)).

La polizia e il pubblico ministero possono adottare diverse misure ai fini delle indagini. Tali misure e il momento della loro adozione dipendono dalle circostanze del caso. Per esempio, potete essere arrestati immediatamente dopo aver commesso un reato. L’arresto può essere seguito dalla custodia cautelare.

Se ritenete che una misura investigativa possa arrecarvi un danno, potete contestarla in tribunale al momento o in una fase successiva.

Possono essere richieste informazioni riguardanti indagini e condanne precedenti. Per maggiori dettagli cliccate qui.

I miei diritti durante le indagini

Avete il diritto di avvalervi di un avvocato durante tutte le indagini. Per informazioni su come trovare un avvocato e sui relativi costi, cliccate qui. Se non parlate tedesco, potete richiedere l'assistenza di un interprete durante i colloqui con il vostro avvocato.

Non avete il diritto di consultare il vostro fascicolo. Tuttavia, possono esservi comunicate alcune informazioni contenute nei documenti, se queste non compromettono le indagini o non violano i diritti di terzi. Al termine delle indagini, il vostro avvocato difensore avrà accesso ai documenti. Prima di allora, l’accesso viene concesso solo se non compromette lo scopo delle indagini.

Per informazioni sui vostri diritti nel caso in cui vengano adottate contro di voi le misure investigative seguenti, si vedano le sezioni riportate più avanti:

Se sono un cittadino straniero, in che modo ciò influenzerà le indagini?

Di norma, avete il diritto di lasciare la Germania durante le indagini. Non potete lasciare il paese solo se siete stati arrestati, o se il mandato d'arresto è stato sospeso a condizione che, per esempio, non lasciate il vostro luogo di residenza senza l'autorizzazione del tribunale.

Se sapete di essere indagati, dovete assicurarvi di poter essere contattati per posta dal pubblico ministero e dal tribunale.

Potete contattare il consolato del vostro paese in qualsiasi momento nel corso delle indagini.

Interrogatorio (1)

Se siete sospettati di un reato, la polizia o il pubblico ministero vi interrogheranno in merito alle accuse, in modo da garantirvi un’adeguata deposizione. In alcuni casi, su richiesta del pubblico ministero, potete anche essere interrogati da un giudice.

Cosa devo fare se vengo citato per un interrogatorio?

Se il pubblico ministero o il tribunale vi ha convocati per un interrogatorio (Vernehmung), siete tenuti a comparire. In caso contrario potete essere condotti davanti al pubblico ministero o al tribunale con la forza. Se venite convocati per un interrogatorio dalla polizia, non siete tenuti a presentarvi.

Cosa mi verrà comunicato prima dell’interrogatorio?

Prima dell’interrogatorio vi verranno comunicate le accuse e le leggi che potreste aver violato. Vi verrà comunicato che avete il diritto di non rispondere, che potete consultare un avvocato prima dell’interrogatorio e che potete chiedere l’esame di elementi di prova a vostro discarico.

Mi verrà fornito un interprete se non conosco la lingua?

Se la vostra conoscenza del tedesco non è sufficiente, vi verrà fornito un interprete gratuitamente. Questi sarà presente per tutta la durata dell’interrogatorio e tradurrà le domande, le vostre risposte e la trascrizione della deposizione.

Posso parlare con un avvocato?

In quanto indagati avete il diritto di parlare con un avvocato difensore da soli o in presenza di un interprete. Potete richiedere la presenza di un avvocato solo se venite interrogati dal pubblico ministero o da un giudice, non dalla polizia.

Sarò interrogato? Devo fornire informazioni?

Prima del termine delle indagini, la polizia o il pubblico ministero devono interrogarvi, a meno che il procedimento non venga archiviato. In caso di giudizio diretto, potete essere interrogati per iscritto.

Quando venite interrogati, anche per iscritto, siete tenuti a fornire le vostre generalità, ovvero il vostro nome e cognome completi, luogo e data di nascita, stato civile, professione, indirizzo e nazionalità.

Tuttavia, non siete tenuti a rispondere alle accuse o a fornire informazioni relative alla causa. Spetta a voi decidere cosa e quanto dichiarare, anche se è consigliabile consultare prima il vostro avvocato.

Cosa succede se faccio una dichiarazione a mio svantaggio?

Tutto quello che dite durante l’interrogatorio viene verbalizzato. Se rilasciate una dichiarazione svantaggiosa per la vostra posizione, il tribunale che giudicherà la vostra causa dopo l’incriminazione ne sarà a conoscenza. Anche se in una fase successiva deciderete di non rispondere o di ritirare tale dichiarazione, il tribunale, nella sentenza, può tenere conto di qualsiasi vostra affermazione precedente.

Mi verrà comunicato lo stato delle indagini durante l’interrogatorio?

Spetta al pubblico ministero decidere se informarvi sullo stato delle indagini. Il pubblico ministero non può, tuttavia, fornirvi informazioni ingannevoli.

Quali metodi non possono essere usati?

Durante l’interrogatorio non potete essere maltrattati, fisicamente o in altro modo. Nessuno può minacciarvi o promettervi qualsiasi cosa che non sia consentita dalla legge. Eventuali dichiarazioni rese in queste condizioni non possono essere prese in considerazione, neanche con il vostro consenso.

Ulteriori informazioni

Le norme sull’interrogatorio di sospetti sono definite agli articoli 136, 136a e 163a del Codice di procedura penale.

Procedura d’identificazione/perquisizione corporale/campioni di sangue, ecc. (2)

Potete trovare informazioni su come contestare tali misure cliccando qui.

Cosa comporta la procedura di identificazione? Quando viene effettuata?

Potete essere fotografati, possono esservi prelevate le impronte digitali o palmari e può essere redatta una nota delle vostre caratteristiche distintive, per esempio eventuali tatuaggi.

La procedura d’identificazione può essere disposta dal tribunale, dal pubblico ministero o dalla polizia. Di norma viene condotta dalla polizia.

La procedura d’identificazione può essere effettuata con la forza, ovvero la polizia può, per esempio, trattenervi e tendere le vostre braccia o dita per poter prelevare le impronte digitali.

È possibile effettuare la procedura d’identificazione anche se non è indispensabile per lo scopo perseguito (per esempio se è ovvio che sono l’autore del reato)?

Le procedure di identificazione possono essere eseguite anche ai fini di futuri procedimenti penali, ovvero non per la causa attualmente pendente, ma per conservare i vostri dati per eventuali fattispecie che potrebbero presentarsi in un momento successivo. Vi deve pertanto essere motivo di ritenere che potreste essere soggetti ad altri procedimenti penali in futuro.

Sono consentite perquisizioni corporali?

La perquisizione corporale può essere disposta al fine di accertare fatti sostanziali per il procedimento penale.

Con una perquisizione corporale semplice, effettuata dalla polizia, potete essere perquisiti per cercare eventuali elementi nascosti negli orifizi naturali del vostro corpo. Se tale perquisizione vi imbarazza, verrà effettuata da una persona del vostro sesso o da un medico. Prima della perquisizione, vi verrà comunicato che potete chiedere a una persona di vostra fiducia di essere presente e che, se avete una ragione fondata, avete il diritto di scegliere il sesso della persona che effettuerà la perquisizione. Non avete facoltà di rifiutare la perquisizione, ma non potete essere obbligati a collaborare attivamente.

Possono essere prelevati campioni del mio sangue, di altri fluidi corporei o di DNA (per esempio capelli o saliva)?

È possibile prelevare campioni di sangue e altre sostanze corporee, per esempio al fine di verificare il vostro tasso alcolemico nel sangue o per raffrontare il vostro DNA con tracce di DNA trovate sul luogo del reato. Tali campioni possono essere prelevati solo da un medico e non dalla polizia. Non appena i campioni non sono più necessari per il procedimento penale devono essere distrutti. Tuttavia, il profilo del vostro DNA può essere conservato se vi sono ragioni di ritenere che in futuro potrebbe essere avviato nei vostri confronti un procedimento per un reato grave.

Se non acconsentite alla perquisizione corporale o all'esame del DNA, questi verranno disposti dal tribunale. In caso di periculum in mora, e quindi in situazioni di particolare urgenza, l'ordine può essere emesso dal pubblico ministero o dalla polizia. In tal caso è consentito l’uso della forza.

Ulteriori informazioni

Le procedure di identificazione sono descritte all’articolo 81b del Codice di procedura penale, mentre le perquisizioni corporali e i prelievi di sangue sono disciplinati dagli articoli 81a e 81d, e l'esame del DNA dagli articoli 81e, 81f e 81g.

Perquisizione/sequestro/intercettazioni telefoniche (3)

Potete trovare informazioni su come contestare tali misure cliccando qui.

La mia abitazione, il mio luogo di lavoro, la mia automobile ecc. possono essere perquisiti?

Se siete sospettati di un reato, il pubblico ministero o la polizia possono perquisire la vostra abitazione e altri luoghi, compresa la vostra automobile, se ritengono di poter trovare prove o se vi devono arrestare.

La perquisizione di norma è disposta da un tribunale. In caso di periculum in mora, e quindi in situazioni di particolare urgenza, il mandato può essere emesso dal pubblico ministero o dalla polizia.

Potete essere presenti durante la perquisizione. Anche il vostro avvocato può essere presente. Se il giudice o il pubblico ministero non possono essere presenti durante la perquisizione, occorre far intervenire due funzionari statali della località interessata, se possibile. Potete tuttavia rinunciare alla loro presenza. Alla conclusione della perquisizione, deve esservi fornito, su richiesta, un documento attestante le ragioni della perquisizione e il reato di cui siete accusati.

I miei beni possono essere sequestrati?

Le autorità giudiziarie possono chiedervi di consegnare beni che vi appartengono, se costituiscono prove importanti. Se vi rifiutate di consegnarli volontariamente, tali beni possono essere sequestrati. A tal fine è necessario un mandato del tribunale. In caso di periculum in mora, e quindi in situazioni di particolare urgenza, il mandato può essere emesso dal pubblico ministero o dalla polizia. Potete contestare un mandato del tribunale in qualsiasi momento, anche dopo la perquisizione.

Se consegnate dei beni o se tali beni vengono sequestrati durante una perquisizione, avete diritto a un inventario, se lo richiedete.

La mia patente di guida può essere sequestrata?

La vostra patente può essere temporaneamente sospesa da un giudice se vi sono ragioni fondate di ritenere che il tribunale ne disporrà il ritiro tramite una sentenza successiva relativa a una violazione al Codice della strada. Ciò avviene, di norma, quando commettete una violazione al Codice della strada che dimostra la vostra inidoneità alla guida di autoveicoli. La sospensione provvisoria della patente costituisce la conferma del tribunale di un eventuale precedente sequestro della patente. La polizia o il pubblico ministero possono sequestrare la vostra patente in caso di periculum in mora o quando vi sono ragioni urgenti per disporne il ritiro.

Sono consentite intercettazioni telefoniche?

Qualsiasi comunicazione (per esempio per telefono) e conversazione che effettuate nella vostra abitazione può essere controllata e registrata, nel rispetto di rigide condizioni giuridiche; tuttavia, a tal fine dovete essere sospettati di un reato grave o molto grave. È necessario un mandato del tribunale per entrambe le misure. In caso di periculum in mora, e quindi in situazioni di particolare urgenza, tali misure possono anche essere disposte dal pubblico ministero. A posteriori dovrete essere informati di tali misure.

Ulteriori informazioni

Le perquisizioni e il sequestro sono disciplinati dagli articoli 102 e seguenti e 94 e seguenti del Codice di procedura penale, mentre per la sospensione provvisoria della patente (sequestro della patente di guida) si deve far riferimento all’articolo 111a e per le intercettazioni telefoniche agli articoli 100a e seguenti.

Arresto (4)

Il pubblico ministero o la polizia possono arrestarvi temporaneamente se venite fermati sul luogo del reato o se siete inseguiti dal luogo del reato e siete sospettati di tentata fuga. Il pubblico ministero o la polizia possono arrestarvi temporaneamente anche in caso di periculum in mora, e quindi in situazioni di particolare urgenza, a condizione che siano soddisfatte le condizioni per l’emissione di un mandato d’arresto. A tal fine devono esserci fondate ragioni per sospettarvi di un reato e specifici motivi per procedere all'arresto. Al momento dell’arresto il mandato può essere già stato emesso o dover ancora essere emesso dal giudice su richiesta del pubblico ministero.

L’arresto può inoltre essere disposto se è necessario adottare con la forza determinate misure investigative, quali l’interrogatorio o una perquisizione corporale.

Mi verranno comunicati i motivi dell’arresto?

Vi verranno sempre comunicati i motivi dell’arresto. Se è stato emesso un mandato, deve esservene consegnata una copia al momento dell'arresto.

Per quanto tempo posso essere trattenuto?

Se siete stati fermati in base a un mandato d’arresto che è già stato emesso o per cui deve ancora essere presentata la richiesta, il fermo è soggetto a questi termini temporali.

Se siete stati arrestati al fine di consentire l’esecuzione di misure investigative con la forza, tali misure devono essere attuate immediatamente e dovete essere rilasciati al loro completamento. Il tempo necessario dipende dalle circostanze. In questi casi non potete essere trattenuti per nessuna ragione oltre il termine del giorno successivo a quello del vostro arresto.

Se venite arrestati e successivamente emerge che siete già soggetti a una pena detentiva che non è ancora stata scontata, potete essere posti in custodia cautelare dopo il vostro arresto.

Posso contattare qualcuno?

Quando venite arrestati avete il diritto di contattare un avvocato difensore di vostra scelta in qualsiasi momento. Potete informare un familiare o una persona di vostra fiducia se ciò non compromette lo scopo delle indagini. Potete inoltre chiedere di informare il consolato del vostro paese.

Posso contattare un medico se necessario?

Potete chiedere di essere visitati da un medico di vostra scelta.

Cos’è il mandato d’arresto europeo, e in che modo posso contestarlo?

Lo scopo del mandato d’arresto europeo è disporre l’arresto e la consegna di una persona ricercata per un’azione legale nel territorio dell’UE o far scontare un periodo in carcere o una qualsiasi altra pena detentiva. Se viene emesso un mandato d’arresto europeo nei vostri confronti, potete essere arrestati in qualsiasi Stato membro e trasferiti nello Stato membro che ha emesso il mandato.

Se siete detenuti in Germania sulla base di un mandato d’arresto europeo, verrete innanzitutto interrogati nel tribunale locale più vicino (Amtsgericht) al fine di accertare le vostre generalità e ascoltare eventuali obiezioni in merito alla vostra estradizione. La decisione in merito alle eventuali obiezioni sollevate viene presa dal tribunale regionale superiore (Oberlandsgericht).

Avete diritto a una rappresentanza legale in qualsiasi fase della procedura.

Se acconsentite all’estradizione, verrete estradati immediatamente (“procedura di estradizione semplificata”). Vi verrà comunicato che potete rinunciare al "principio di specialità". In tal caso, potete essere giudicati nel paese che ha emesso il mandato in altri procedimenti che non costituiscono oggetto del mandato. Il vostro consenso all’estradizione semplificata o la rinuncia al principio di specialità sono irrevocabili.

Se non acconsentite, il tribunale regionale superiore deciderà in merito alla validità dell’estradizione entro 60 giorni. Non è possibile presentare ricorso contro tale decisione del tribunale.

Per ulteriori informazioni cliccate qui e qui.

Custodia cautelare (5)

Quando devo essere informato del mandato d’arresto?

Se siete stati fermati sulla base di un mandato d’arresto, questo deve esservi consegnato al momento dell’arresto. Se siete stati arrestati temporaneamente, dovete comparire davanti al giudice entro il giorno successivo al vostro arresto. Se il tribunale emette successivamente un mandato d'arresto, vi informerà di conseguenza. Se il tribunale non emette un mandato d’arresto, verrete rilasciati.

Quando posso essere posto in custodia cautelare prima del processo?

Potete essere posti in custodia cautelare se vi sono ragioni fondate per sospettarvi e sussiste almeno uno dei motivi previsti per procedere all’arresto. Tali motivi riguardano reati molto gravi, il tentativo o il pericolo di fuga, il pericolo di reiterazione del reato o il pericolo che possiate ostacolare le indagini, per esempio distruggendo prove o influenzando testimoni. È possibile supporre che vi sia un pericolo di fuga nel vostro caso se non avete fissa dimora, un lavoro fisso e legami sociali stretti.

In che modo posso contestare un mandato di custodia cautelare?

Potete contestare un mandato di custodia cautelare presso il tribunale di grado superiore. Potete anche presentare domanda di riesame del mandato presso il tribunale che lo ha emesso. Tuttavia, se presentate la domanda di riesame presso il medesimo tribunale, non potete al contempo contestare il mandato presso il tribunale di grado superiore.

Per quanto tempo posso essere trattenuto in custodia cautelare?

Potete essere trattenuti fino alla conclusione del procedimento penale. Potete essere rilasciati prima se il mandato d'arresto viene ritirato o se il vostro arresto viene sospeso. La sospensione dell’arresto può essere condizionata: per esempio, può essere richiesta una cauzione in denaro o può esservi imposto di presentarvi regolarmente alla polizia.

Potete essere posti in custodia cautelare per oltre sei mesi solo in circostanze ben determinate (per esempio se le indagini si rivelano particolarmente difficili o eccezionalmente ampie o se vi sono altre ragioni importanti) che devono essere esaminate dal pubblico ministero o dal tribunale anche su loro iniziativa.

Cosa mi verrà comunicato al mio arresto?

Al momento dell’arresto vi deve essere comunicato, in una lingua a voi nota, che:

  • comparirete davanti al giudice immediatamente o al più tardi il giorno successivo al vostro arresto;
  • avete il diritto di esprimere osservazioni in merito alle accuse o di non rispondere;
  • avete il diritto di chiedere l’esame di prove a vostro favore o altrimenti di non parlare;
  • potete consultare un avvocato di vostra scelta in qualsiasi momento, anche prima di essere formalmente interrogati;
  • avete il diritto di chiedere di essere visitati da un medico di vostra scelta, e che
  • potete informare un parente o una persona di fiducia se ciò non compromette lo scopo delle indagini.

Deve esservi inoltre comunicato che potete richiedere l’assistenza gratuita di un interprete e che potete informare il consolato del vostro paese, autorizzato a comunicare con voi. Durante l’interrogatorio di convalida devono esservi comunicate tutte le circostanze che concorrono all’incriminazione. Vi deve essere data la possibilità di confutare i motivi dei sospetti e del vostro arresto e di far presenti eventuali circostanze a vostro discarico. Infine, dovete essere informati del vostro diritto di contestare l'arresto presso il medesimo tribunale o presso un tribunale di grado superiore.

Posso ricevere visite, posta, indossare i miei vestiti, ecc. durante la custodia cautelare?

Di norma è consentito ricevere posta durante la custodia cautelare. Potete tuttavia essere soggetti a determinate restrizioni. Per esempio, vi può essere imposto di chiedere l’autorizzazione per ricevere visite e usare mezzi di telecomunicazione. Può essere disposto un controllo dei mezzi di telecomunicazione e della posta o dei pacchi che ricevete o può esservi imposto di chiedere un’autorizzazione per ricevere oggetti durante le visite. Potete contestare tutte queste restrizioni. Per contro, non sono normalmente previste restrizioni per quanto riguarda la comunicazione scritta o verbale con il vostro avvocato. Le disposizioni in materia di custodia cautelare possono variare a seconda del Land.

Incriminazione (6)

Se durante le indagini vengono raccolte prove sufficienti per sostenere l’accusa, il pubblico ministero presenta un atto di incriminazione che riporta le accuse a vostro carico (Anklage) o presenta una richiesta di emissione di decreto penale (Strafbefehl) presso il tribunale competente. Il pubblico ministero dispone altrimenti l’archiviazione del procedimento. Nell'atto di incriminazione il pubblico ministero indica in sintesi le accuse, le prove e le leggi che avete violato.

Cosa significa se il tribunale mi invia un atto di incriminazione?

Nella fase intermedia il tribunale deve valutare se la causa debba proseguire con la fase principale, ovvero il processo. Innanzitutto vi verrà consegnata una copia dell’atto di incriminazione. Vi verrà quindi chiesto di dichiarare entro un determinato termine se sussistono prove a vostro discarico che occorre esaminare e se avete obiezioni rispetto all’avvio del procedimento principale.

Nel rito abbreviato l’incriminazione avviene in modo diverso; per ulteriori informazioni cliccate qui.

Cosa posso fare se non capisco le accuse perché non parlo tedesco?

Se le accuse sono espresse in una lingua che non conoscete, potete richiedere che l’atto di incriminazione venga tradotto senza spese per voi e che vi venga rinviato.

Cosa posso fare se ritengo che le accuse siano false?

Il tribunale vi comunicherà il termine entro il quale indicare i motivi per cui ritenete che le accuse siano false. Potete inoltre richiedere l’esame di prove che ritenete siano a vostro discarico.

Il tribunale può respingere l’incriminazione?

Se il tribunale ritiene probabile che non sarete condannati sulla base dell’incriminazione, per esempio se valuta che non sussistano prove sufficienti, non acconsentirà al rinvio a giudizio. Il pubblico ministero può presentare immediatamente ricorso contro tale decisione.

Le accuse possono essere modificate prima del processo?

Il pubblico ministero può ritirare o modificare le accuse in qualsiasi momento prima della fase processuale. Il pubblico ministero può in ogni caso presentare nuove prove in qualsiasi momento durante il procedimento penale.

Posso essere accusato di un reato per cui sono già stato perseguito in un altro Stato membro?

L’incriminazione in un altro Stato membro non impedisce di essere incriminati in Germania, ma se siete già stati condannati per il medesimo reato non potete essere processati nuovamente.

Sarò messo al corrente dei testimoni e delle prove a mio carico?

Nell’atto di incriminazione il pubblico ministero elenca le prove a sostegno dell’accusa. Il vostro avvocato avrà accesso al fascicolo al massimo entro il termine delle indagini e prima dell’incriminazione. Anche voi avete il diritto di consultare le informazioni contenute nel fascicolo e di ottenere copie di singoli documenti.

Ultimo aggiornamento: 30/08/2019

La versione di questa pagina nella lingua nazionale è affidata allo Stato membro interessato. Le traduzioni sono effettuate a cura della Commissione europea. È possibile che eventuali modifiche introdotte nell'originale dallo Stato membro non siano state ancora riportate nelle traduzioni. La Commissione europea declina qualsiasi responsabilità per le informazioni e i dati contenuti nel documento e quelli a cui esso rimanda. Per le norme sul diritto d'autore dello Stato membro responsabile di questa pagina, si veda l'avviso legale.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web